12°

blog

M5s: lo "Staffa day"

Beppe Grillo e Federico PIzzarotti
Ricevi gratis le news
8

A far stare tutto in una battuta Renzi dovrebbe promuovere Giorgio Pagliari, per alcuni possibile candidato sindaco di Parma nel 2017, come minimo a ministro. E’ stato infatti il senatore Pd parmigiano, con un semplice esposto su un teatro sede di festival “localistico” (cit. Franceschini) a far ribaltare per 3-4 giorni di fila l’agenda della politica, dei tg e dei siti web nazionali. E dopo una settimana in cui il premier-segretario e il suo Pd erano apparsi in chiara difficoltà per le continue vicissitudini giudiziarie di amministratori, ora è il Movimento di Grillo (mentre si avvicinano elezioni in cui le 5 stelle potrebbero arrivare a brillare anche su Roma) sotto i riflettori e non in senso positivo.
Del Teatro Regio e del tecnicismo dell’abuso d’ufficio, ovviamente, non frega niente a nessuno, fuori dai nostri confini. Ma è evidente che il caso Parma è stato amplificato e dilatato oltre ogni limite (“L’unico problema dell’Italia è il caso Pizzarotti...?” commentava sul web un lettore non parmigiano dopo aver visto quasi tutti i tg nazionali iniziare per il terzo giorno di fila con le cronache dal Ducato) proprio per due motivi: i possibili riflessi sulla campagna elettorale nelle grandi città e il futuro di un Movimento che Renzi teme soprattutto per quando prima o poi dovrà rimettersi al giudizio delle urne con elezioni politiche nazionali.

E qui davvero il caso Parma va al di là di Parma e si intreccia con le incognite di un M5s che ha vissuto una straordinaria avventura mediatica e politica, ma che ora offre incognite altrettanto grandi del proprio straordinario potenziale (che i sondaggi continuano a confermare anche dopo il caso Pizzarotti).
Si potrebbe azzardare un Davide contro Golìa a parti invertite. Il Davide esiste davvero ed è Casaleggio junior: da tempo si dice sia lui il vero nemico del gruppo di Parma, e Marco Vagnozzi mi ricordò in una recente intervista che quando uscì il famoso post irridente verso “Capitan Pizza” Casaleggio senior era in ospedale. La decisione di sospendere Pizzarotti pare abbia in lui il vero artefice, con tanti favorevoli, con Di Maio tiepidamente contrario (più per il timore di riflessi sul voto che non per buona disposizione verso Pizzarotti) e con Grillo...non pervenuto, a parte lo scambio di mail sulla firma durante la diretta di Mentana. Il Golìa a questo punto sarebbe Pizzarotti: che però in 4 anni non può essere certo diventato un gigante della politica, ma che a parti invertite rispetto al duello biblico ha dimostrato di avere in mano una fionda web capace di fare molto male al vero gigante mediatico del Movimento, che è appunto la società Casaleggio.

A dimostrarlo è proprio il blog beppegrillo.it, cui nel frattempo Davide Casaleggio sta cambiando nome (blogdellestelle) e anima: chi lo ha seguito nei giorni scorsi ha visto a volte più banner pubblicitari che titoli veri e propri. Su questo blog, il caso Pizzarotti è approdato dopo almeno 36 ore (altro che gli imbarazzi che ancora qualche lettore rinfaccia a noi di Tv Parma e Gazzetta nel venerdì nero di Parmalat 2003…) ed ora è solo un microscopico titolino nella colonna destra. Ma è sufficiente iniziare a scorrere alcune decine dei 1400 commenti alla notizia (dove peraltro non c’è traccia del post nel quale il sindaco di Parma ha poi pubblicato avviso di garanzia e motivi del suo silenzio, condivisibili o no) per vedere che Pizzarotti non ha solo l’appoggio di qualche pentastellato parmigiano, ma non va lontano da un fifty-fifty rispetto agli “ortodossi” del movimento. Certo, ci sono tanti – e nei romani si avverte anche un po’ di snobismo verso i “provinciali” – cui Pizzarotti e il suo comportamento non piacciono. Ma ce ne sono quasi altrettanti che credono quanto meno nella sua buona fede e nel suo sincero attaccamento ai princìpi dei Cinque stelle, o che ritengono questo strappo pericolosissimo non solo per le elezioni vicine ma proprio per il futuro del movimento.

