19°

parma alla moviola

Lucia derubata del Sole

Lucia derubata del Sole
Ricevi gratis le news
6

Martedì, il primo commento della mattina e l'ultimo della sera avevano lo stesso argomento. Il primo, addirittura, si chiedeva "ma in fondo che cosa ha fatto per Parma per darle la cittadinanza?"; e il secondo, più "mite", chiedeva che dopo tanto giusto parlarne ora si lasciasse in pace Lucia Annibali, e con lei i lettori.

Non avrei neppure preso in considerazione il doppio commento infelice, se nel frattempo non avessi letto un'intervista a Lucia sul Resto del Carlino da Pesaro. Un'intervista scritta proprio nel giorno della cittadinanza onoraria parmigiana, ma che - su un giornale marchigiano - si occupava solo di passaggio di questo evento, e sottolineava invece altre cose legate alla storia di Lucia.

Le metto in fila, anche per i due lettori cui accennavo prima, nella sequenza con cui l'articolo mi ha colpito come un pugno allo stomaco. 1) Nelle lungaggini e assurdità della legge italiana, paradossalmente l'iter dei risarcimenti a Lucia dopo la condanna del suo ex fidanzato la rendono comproprietaria di un appartamento proprio con il suo aggressore ! (dopo l'eredità di Ferdinando Carretta è uno de più grandi controsensi giuridici che abbia mai visto); 2) L'acido (uso le efficaci parole del collega Alessandro Mazzanti) "mangia ancora la pelle di Lucia": sembra incredibile, ma gli effetti di quella aggressione vigliacca e crudele non si sono ancora esauriti. Allo stesso modo in cui le pareti del pianerottolo dell'aggressione portano ancora i segni di quell'acido; 3) Nonostante i tanti interventi chirurgici (almeno una dozzina), non è ancora arrivato il momento in cui Lucia può esporsi al sole. Come dire che quel gesto la sta tuttora condannando a sottrarsi a una delle cose più belle del'estate e della vita.

Ecco perchè, che piaccia o no a qualche lettore (in realtà una minoranza: di quelli che credono che buonismo sia una malattia....), noi invece continueremo a seguire e raccontare questa storia di violenza e di coraggio, di vigliaccheria e di dignità. Ed ecco perchè, con orgoglio, ripetiamo quello che abbiamo scritto in un titolo martedì: Lucia è oggi la parmigiana più bella. E Parma, quella vera, sarà al suo fianco e al fianco di ogni donna vittima. Ogni giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • The Jolly Joker

    18 Aprile @ 09.40

    Caro Balestrazzi, faccio una premessa: PIENA SOLIDARIETA' alla sig.ra Annibali e PIENA CONDANNA a quello che le è accaduto in quel giorno a Pesaro... e faccio questa premessa sperando di non beccarmi una scomunica per quello che sto per dire. Io non mi sento di condannare la frase "ma in fondo che cosa ha fatto per Parma per darle la cittadinanza?", e per affermare ciò basta ripercorrere la storia della sig.ra Annibali: una volta che il gesto infame e vigliacco è stato rivolto nei suoi confronti, la Annibali non ha scelto di sua spontanea volontà di venire a Parma, ma bensì mi pare di ricordare che da Pesaro in poi non c'era posto negli ospedali per tale caso e quindi il primo trovato libero era a Parma... quindi escluderei l'amore per Parma da prima della storia. Parma è stata capace di ridarle nuova vita, nuova linfa e nuova speranza, questo grazie ai professionisti dell'Ospedale Maggiore di Parma (purtroppo e spesso sempre vituperati, ndr), ma nemmeno questo è attinente alla cittadinanza onoraria, poichè il merito andrebbe ai sanitari. Mi si dirà: "la Annibali ha dato tanto per il sociale", diffondendo la sua storia ed essendo da esempio per le tante donne in situazioni simili: ok, ci può stare, ma mi sembra che per questo abbia avuto la più grande onorificenza che poteva avere, e che va ben oltre qualsiasi cittadinanza onoraria: l'onorificenza di Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana, rilasciata dal nostro Presidente della Repubblica. Ed ancora, mi si potrà dire: "sì, ma la Annibali raccontando la sua storia porta in giro il nome di Parma e la sua eccellenza"... ed anche su questo punto, soprattutto rivedendo interviste e video, per ultimi quelli post-cittadinanza, non è che venga dato risalto alla città (se non per formalità) o, ancor di più, a lodare l'eccellenza del nostro ospedale... anzi, mi sembra che, ad eccezione della menzione personale del primario, vengano nominati raramente sia l'ospedale che i reparti che l'hanno avuta in cura. Detto questo, ripeto: non mi sento di condannare la frase del lettore, poichè magari frutto di ragionamenti come questi sopra. Per il resto mi auguro che la Annibali continui con la sua opera di diffusione a prescindere dai commenti (positivi o "apparentemente" negativi) perchè ALTO è il valore del suo operato.

