15°

29°

parma alla moviola

L'erba del vicino: Verdi e Ligabue

Ricevi gratis le news
17

Musicalmente me ne piace una su 10 sì e no (le altre 9 canzoni mi sembrano il replay della precedente), ma non posso non guardare con invidia al concerto di questa sera di Luciano Ligabue.

150mila spettatori paganti: vista dalla città che si è autoproclamata "capitale" di tutto e di più, quella di Reggio è certamente una serata da capitale della musica leggera. Non sarà Woodstock, ma è un raddoppio secco degli abitanti della Città del Tricolore: con anche gli inevitabili disagi, ma anche con una pubblicità e un indotto da non sottovalutare. Vedremo poi come andrà dal punto di vista organizzativo, ma sulla base degli anni scorsi bisogna dare atto ai cugini che su questo se la sono sempre cavata bene.

E mentre leggo dei preparativi per il Liga, mi torna in mente con quante speranze e quante promesse venne accompagnato a Parma - negli anni '80 - il debutto musicale del nuovo Palasport di via Pellico, con il "mito" Joe Cocker. Doveva essere l'inizio di una lunga stagione musicale nella quale anche Parma potesse recitare un ruolo da (avete indovinato? Esatto: "capitale"); oggi sappiamo bene che in quel Palasport, oltre ai cantanti e ai gruppi, non si esibiscono più neppure quegli splendidi interpreti degli anni d'oro della pallavolo.

Certo, se voi suonerete Ligabue noi faremo suonare il nostro Verdi, pur se non siamo riusciti a far suonare neppure Arbore.... Ma anche qui l'impressione (e a scanso di equivoci non parliamo solo degli ultimi tre anni: vedi Sara Tommasi nel palco reale) è che ci sia qualcosa da imparare dai cugini: il Liga day è un evento, il Verdi Festival è un discreto richiamo e nulla più.

Ecco, in attesa di avvicinarci a Salisburgo e Bayreuth o anche solo al Rossini Festival, forse - prendendo atto che stavolta l'erba del vicino è davvero più verde...di Verdi - potremmo iniziare, tutti,  a studiare il Campovolo Festival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    21 Settembre @ 19.24

    Senza tema di suscitare sospetti di piaggeria e di sviolinate, posso scrivere che Balestrazzi ha scritto un pezzo che ne dimostra il coraggio civile, usando toni estremamente smorzati, ma efficaci? Poteva rischiare il linciaggio da parte dei parmigiani DOC, del sasso.

    Rispondi

    • 21 Settembre @ 19.28

      (g.b.) - Credo che il coraggio lo abbiamo quei miei colleghi che scrivono di altri argomenti in altre zone: quanto ai parmigiani Doc, mi piace pensare che vogliano così bene alla loro città da cercare di imparare da chiunque abbia qualcosa da insegnarci, cugini compresi.

      Rispondi

  • federicot

    19 Settembre @ 23.05

    federicot

    Da sempre i reggiani brillano per organizzazione. Non è una novità. Da sempre noi parmigiani siamo pasticcioni. e pressapochisti. le amministrazioni non c'entrano nulla. A vedere j. Cocker al palasport eravamo in 6000....non si può proprio paragonare al campo volo. A giá che ci siamo ....il campo volo in un solo giorno fa più della metá dei passeggeri del Verdi in un anno...a volte l'ironia della sorte: Liga- Verdi 2 a 0

    Rispondi

  • roberto

    19 Settembre @ 15.00

    L'articolo non ha nulla di offensivo. E' un elegio ha una citta' (Reggio Emilia) che ha saputo valorizzare le sue risorse e una critica ad un altra città (Parma) che non riesce a valorizzare le sue pur avento in passato dimostrato di saperlo fare.

    Rispondi

  • Silvana

    19 Settembre @ 12.32

    Magari fare un bagno d'umiltà farebbe certamente bene invece di fare sempre gli spocchiosi. Anche la gazzetta non parla quasi di un avvenimento così importante che pero' riguarda noi reggiani e quindi è da censurare. Pazienza, rosicate pure.

    Rispondi

    • 19 Settembre @ 12.38

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Una volta che abbiamo parlato bene dei reggiani lei ci costringe subito a rettificare....? Ieri doppia pagina, oggi ampia intervista a Marco Ligabue, e infine questo umile servizio-omaggio alla vostra ottima organizzazione...... Non posso neanche dire se a Reggio guardate solo le figure, perchè...ci sono anche quelle ! Stia tranquilla, cugina, e si goda il concerto, che sprto sia più ispirato di questo commento :-)

      Rispondi

  • Virginia

    19 Settembre @ 11.14

    Ligabue così come Vasco sono i due cantanti rock più seguiti in Italia, puro show-business imparagonabile con la lirica, se poi una di queste rock star nasce di la dall'Enza e vuole fare il concerto del secolo nella sua città Natale che colpa hanno le nostre amministrazioni attuali e passate?

    Rispondi

    • Biffo

      19 Settembre @ 12.07

      Scusate se esco un po' fuori dal seminato ed anche un tantino fuori tema, ma Ligabue gracchia canzoni da menagramo, Vasco dei pezzi che esalano da ogni verso depressione e desolazione.

      Rispondi

      • 19 Settembre @ 12.54

        REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Trovo che la patente di menagramo (in campo musicale già tristemente collaudata da Mia Martini) non deponga a favore di chi la elargisce.

        Rispondi

        • Biffo

          20 Settembre @ 03.51

          Non è menagramo Ligabue, ma il contenuto delle sue canzon e il tono vocalico con cui le canta. M sono spiegato? Inoltre, io non sono un manager della musica, quindi posso esprimere pareri senza danneggiare l'oggetto dei medesimi.

          Rispondi

        • 20 Settembre @ 07.22

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Per me l'etichetta menagramo è infelice. Mi sono spiegato?

          Rispondi

        • Biffo

          20 Settembre @ 11.28

          Obbedisco!- f.to Franco Bifani, da Bezzecca.

          Rispondi

    • 19 Settembre @ 11.48

      (g.b.) - A parte che ho citato città, non italiane, che di lirica vivono, o perlomeno sfruttano i loro compositori molto meglio di noi, ho semplicemente citato un bell'esempio di concretezza e organizzazione da parte di quei nostri "cugini" che troppo spesso snobbiamo e che invece hanno tante cose da insegnarci. Anche viceversa, ovviamente, perchè io sono convinto che nella vita c'è sempre da imparare. E lei?

      Rispondi

      • Biffo

        20 Settembre @ 20.04

        Io trovo che i reggiani siano più semplici e concreti dei parmigiani, in genere; conservano ancora, in loro stessi, una certa carica umana di stampo contadino, che li rende più ancorati al terreno. Una band come I Nomadi, a Parma, non avrebbe mai trovato un humus adatto. Mia figlia Chiara, vissuta per anni tra Brescello e Novellara, e si è trovata meglio lì che non a Parma, dove, verso chi non è parmigiano del sasso, sono sempre sottilmente razzisti. Se solo sei di San Pancrazio o di San Prospero, vedi che si ritraggono, impercettibilmente, ed annusano l'aria per sentire se emani odore di stallatico. La prof di Matematica che avevo al Romagnosi, chiamava sempre i i non-parmigiani "Voi che venite da fooori!", ossia, forestieri, e ci considerava come strani animali antropoidi, non completamente evoluti verso i Sapiens.

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti