-2°

10°

dialetto

Famija pramzana porta al Regio «Peppino Verdi»

Famija pramzana porta al Regio «Peppino Verdi»
Ricevi gratis le news
0

 

Nell’anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi il Teatro Regio apre le porte alla commedia dialettale: lo spettacolo «Peppino Verdi», ambientato ai tempi e tra i conoscenti di Giuseppe Verdi, torna ad essere portato sulla scena grazie alla compagnia dialettale della Famija Pramzana, diretta dal regista Franco Greci, e sarà rappresentata sul prestigioso palco del Teatro Regio, domani, alle 15.30.
La manifestazione è stata presentata dal sindaco in un incontro in Municipio, al quale sono intervenuti dirigenti e attori del sodalizio organizzatore: «Questa –  ha affermato Pizzarotti – è una bella occasione per riportare al Regio una delle nostre compagnie teatrali più prestigiose. Rappresentare in questo teatro una commedia dedicata a Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario è motivo di orgoglio anche per il Comune, che ha sostenuto e patrocinato l’iniziativa, anche come strumento per valorizzare le nostre tradizioni che la Famija tiene vive». Soddisfatti anche dirigenti e attori della Compagnia organizzatrice: «Siamo felicissimi di tornare al Teatro Regio dopo 12 anni – hanno affermato il presidente del Circolo Giuseppe Fava e il capocomico Franco Greci, regista dello spettacolo – e soprattutto ci fa piacere avere al nostro fianco il Comune. La prevendita è a buon punto e siamo ormai certi che domenica il teatro sarà pieno. Non è cosa da poco per una compagnia dialettale». E’ prevista la partecipazione straordinaria del coro della Corale Verdi, e ci sarà un suggeritore d’eccezione, il Dsèvod Maurizio Trapelli.  
Scritta e interpretata la prima volta nel 1938 da Italo Clerici e Romano Preti e ripresa nel 2001, per il centenario della morte del compositore bussetano, la commedia si svolge nel 1824 (primo atto) dove Verdi (che non si vede mai) ha 11 anni ed è temporaneamente ospitato dalla famiglia di Pugnatta, calzolaio di Busseto con la passione della musica e di Napoleone.
Il secondo e terzo atto sono ambientati dieci anni dopo: Verdi è in corsa per diventare maestro di cappella di Busseto e si intrecciano varie storie parallele per una commedia brillante, anche se con una spiccata matrice storica.
L’ingresso è «a pressi popolar»: 20 euro la platea, 15 i palchi e 8 la galleria.
Nell’anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi il Teatro Regio apre le porte alla commedia dialettale: lo spettacolo «Peppino Verdi», ambientato ai tempi e tra i conoscenti di Giuseppe Verdi, torna ad essere portato sulla scena grazie alla compagnia dialettale della Famija Pramzana, diretta dal regista Franco Greci, e sarà rappresentata sul prestigioso palco del Teatro Regio, domani, alle 15.30.La manifestazione è stata presentata dal sindaco in un incontro in Municipio, al quale sono intervenuti dirigenti e attori del sodalizio organizzatore: «Questa –  ha affermato Pizzarotti – è una bella occasione per riportare al Regio una delle nostre compagnie teatrali più prestigiose. Rappresentare in questo teatro una commedia dedicata a Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario è motivo di orgoglio anche per il Comune, che ha sostenuto e patrocinato l’iniziativa, anche come strumento per valorizzare le nostre tradizioni che la Famija tiene vive». Soddisfatti anche dirigenti e attori della Compagnia organizzatrice: «Siamo felicissimi di tornare al Teatro Regio dopo 12 anni – hanno affermato il presidente del Circolo Giuseppe Fava e il capocomico Franco Greci, regista dello spettacolo – e soprattutto ci fa piacere avere al nostro fianco il Comune. La prevendita è a buon punto e siamo ormai certi che domenica il teatro sarà pieno. Non è cosa da poco per una compagnia dialettale». E’ prevista la partecipazione straordinaria del coro della Corale Verdi, e ci sarà un suggeritore d’eccezione, il Dsèvod Maurizio Trapelli.  Scritta e interpretata la prima volta nel 1938 da Italo Clerici e Romano Preti e ripresa nel 2001, per il centenario della morte del compositore bussetano, la commedia si svolge nel 1824 (primo atto) dove Verdi (che non si vede mai) ha 11 anni ed è temporaneamente ospitato dalla famiglia di Pugnatta, calzolaio di Busseto con la passione della musica e di Napoleone.Il secondo e terzo atto sono ambientati dieci anni dopo: Verdi è in corsa per diventare maestro di cappella di Busseto e si intrecciano varie storie parallele per una commedia brillante, anche se con una spiccata matrice storica.L’ingresso è «a pressi popolar»: 20 euro la platea, 15 i palchi e 8 la galleria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

CASERTA

Bellona, uccide la moglie e spara dal balcone: 5 feriti. Poi il suicidio

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video