19°

29°

Il tenero Walter, Renzi e «la cattiveria che non ho saputo avere»

Ricevi gratis le news
0

Secondo Walter Veltroni Matteo Renzi ha «la cattiveria che io non ho saputo avere»

Aldo Cazzullo, oggi sul Corriere della Sera, ha intervistato Walter Veltroni, l'ex segretario che per primo ha parlato del Partito democratico come di un partito a vocazione maggioritaria. Veltroni loda Renzi e, pur ricordando che viene «da un mondo diverso» (è un ex Ppi, al contrario dell'ex segretario che viene dal Pci), afferma che lui e Matteo hanno la stessa idea di partito:  «Il Pd non deve limitarsi a riempire il proprio recinto, per poi unirlo al recinto dei vicini. Il Pd deve saper parlare a tutti gli italiani».

Eppure le differenze tra la vittoria di Renzi e la «non vittoria» di Veltroni -  che raggiunse il 33 per cento, ma fu battuto da Silvio Berlusconi - ci sono, almeno secondo l'ex segretario:

L'attuale «risultato storico è frutto di due circostanze oggettive: il fatto che Renzi sia al governo da poco, e abbia indicato la possibilità di un cambiamento; e la crisi di Berlusconi. Ma c’è anche una circostanza soggettiva: la personalità stessa di Matteo, la sua determinazione, la “cattiveria” che io non ho saputo avere; cosa che mi sono sempre rimproverato come un difetto. Se il sogno si è avverato, il merito è suo. Compreso il merito di aver sfidato, da riformista, tutti i conservatorismi».

Insomma, anche Veltroni si auto-interpreta in base alla sua immagine di buonista e si duole della cattiveria che non ha saputo avere. Eppure il quadro idilliaco del tenero Valter che fallisce per la sua bontà non tiene. Infatti, scavando appena un po' più a fondo, neppure Veltroni fu tanto buono, se non nei modi. Se infatti riandiamo ai tempi dell'agonia del governo Prodi si vede come le mosse di Renzi e di Veltroni furono assolutamente simili. Dopo l'elezione a segretario ci fu l'apertura al dialogo con Silvio Berlusconi e a questo seguì la destabilizzazione del governo Prodi a cui seguirono fibrillazioni sempre più intense e la morte dell'esecutivo dopo l'affaire giudiziario che coinvolse l'allora ministro Guardasigilli, Clemente Mastella. Solo che a quel punto il quadro era talmente logorato che si andò alle elezioni e non si cercò neppure - o non fu possibile - di formare un governo diverso. Alle elezioni, naturalmente e non era prevedibile nessun risultato diverso, il Pd  a vocazione maggioritaria di Veltroni si ritrovò ad essere minoritario e fu asfaltato da Berlusconi

Se vogliamo parlare di differenze caratteriali, quindi, sarebbe meglio non tirare in ballo la «cattiveria», ma la capacità di analisi politica che ti porta ad agire in modo sconsiderato in un momento di terribile debolezza politica con esito prevedibilmente infausto, come accadde con Veltroni, oppure ti porta a tentare l'azzardo nel preciso istante in cui le chance di una soluzione positiva sono reali, come è accaduto con Renzi.

In conclusione l'unica differenza in fatto di bontà tra Renzi e Veltroni è che Walter non avrebbe mai scritto un hashtag tipo #Romanostaisereno, simile al quello famoso di Renzi (#Enricostaisereno). Ma solo perché Twitter non era ancora stato inventato. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti