21°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Incidente con auto fantasma fa discutere il web
SINGAPORE

Incidente con "auto fantasma": il video che fa discutere sul web

 
"Ceci n'est pas une pipe" e la straordinaria avventura degli oggetti nell'arte
Pinacoteca Stuard

"Ceci n'est pas une pipe" e la straordinaria avventura degli oggetti nell'arte

 
Marco Della Noce
Televisione

Cabarettista di Zelig dorme in auto, gara di solidarietà fra i colleghi

 
“Alla scoperta della Cisa romana”
Palazzo Bossi Bocchi

“Alla scoperta della Cisa romana”

 
Paolo Barilla: "Industria bistrattata per debolezza politica"
AIDEPI

Paolo Barilla: "Industria bistrattata per debolezza politica"

 
Rumeno ricercato
tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

 
Emicranie e cefalee muscolo-tensive occipitali: studio dell'Università di Parma su efficacia chirurgia mini-invasiva
salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

 
VITA DA GIUNGLA ALLA RISCOSSA! - IL FILM

VITA DA GIUNGLA ALLA RISCOSSA! - IL FILM

 
I morosi di ieri e i fidanzati di oggi: ma quante cose sono cambiate?
PARMAGIORNONOTTE

I morosi di ieri e i fidanzati di oggi: ma quante cose sono cambiate?

 
Gazzetta lavoro
Lavoro

Gazzetta lavoro

 
«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua
CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

 
Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni
Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

 
Una Start Up per il trasporto aereo on demand; l'Uber dei cieli?
hi-tech

Una start-up per il trasporto aereo on demand: l'Uber dei cieli? Video

 
Il parroco è solo: scatta l'operazione «Felice notte»
Fidenza

Il parroco è solo: scatta l'operazione «Felice notte»

 
Giovanni Pomella
ALIMENTARE

Parmalat investe a Collecchio, nuovo magazzino automatizzato

 
Tutti sul web a «parlär in djalètt»
TRADIZIONI

Tutti sul web a «parlär in djalètt»

 
perù cusco
viaggi

Cusco, l'antica capitale da scoprire con il fiatone

 
Lauren Hutton in copertina su Vogue Italia, edizione over 60
moda

Lauren Hutton in copertina su Vogue Italia, edizione over 60

 
Alternanza scuola-lavoro: al liceo Toschi solo esperienze artistiche
formazione

Il caso Alternanza scuola-lavoro, al Toschi "solo esperienze artistiche" Video

 
Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni
MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

film recensioni

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio

Bertolucci, le parole diventano immagini

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio
0

I fiocchi di neve, improvvisi, l'Oltretorrente, un tram giallo da prendere: e un poeta che salta, felice. Che grida e che salta, insieme a suo figlio: «E' nato Giuseppe, è nato Giuseppe!».
Vive di cose così, di parole che diventano immagini, di ricordi - teneri e potenti - che si fanno cinema, come un film mai girato, ma che esiste, nella testa, nel cuore, di qualcuno: sta proprio qui, in quelle memorie non banali, in quelle testimonianze piene di vita, la forza di «Evviva Giuseppe», il documentario, bello e affettuoso, che Stefano Consiglio (per Solares) ha dedicato all'uomo che ebbe il «doloroso privilegio» di essere il fratello minore di Bernardo Bertolucci, ma anche - e soprattutto - il regista che inventò dal nulla Benigni, il narratore cortese di storie non lineari, il cineasta colto e ispirato che sopravvisse a tutto e a tutti (anche alla sua, ingombrante e meravigliosa, famiglia) senza odiare e copiare nessuno.
I versi del padre, i ricordi (magnifici e quasi avvolti dal mito) del fratello, le parole degli amici e le sue stesse confessioni: immagini e frammenti cristallini con cui Consiglio compone il puzzle di una personalità che sfugge alle facili classificazioni, radunando effetti personali e oggetti smarriti di un regista così come lo raccontano, tra gli altri, Nanni Moretti (che grazie a lui scoprì Laura Morante...), Stefania Sandrelli, Lidia Ravera, Fabrizio Gifuni.
E a cui qualcuno deve tanto. E altri tutto. «Mi ha insegnato il coraggio e la paura, perché io ho paura solo delle cose che amo - dice Benigni nello splendido monologo finale scritto apposta per il film -. Mi ha insegnato la bellezza e che ogni gesto è prezioso». Anche stavolta, come sempre, aveva ragione papà Attilio: «Assenza più acuta presenza».fil.m.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0