Blog

1915, dal football alle trincee

Storia di un campionato di calcio mai concluso

1915, dal football alle trincee
Ricevi gratis le news
0

Certe ricorrenze non lasciano indifferenti. A distanza di un secolo dalla Grande Guerra si susseguono le pubblicazioni e i ricordi, di vario genere e di diverso tenore. Una commemorazione che dura da tempo, e che probabilmente proseguirà fino al 2018. Tra le tante che si potrebbero citare, c'è però una pubblicazione che mi ha colpito in modo particolare, visto che pone l'accento su un aspetto tralasciato e quasi sconosciuto di quella storia. Un aspetto che si lega alla storia sportiva del nostro paese, e ricostruisce le vicende di un campionato di calcio un po' particolare, l'unico a venire sospeso, per evidenti ragioni, nel 1915.
Un libro fatto di sport e vicende belliche e diplomatiche, in un intreccio inscindibile.

Il libro in questione è “1915, dal football alle trincee” di Alessandro Bassi (Bradipo Libri editore, 2015). L'autore, nato a Reggio Emilia nel 1973, ha già pubblicato diversi volumi, tra cui “Il football dei pionieri. Storia del campionato di calcio in Italia dalle origini alla I Guerra mondiale”

Nella prima pagina scrive: “Volevo scrivere un libro strano, non convenzionale. Un libro che mettesse in una stessa pagina la storia 'alta' con la storia 'altra'. Un libro che raccontasse anche di come il calcio italiano e il Paese intero siano andati in guerra, tra stati d'animo e aspettative molto differenti in quell'anno fatidico di neutralità e di incessanti trattative su più tavoli”.

L'attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914, in cui un attentatore serbo di nome Gavrilo Princip uccideva l'arciduca Francesco Ferdinando e la moglie, avrebbe portato ben presto tragiche conseguenze, precipitando gran parte dell'Europa nell'abisso della guerra. In Italia, nei primi tempi, la vita proseguì normalmente. Il nostro paese era rimasto neutrale e, per quanto il dibattito tra interventisti e neutralisti infiammasse gli animi, avvitandosi in una spirale che ci avrebbe portato alla dichiarazione di guerra all'Austria del maggio 1915, quella realtà appariva ancora lontana.

Il nostro paese godeva ancora, seppure per poco, di una relativa tranquillità. E la vita andava avanti, e anche l'attività sportiva sembrava non risentirne. Anche allora si giocava il campionato di calcio, anche se era ben diverso da quello che conosciamo oggi. E' quello che oggi possiamo definire il calcio dei pionieri e se alcune squadre hanno nomi che conosciamo bene, come Juventus, Internazionale o Genoa, altre oggi sono scomparse, come Andrea Doria, Vigor, Casale (che era campione in carica). Regole farraginose garantivano la regolarità del torneo: le squadre erano suddivise in 6 gironi da 6 squadre ciascuno, assemblate sulla base delle regioni di provenienza. Al termine delle eliminatorie, le migliori due di ciascun girone e le quattro migliori terze formavano i quattro gironi di semifinale. Le vincenti di questi quattro gironi avrebbero formato il girone finale, da cui poi sarebbe uscita la vincitrice del campionato.

Un campionato che, però, resterà senza vincitori né vinti perchè il 21 maggio 1915 gli eventi precipitarono e pochi giorni dopo, il 23 maggio, l'Italia giunse alla dichiarazione di guerra all'Austria-Ungheria. Il giorno dopo, 24 maggio, la F.I.G.C. diramava questo comunicato: “In seguito alla mobilitazione generale la Direzione della F.I.G.C. ha sospeso gli incontri che ancora devono aver luogo a Genova, Milano, Roma, Pisa”. In quel momento, prima in classifica nel girone settentrionale era il Genoa, mentre nel girone dell'Italia centrale era la Lazio.

Ma ormai i problemi da affrontare erano ben altri. Moltissimi furono i calciatori che partirono per il fronte e Lo Sport Illustrato, che dal 10 giugno 1915 cambiò la testata in Lo Sport Illustrato e la Guerra, volle onorarli pubblicando le foto di tutti gli sportivi, non solo calciatori, che partirono.

In quei giorni si levarono molte voci che volevano l'assegnazione dello scudetto al Genoa, visto il valore e la qualità di quella squadra. Non tutti, tuttavia, erano d'accordo, e tra questi vi era una voce autorevole come quella di Emilio Colombo, che riteneva che sarebbe stato opportuno vedere il responso del campo.

Come andò a finire, poi, lasciamolo alle parole dell'autore del libro, Alessandro Bassi: “Nel 1919, a guerra terminata, il titolo venne assegnato d'ufficio al Genoa, ma ormai erano un'Italia e un calcio diversi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Troppo pochi disposti a donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video