    Rispondi

    • 18 Aprile @ 10.31

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - La sua osservazione è garbata e io non contesto la sostanza di ciò che dice. Quello che mi rattrista (e non mi riferisco più solo a lei, anzi) è come giorno per giorno prevalga in noi la ricerca di ciò che divide rispetto a ciò che unisce. Io, molto più semplicemente, credo che Parma (dove in effetti Lucia è arrivata per caso, oltre che per il vile agguato: poteva finire in qualsiasi altro ospedale italiano) abbia colto l'occasione di celebrare valori buoni (appunto quelli di Lucia) che a Parma si sono uniti - e hanno trovato un motore - nelle qualità del nostro ospedale. Allora non mi pongo il problema di dire se la cittadinanza è "tecnicamente" giustificabile o se è lo strumento più corretto. Dico che il caso (purtroppo, vista la genesi) ha fatto incontrare Lucia e Parma; dico che la nostra città, e tanti suoi personaggi, si sono distinti in questi ultimi anni per motivi tutt'altro che encomiabili. Allora, W Lucia e W la Parma che si ricorda di essere sè stessa, nelle sue qualità (in questo caso le eccellenze mediche: e le assicuro che nel suo libro e anche altrove Lucia parla di TUTTO il reparto e di TUTTE le persone) e nei suoi valori. Quelli che una volta erano il tratto distintivo di Parma e che poi troppo spesso abbiamo dimenticato. Questo, per me, è la cittadinanza di Lucia. Che su Twitter ha scritto: Parma= vita, energia, speranza, futuro, gioia, affetto, amicizia. Grazie! Ecco perchè ribadisco il mio titolo: nella città nota per le sue belle donne, da pochi giorni possiamo vantare un'altra "parmigiana" bellissima. Il resto, per me, è un dettaglio

      Rispondi

      • Paolo

        18 Aprile @ 11.22

        paolo.regg@email.it

        Ancora un'eccellente risposta data ad un commento garbato sì, ma triste e cavilloso sul nulla, che fa le bucce su un fatto di grande pregnanza umana ed anche sociale, che guarda il dito anziché la luna che indica. Un grazie a Balestrazzi.

        Rispondi

  • Biffo

    17 Aprile @ 22.45

    Gabriele, i redattori beceri di entrambe le opinioni sono, loro ed i loro commenti, solo due apparenti sfumature di un invincibile ed incorruttibile maschilismo e macismo italiota. Quei due e le loro opinioni vanno entrambi a braccetto., anche se, apparentemente, le gradazioni vanno dal tono più infame ad un malvelato compiacimento. Lucia, secondo costoro, in fondo, quegli schizzi di acido se li sarà pure andati a cercare, suvvia, come tutte le femmine, che rompono l'anima ai loro poveri compagni e poi frignano e si lamentano, se qualcuno di loro perde la pazienza e tura loro la bocca con poco di vetriolo. Sei stato, secondo me, anche troppo garbato ed urbano, nello stigmatizzare certe scempiaggini indegne.

    Rispondi

  • Paolo

    17 Aprile @ 12.46

    paolo.regg@email.it

    Articolo davvero magnifico ed una lezione di vita e saggezza a chi si è permesso di mettere certi commenti aridi e tristi. Lucia Annibali è un esempio per tutti di coraggio e forza d'animo, uno sprone su come affrontare gli eventi negativi della vita. La cittadinanza onoraria di Parma è stato il giusto riconoscimento per quel che ha fatto per tutti noi.

    Rispondi

  • Pietro

    17 Aprile @ 10.25

    Grazie, bell'articolo e bella puntualizzazione.. ma soprattutto BELLA LUCIA!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro