12°

blog

Un Consiglio...

Gli Amici di Grillo contestano Pizzarotti (con Tapiro)
Ricevi gratis le news
22

Ho frequentato per oltre 30 anni la sala consiliare del Nostro Comune. Lo scrivo in maiuscolo, anche se vi ho visto e raccontato di tutto: dal dibattito rovente dopo che la Gazzetta scoprì un rapporto sul "Romanini lager" (la principale struttura per gli anziani dove alcuni ospiti erano stati trovati legati al letto), alle polemiche fra sesso e politica per il patrocinio tommasiniano al docu-film "D'amore si vive" di Silvano Agosti, alla imbarazzante sequenza dei franchi tiratori sull'elezione di Mara Colla (che nascondeva i contrasti interni e le troppe ambizioni in casa Psi), al periodo di Tangentopoli dove non mancarono i consiglieri sotto accusa...

Ma ho anche visto, in quella sala, dibattiti alti e importanti per la crescita della città. Ho visto consiglieri (dal Pci Mirko Sassi allo stesso Ubaldi quando era capogruppo Dc) e sindaci capaci di zittire l'intero Consiglio, quando prendevano la parola.

Ecco perchè, da cronista e da cittadino parmigiano, mi sento umiliato dalla scena di ieri, di un Consiglio comunale svuotato anche fisicamente. Un Consiglio che rinuncia ad essere sè stesso.

Questa volta, e mi dispiace, la prima colpa la faccio al sindaco. Così come ieri avevo raccontato quella che mi è sembrata una efficace strategia comunicativa (dopo il primo mancato e importante annuncio) sull'avviso di garanzia e sulla battaglia che evidentemente contro di lui viene combattuta dal vertice Cinquestelle, oggi dico che lui per primo aveva interesse (e obbligo, almeno in senso morale) a prendere la parola davanti al Consiglio e idealmente  a Parma per spiegare, anche solo in pochi minuti senza ripetere la maxi conferenza stampa del giorno prima, la sua posizione. Senza doverne essere sollecitato.

Lo aveva già fatto? No: è qui l'errore. La persona Federico Pizzarotti può dire una cosa sul suo profilo Facebook per i suoi tanti amici, o tenere un incontro o una conferenza stampa  da appassionato militante (con messaggi diretti, nel caso del sindaco, soprattutto a Genova-Roma-Milano). Ma deve anche ricordarsi, e non è un formalismo bizantino, di essere il sindaco di tutti i parmigiani, compresi quelli che al ballotaggio scelsero Bernazzoli e compreso l'81% che nel 2012 al primo turno non votò lui. Ecco perchè, se si poteva accettare la spiegazione "legale" sul mancato annuncio alla città (e a Grillo-Casaleggio, ma di questo a noi importa poco...), ieri doveva essere lui il primo ad avere voglia di spiegare ciò che - così ha scritto un avvocato - prima non aveva potuto spiegare. E non si trattava di trasformare il Consiglio in un tribunale o di violare segreti processuali: bastava, ripeto, un "bignami" per i cittadini di Parma di quanto Pizzarotti ha dedicato al "fantomatico staff"... Peccato, e  mi auguro che il sindaco capisca il suo errore e trovi il modo per rimediare.

Detto questo, la modesta riflessione del cronista vorrebbe coinvolgere anche il resto del Consiglio, quello che è uscito. Ieri la protesta poteva anche starci, anche se poi i termini usati (da entrambe le parti) ci hanno ricordato il livello, basso, del dibattito politico nazionale.

Ma proprio perchè il Consiglio comunale l'ho bazzicato per oltre 30 anni, so bene che clima si crei quando arriva una campagna elettorale. E dopo 4 anni in cui fin troppo spesso lo spirito è stato simile a ieri, dalla prossima seduta vorremmo vedere un Consiglio nel quale sì abbia corso la guerra delle idee, che è fatta anche di scontri. Ma in cui "tutti" i nostri rappresentanti (quelli che hanno sbagliato ieri e non solo, quelli che hanno fatto sbagli quando in Municipio c'erano loro, quelli da cui abbiamo registrato più critiche che proposte) si accorgessero che, oltre ad una campagna elettorale, c'è una città con qualche "problemino" che richiede il lavoro di tutti: la sicurezza, il dilagare della droga, le infiltrazioni della criminalità anche in certe attività economiche cittadine (l'avete letto cos'era la discoteca storica della città?), la multietnicità.....

...No, sindaco e consiglieri: non vogliamo più raccontare e ascoltare sedute come quelle di ieri. Quella Sala (che è lì e attiva anche grazie a quel 25 Aprile che a parole avete tutti celebrato le settimane scorse) non è fatta per svuotarsi, ma per essere piena di persone e di idee. Le avete diverse sul futuro della città? Benissimo: state lì dentro a farle scontrare, e fate emergere le migliori. E' di questo che Parma ha bisogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Asterix

    25 Maggio @ 16.12

    Caro balestrazzi mi dispiace che lei si senta offeso forse come le ha già detto un suo vecchio direttore non fa il lavoro adatto. Si ricordi che anche questo lo ha scritto lei. X l accreditamento con i dati perso ali PWR pubblicare post sulla gazzetta sono in attesa cosi magari si potrà sentire offeso da Paolo

    Rispondi

    • 26 Maggio @ 00.42

      GB - La vedo un po' confuso: sia sulle frasi del mio vecchio direttore che sul resto. La prossima volta venga un po' più preparato, oppure parli di ciò che sa. Grazie

      Rispondi

  • marco

    25 Maggio @ 14.40

    Chissà se il Signor.Balestrazzi si è sentito umiliato anche quando hanno arrestato il pupillo di Ubaldi,il sindaco Vignali insieme a parte della sua giunta? Oppure se si è sentito umiliato quando arrestarono Tanzi?Quando vennero sprecati 25 milioni di euro per una struttura che non fu mai aperta al pubblico? "Non vogliamo più ascoltare, raccontare" noi chi? la redazione? i cittadini di parma di cui lei si è autoeletto portavoce in questo editoriale? una volta si diceva che l'erba voglio non cresce neanche nel giardino del re...chissà se questo commento verrò pubblicato...

    Rispondi

    • 25 Maggio @ 15.29

      G.B. - Caro arrogantello e anonimo lettore: 1) partendo dalla fine, di tue sciocchezze ne ho publicate altre: quindi una più una meno... 2) Non solo io ma tutta la città si è sentita umiliata in quelle occasioni. Quindi...? 3) Non mi sono autoeletto un bel nulla: quando scrivo una frase quella frase porta poi un nome e cognome, quindi parlo unicamente a nome mio. Tu a nome di chi parli, anonimo ? 4) Anche per oggi il tempo da sprecare con te è esaurito. Buona giornata, arrogantello e anonimo lettore

      Rispondi

      • marco

        25 Maggio @ 16.08

        se parla unicamente a nome suo allora cosa scrive in plurale...".No, sindaco e consiglieri: non vogliamo più raccontare e ascoltare sedute come quelle di ieri".... Mi piacerebbe sapere se in quelle occasioni da me citate sopra se ne sia uscito con un editoriale dove scriveva che si sente "umiliato"...sul ponte di mezzo ha mai scritto che si sente umiliato?su vignali?su tanzi?ecc...testuali parole eh...Riuscirà mai a rispondere senza usare termini offensivi?tipo arrogantello perchè se io avessi scritto "arrogantello" il commento non sarebbe stato pubblicato...come già successo...e temo che neanche questa risposta vedrà la luce

        Rispondi

        • 25 Maggio @ 18.24

          G.B. - La forma del plurale è usatissima: e se poi infondo c'è solo una firma credo che chiunque capisca che quel plurale è il pensiero di chi scrive. Chiunque a parte cavillosi perditempo. E, ovviamente, arrogantelli come nella riga finale. Buona serata, anonimo: per oggi hai esaurito il tuo bonus

          Rispondi

  • Arrow

    25 Maggio @ 12.58

    Ma scusate, se le opposizioni lasciano il consiglio comunale perché il sindaco non vuole rispondere alle accuse sulle nomine del teatro Regio, è colpa di Pizzarotti??? Con molti problemi da risolve, come giustamente elencato alla fine del suo articolo, è possibile che tutti abbiano abbandonato l'aula per questa stupidata??? Ma ragazzi siamo onesti con noi stessi, viviamo in una nazione ormai in metastasi, dove la criminalità, la corruzione e lo schifo in genere regna sovrano in mezzo a noi, la maggior parte dei sindaci e istituzioni, che dovrebbero rappresentare i propri cittadini, rappresentano solo i propri interessi e quelli della mafia, ma di questo nessuno ne parla. Invece parlano in tutta Italia di Pizzarotti, facendolo apparire come la persona più corrotta di questa nazione, ma dio mio svegliamoci... Per una nomina di un teatro??? Sapetete dov'è il problema?? È che manca un anno alle elezioni e quindi non vorremmo mai che Pizzarotti rimanesse in carica!! GRAZIE GIORNALISTI

    Rispondi

    • Filippo

      25 Maggio @ 17.15

      In compagnia, chiamavamo Freccia uno che non eccelleva per velocità di ragionamento.

      Rispondi

    • Daniela

      25 Maggio @ 16.26

      Le do perfettamente ragione sulla parte NON VORREMMO MAI CHE PIZZAROTTI RIMANESSE IN CARICA. Ma cambierei il finale, anzichè dire grazie ai giornalisti Pizzarotti dovrebbe ringraziare sè stesso e la sua giunta per aver suscitato così tanto amore e rispetto nella popolazione di Parma con il suo operare. Democrazia partecipata solo quando gli si da ragione altrimenti non ascolta, non risponde e va per la sua strada.

      Rispondi

    • 25 Maggio @ 13.39

      G.B. - Ha ragione. Se in tutta Italia parlano da giorni di Pizzarotti in effetti è colpa di un giornalista: il direttore (forse un po' occulto) del sito beppegrillo.it ... Sempre per via del "siamo onesti con noi stessi"...

      Rispondi

  • Asterix

    25 Maggio @ 10.05

    Balestrazzi è stato lei a paragonare la gazzetta di Parma al blog di grillo e secondo lei se sul blog di grillo scrivo cose che non sono in linea con il movimento grillo cambia linea, non cambia nulla come non cambiera' mai linea lei semplicemente perche non lei non puo essere un libero pensatore e mi creda io con grillo non vado molto d accordo. In ogni modo il consiglio di tastare con mano cosa pensano i parmigiani in lo faccia ma in forma anonima, scoprirà un mondo diverso da quello che lei pensa. Perciò blog quando mette rete obbligatorio l accreditamento io mi firmero'... Pensò di rimanere anonimo per sempre

    Rispondi

    • 25 Maggio @ 13.37

      G.B. - Ottima scelta, viste le banalità (anche offensive, verso chi non conosce) che scrive: resti pure anonimo, glielo consiglio anch'io...

      Rispondi

  • Asterix

    25 Maggio @ 09.28

    Balestrazzi non continui ad arrampicarsi sui vetri, lei ha sempre letto visto e scritto a senso unico, lo ha dichiarato lei stesso, provi in forma anonima a chiedere alla uomo della strada cosa pensa della gazzetta e trovera' le risposte che cerca da me. E più la prego basta con la forma anonima è un disco rotto basta la prego non è Asterix che decide in che forma si possono fare i commenti sul vostro sito, lo decide la gazzetta in questo caso da lei rappresentata. Quindi se non le sta bene si faccia un articolo da solo.

    Rispondi

    • Daniela

      25 Maggio @ 16.23

      personalmente, da donna comune (donna di strada mi sapeva un pò troppo di peripatetica) Le dico che il Dr. Balestrazzi ha perfettamente ragione e do ragione alla Gazzetta.

      Rispondi

    • Filippo

      25 Maggio @ 13.33

      Veramente sei incommentabile: leggi l'articolo almeno, prima di esprimere giudizi. E se l'hai letto ma non l'hai capito, fattelo spiegare da Panoramix, che magari ti dà una pozione per diventare intelligente.

      Rispondi

    • 25 Maggio @ 09.38

      G.B. - Io l'articolo p'ho già fatto. E ,l'ho firmato, diversamente da lei, con nome e cognome: e questa è già una prima differenza fra me e chi pretende di darmi lezioni di qualsiasi cosa. Il suo senso unico significa due cose: che lei non ha letto questo articolo (visto che, se non ha solo guardato le figure, è un appello sia a maggioranza che opposizione, che in questi 4 anni potevano fare entrambe di meglio) nè ha letto quello che ho scritto in 40 anni. Cosa ovviamente non obbligatoria: proprio come non lo è dare giudizi su chi e che cosa non si conosce. Tanto più se anonimi. E, parafrasandola, se no sta bene si faccia lei un sito da solo: però per registrarlo in tribunale non basterà firmarsi Asterix...

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

RIMINI

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo Ricotti, un anno dopo. La mamma: "Massese, nessuno fa nulla"

Anniversario

Filippo Ricotti, un anno dopo. La mamma: "Massese, nessuno fa nulla"

Lettera della madre del 17enne travolto e ucciso sulla Massese un anno fa a Cascinapiano

LUTTO

E' morto Luigi Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

PARMA

Scuole elementari: due casi di scabbia al Maria Luigia

5 stelle

Parlamentarie: i nomi dei 28 parmigiani in corsa. E le esclusioni che fanno discutere

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

montecchio

L'assume come badante ma voleva altro: denunciato per tentata violenza sessuale

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

tg parma

Contrabbando di petrolio dalla Calabria a Parma, 6 arresti Video

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

2commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

BERGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

Economia

Più ortofrutta confezionata per non pagare i sacchetti bio Video

1commento

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti