17°

32°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Ospedale di Vaio: tanti libri per i bimbi della Pediatria
Fidenza

Ospedale di Vaio: tanti libri per i bimbi della Pediatria

 
Corsa al rettorato: Maria Careri, chimica, è  la sesta candidata
tv parma

Corsa al rettorato: Maria Careri, chimica, è la sesta candidata Video

 
Bieber investe un paparazzo a Los Angeles
Spettacolo

Bieber investe un paparazzo a Los Angeles

 
«De Gustibus», enoteca con cucina di qualità
CHICHIBIO

«De Gustibus», enoteca con cucina di qualità

 
Angelina Jolie
gossip

Angelina Jolie pronta a nuovo matrimonio

 
Quale paghetta?
PGN

Quale paghetta? Per andare in vacanza bisogna lavorare

 
Credito agevolato per start-up e green economy. Emilia, fondo di 47 mln
CCIAA

Credito agevolato per start-up e green economy. Emilia, fondo di 47 mln

 
«Classicamente» alla Reggia di Colorno
classica

«Classicamente» alla Reggia di Colorno

 
I TEMPI FELICI VERRANNO PRESTO

I TEMPI FELICI VERRANNO PRESTO

 
Gazzetta Lavoro
PARMA

Gazzetta Lavoro: gli annunci di Publiedi

 
AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato
almalaurea

Laureati, dopo 5 anni l'84% ha un lavoro

 
Klaus Davi attacca la biblioteca Palatina di Parma, "Per loro meridionali come camorristi"
il caso

Bibbia in ebraico, Verde respinge le accuse di Klaus Davi

 
I mobili robot che trasformano la camera da letto in soggiorno
hi-tech

I mobili robot che trasformano la camera da letto in soggiorno Video

 
Belgrado, i tanti volti di una nazione sospesa
viaggi

Belgrado, i tanti volti di una nazione sospesa

 
I residenti contrari all'arrivo dei profughi
Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

 
Alternanza scuola-lavoro: al liceo Toschi solo esperienze artistiche
formazione

Il caso Alternanza scuola-lavoro, al Toschi "solo esperienze artistiche" Video

 
Il vescovo Ovidio: «Sarò un pastore che sa ascoltare»
FIDENZA

Il vescovo Ovidio: «Sarò un pastore che sa ascoltare»

 
Enrico Maletti: "Al sonadór No-bél"
maletti

"No-bél", Bob Dylan rivisto in dialetto parmigiano Video

 
Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni
MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

 
Alinovi: presto i lampioni con le telecamere
Illuminazione

Alinovi: presto i lampioni con le telecamere

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

cinema

Sicilian Ghost Story, sul truce omicidio del piccolo Di Matteo

La mafia in una favola nera ma non rassegnata

Sicilian Ghost Story, sul truce omicidio del piccolo Di Matteo
0

«Quindi dovrei fare finta di niente, come tutti? Tanto la vita continua, no?».
E' una goccia e sarà pure una goccia nel mare: ma scava la roccia, «Sicilian ghost story». E va oltre i rosari e le donne vestite sempre di nero, le facce mute dietro le finestre e i singhiozzi al di là delle porte, le parole smozzicate e i silenzi smisurati: per abbattere il muro dell'omertà e della dimenticanza, dell'appiattimento di un ricordo che rende le vittime tutte uguali e tutte ugualmente senza storia. Lo fa con un'idea forte, provocatoria: trasfigurando un atroce fatto di mafia in una favola nerissima eppure non rassegnata, rifiutando sia il realismo scontato di certo cinema di denuncia che la rappresentazione retorica e stereotipata di alcuni modelli televisivi che rileggono con scarsa verità l'attualità. Per abbracciare invece, in una scelta che è politica oltre che stilistica, il genere fantastico, di cui conserva, a suo modo, i miti e gli elementi fondanti: la foresta, gli orchi, i passaggi segreti, una natura ambigua e bivalente, i fantasmi.
Opera seconda, collerica, dolorosa, anche potente, di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, che si erano messi in luce vincendo 4 anni fa a Cannes con «Salvo» la Semaine della critique (la sezione che quest'anno hanno avuto l'onore di inaugurare), «Sicilian ghost story» racconta di Luna, dodicenne che, sola contro tutti, cerca ovunque Giuseppe, il compagno di scuola di cui è innamorata, sparito da un giorno all'altro nel nulla...
Dedicato al piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio di un pentito e per questo vittima di uno dei più spregevoli, efferati e inutili omicidi di Cosa nostra (che lo sequestrò per 779 giorni per poi ucciderlo e scioglierlo nell'acido), il film di Grassadonia e Piazza (che mercoledì sera saranno a Parma, all'Edison, per incontrare il pubblico) ricorre a una Sicilia inedita per coglierne la dimensione di mondo a parte, mettendo in evidenza, tra inquadrature a terra, uso del grandangolo e spazi soffocanti, gli stilemi riconducibili all'horror di una terra ostile, divorata dalla paura e dall'indifferenza. Ispirato a un racconto contenuto nella raccolta «Non saremo confusi per sempre» di Marco Mancassola, «Sicilian ghost story», interpretato nella parte dei protagonisti da due esordienti (Julia Jedlikowska e Gaetano Fernandez), trova nella fiaba (così come già «Il labirinto del fauno» e, in parte, «Io non ho paura») una valenza simbolica che restituisce autenticità e credibilità a una realtà altrimenti annacquata, sfibrata da troppe delusioni: quella in cui l'ostinazione della protagonista, la sua incapacità di arrendersi e il suo rifiuto di essere complice del sistema degli adulti, rappresentano i semi di una coscienza civile che appartiene alle nuove generazioni. Le uniche in grado di convincere gli dei a tornare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0