E qui torna fuori in pieno la questione della democrazia interna. Al di là di un direttorio che prima della questione avviso di garanzia ha inequivocabilmente latitato snobbando Parma e la surreale vicenda dei due gruppi 5 stelle in Comune; al di là di quanto Pizzarotti possa sperare da un comitato d’appello che vede protagonisti il “mitico” Crimi e la “pasionaria” Roberta Lombardi, è difficile pensare che a governare domani l’Italia sia un movimento in mano a un semisconosciuto che si cela dietro lo storico nome di “Rousseau”, la nuovissima piattaforma che regolerà i meccanismi del Blog delle stelle, votazioni online comprese, in virtù dei diritti legali che incatenano il M5s alla società Casaleggio. Se già per molti militanti era difficile vedere i destini Cinque stelle nelle mani di un visionario ma geniale (Gianroberto Casaleggio), anziché nella base in cui davvero “uno vale uno”, ben pochi – almeno a Parma – sembrano disposti a tollerare lo stesso smisurato potere nelle mani del figlio, quasi per diritto dinastico. Certo, in mezzo a tutto ciò ci sarebbe Beppe Grillo: ma in questi giorni l'ex comico è appunto sembrato in seconda linea, rispetto allo "Staff": e anche questo è stato sicuramente un autogol mediatico, cui i parmigiani stanno rispondendo con una sorta di "Staffa day" in assonanza con il famoso "Vaffa day"...

Proprio Rousseau ci ricorda che “L’uomo è nato libero e dappertutto è in catene”: ecco perchè il caso Parma e il destino di Pizzarotti (che al di là del giudizio come sindaco appare a livello nazionale uno dei migliori comunicatori pubblici e televisivi del movimento) vanno ben al di là dei nostri “localismi” o delle prospettive per il Municipio 2017 che pure a noi interessano tantissimo: in gioco, nel duello sulla “Stalingrado” conquistata nel 2012, c’è il concreto futuro politico nazionale di un non-partito. O, per chi vuol dirla in modo più idealista, c’è il futuro di un sogno nel quale a Parma hanno creduto davvero: un "sogno" che magari a Parma può avere deluso una parte di città nella sua attuazione concreta, ma che per vincere a livello nazionale ha paradossalmente bisogno - visti i leader romani e nazionali - di sciacquare i panni nella Parma e in tutti quei militanti di provincia che alla "follia" di Grillo hanno creduto davvero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    19 Maggio @ 02.14

    la rivolta di atlante

    C'E' DA CHIEDERSI IL PERCHE' DEL FORMARE UN MOVIMENTO CHE SE DESCRITTO COME NELL' ARTICOLO DI CUI SOPRA , SAREBBE SOLO UN ALTRO PARTITO COME IDV - SEL - FDI - NCD E VIA FINO AL PARTITO DEI PENSIONATI . L' ELETTORE DEL M5S NON CHIEDE SOLO UN PROGRAMMA MA VUOLE UNA NUOVA PROCEDURA NELLA POLITICA --- SARA' ROUSSEAU O ROBESPIERRE -- MA L ' ONESTA INTELLETTUALE E' ALLA BASE DEL SUCCESSO DEI M5S .... CHI MENTE O TACE E' FUORI .... PUNTO E BASTA ..... QUESTA E' LA TRASPARENZA TOTALE E SENZA RISERVE CHE NON GUARDA SE SEI UN SENATORE O UN ATTIVISTA. UN MODO DI INTENDERE LA PARTECIPAZIONE CHE PROBABILMENTE RISALE AL CONCETTO DI ONORE NELLA POLITICA LIBERALE O SOCIALISTA DI FINE 800 DOVE SE SI CAMBIAVA CASACCA DOPO IL VOTO SI ERA INSEGUITI FINO A CASA O SE SI NASCONDEVA UNA INDAGINE ERA UNO SCANDALO. RINUNCIARE A CIO' E' COME UCCIDERE LE POSSIBILITA' DI CONSENSO DELLA NUOVA POLITICA , ANZI , VI DIRO' CHE PIU' CASI DI ESPULSIONE MOTIVATE CI SARANNO E PIU' IL POPOLO GUARDERA' CON FAVORE QUESTO GRUPPO , COSI' ATIPICO NELL' ITALIETTA DEI MURI DI GOMMA E DEI " TENGO FAMIGLIA". TANTI CONSENSI E APPOGGI BIPARTISAN A PIZZAROTTI SONO INDICE CHE IL VECCHIO POTERE TEME UNA DIRIGENZA CHE EFFETTUA VERAMENTE UNA SELEZIONE INTERNA CODIFICATA , SONO TROPPO ABITUATI AL .. UNA MANO LAVA L' ALTRA E TUTTE DUE LAVANO IL VISO ...... DI BRONZO.

    Rispondi

  • Cesare

    17 Maggio @ 14.28

    ha fatto bene a scrivere "per alcuni", dottor Balestrazzi. Infatti dubito che sarà Pagliari il candidato sindaco di Parma.

    Rispondi

  • OsteGrogno

    17 Maggio @ 11.09

    sandro.grognardi@yahoo.it

    Sveglia M5S Parma!, succede che il sogno originario è finito e bisogna, i savii, svegliarsi! Pizzarotti_&_gruppo devono staccarsi e creare il proprio MoVimento, all'inizio emiliano, e tentare di rivincere Parma! perchè hanno e stanno lavorando bene e perchè Parma deve essere la prima che si sveglia dal torpore e dalle illusioni dei partiti classici corrotti e mafiosi sotto il Sistema_Roma. Sveglia Parma! Sveglia Pizzarotti!

    Rispondi

    • Filippo

      17 Maggio @ 13.22

      "Hanno e stanno lavorando bene"...?

      Rispondi

    • Giancarlo

      17 Maggio @ 11.37

      dove stanno lavorando bene...a me pare tutto il contrario

      Rispondi

      • salamandra

        17 Maggio @ 16.45

        a parte qualche incertezza iniziale stanno realmente lavorando bene

        Rispondi

        • Filippo

          17 Maggio @ 17.05

          Fra meno di un anno, vedremo chi ha una visione distorta della realtà: sono sinceramente curioso.

          Rispondi

  • Cosimo

    17 Maggio @ 10.03

    Chi si sottopone mediaticamente dopo la propria espulsione, come Pizzarotti, e diventa, avendone la consapevolezza, di per sé strumento di propaganda antimovimento, per cui contribuisce ad allontanare le aspettative dei MovElettori di sfuggire alla morsa dei partiti canaglia, conferma di aver meritato l'espulsione. Giusto escludere i peggiori, in qualunque contesto, così come nel calcio anche in politica, uno vale uno e se non vale si è fuori. Tuttavia è da ammirare la solidarietà del Pd “tutti per uno”, non lasciano mai solo un compagno inguaiato con la giustizia. Se il M5s fosse tollerante come il Pd noi non crederemmo nel M5s

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

Un fotogramma che mostra il lancio di una bottiglia contro la troupe.

striscia

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

2commenti

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

GAZZAFUN

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

Fausto Leali sui social, "io derubato da 4 slavi"

MONZA BRIANZA

Fausto Leali sui social: "Derubato da quattro slavi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Operaio e ladro: avrebbe rubato 4500 euro di merce dalla ditta

PARMA

Rubava materiali idraulici nella sua ditta e li rivendeva: arrestato operaio 40enne Video

Denunciato uno zio, residente a Maranello

PARMA

Lei non lo ama, lui la minaccia e dà coltellate al portone per entrare

Serata di follia in via Pedretti: denunciato un 31enne

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata: vi racconto il mio incubo»

Il Giardino

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

17commenti

PARMA

I ladri si arrampicano sui tubi: quattro furti in poche ore

PARMENSE

Terremoto: lieve scossa tra Fornovo e Varano

tg parma

Coin di via Mazzini: si fa strada l'ipotesi di un cambio con Ovs Video

Black Friday: è il giorno della caccia allo sconto nei negozi

VERSIONE DIGITALE

Black Friday: la Gazzetta a 0,50€ al giorno

Traversetolo

Tre anni di carcere al bullo che rapinava i coetanei

1commento

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Tribunale

Pusher tentò di uccidere un carabiniere: condannato a 7 anni

3commenti

Calcio

Insigne, fratelli da primato

1commento

Borgotaro

Tre furti in tre abitazioni lo stesso giorno

PARMA

Stanziati 930mila euro per il "Lauro Grossi"

Via libera della giunta comunale al progetto definitivo per interventi di ristrutturazione della tribuna coperta e degli spogliatoi del Centro di atletica

BASSA

Lavori al passaggio a livello: chiuso il ponte sull'Enza a Sorbolo

Domenica disagi per chi viaggia da Parma verso Brescello

MUSICA

Gli Snakes cantano per beneficenza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

REGGIOLO

Omicidio nel Reggiano: 31enne cutrese ucciso a colpi di pistola

CASTEL SAN GIOVANNI

Piacenza: i dipendenti di Amazon in sciopero Foto

SPORT

FORMULA UNO

Abu Dhabi: Vettel è il più veloce nelle prime libere

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

HOLLYWOOD

Molestie: anche Uma Thurman contro Weinstein

FIORENZUOLA

Prostituta legata, imbavagliata e gettata fuori dall'auto: arrestato 52enne

MOTORI

motori

Confronto tra KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery