ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Verso industria 4.0: a Parma un seminario del piano di Confindustria
tg parma

Verso industria 4.0: a Parma un seminario del piano di Confindustria

 
Ecco la nostra guida di Parma. Quali sono i piatti più buoni e gli angoli più belli della città?
PGN

Ecco la nostra guida di Parma. Quali sono i piatti più buoni e gli angoli più belli della città?

 
Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway
Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

 
Trattoria "Al Voltone"
CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

 
Ciclo incontri Palazzo del Governatore - Aps Un villaggio per crescere
Incontro

Palazzo del Governatore - Aps Un villaggio per crescere

 
Entra nel vivo il progetto di collaborazione transnazionale tra le Città Creative Unesco per la Gastronomia
UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

 
Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical
CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

 
Filippo Nardi
TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

 
Gazzetta lavoro
impiego

Gazzetta lavoro

 
Le pagelle in dialetto parmigiano
parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

 
Furto Esselunga in via Emilia Est
PARMA

Ruba 15 bottiglie di alcolici all'Esselunga: denunciato dai carabinieri

 
CARAVAGGIO - L'ANIMA E IL SANGUE

CARAVAGGIO - L'ANIMA E IL SANGUE

 
Violenza
Melbourne

Per giorni, famiglia scatena risse in crociera: cacciati Video

 
Lofoten
INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

 
Due ricercatori dell’Università di Parma
Researchers

Mingione e la Pellegrini, eccellenze parmigiane al top della ricerca

 
Istat: PIl 2017 +1,4%. Il più alto da 7 anni
ECONOMIA

Istat: Pil 2017 +1,4%. Il più alto da 7 anni

 
L'Oltretorrente tra '800 e '900 raccontato in un docufilm
tg parma

L'Oltretorrente tra '800 e '900 raccontato in un docufilm Video

 
Donazione al centro ustioni del Maggiore
tg parma

Donazione al Centro ustioni del Maggiore: parla Edoardo Caleffi Video

 
Nuova grana per l'iPhone X: non fa rispondere alle telefonate
HI-TECH

Nuova grana per l'iPhone X: non fa rispondere alle telefonate

 
VALENCIA
VIAGGI

Valencia, a marzo l'intera città prende fuoco per una notte 

 
Gisele cede scettro top model piu' pagata a Kendall
moda

Kendall Jenner la modella più pagata. Gisele perde il trono

 
Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni
MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

CINEMA

Nico, 1988: un film emotivo e coerente

La sacerdotessa delle tenebre

Nico, 1988: un film emotivo e coerente
0

«Sono stata in cima e poi ho toccato il fondo: ed entrambi i posti erano vuoti». Chiedi chi era Nico: chiedi di una bimba tedesca col padre morto in manicomio, chiedi dell'icona dei Velvet Underground, della musa di Andy Warhol. Ma anche della modella dalla voce profonda, dell'attrice che Fellini volle ne «La dolce vita», della madre del figlio che Alain Delon non ha mai riconosciuto. Chiedi della ragazza più bella del mondo: poi donna matura, sfatta, tossica, dolente. Eppure grande, comunque.
Non so se ce lo meritiamo un film bello come quello di Susanna Nicchiarelli, che sradica le regole del biopic tradizionale per affrontare con un coraggio inusuale per il nostro cinema il mito umanissimo e intransigente della «sacerdotessa delle tenebre», Christa Päffgen in arte Nico, cogliendone l'ebbro mistero nei titoli di coda di un'esistenza tumultuosa (tra concerti interrotti dalla polizia e confessioni notturne davanti a un limoncello), trasformando la leggenda in verità, con un procedimento inverso e contrario di chi stende il tappeto rosso dell'omaggio.
Girato in inglese, con cast e (soprattutto) vocazione internazionale, «Nico, 1988» - vincitore nella sezione Orizzonti all'ultima Mostra di Venezia - si aggira come uno spettro nell'Europa di 30 anni fa accarezzando con ruvida sensibilità ferite e cicatrici di un'artista colossale di cui la regista romana canta i tormenti che lastricarono una storia perennemente sbagliata, stonata. Un film emotivo, coerente, anti nostalgico che ha il corpo e la voce (canta lei tutte le canzoni) di un'enorme, straordinaria, Trine Dyrholm, 45enne attrice danese che esibisce senza paura, come davanti a uno specchio incapace di mentire, segni e lividi di una sconfitta che non diventa mai resa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0