dialetto

Theatro del Vicolo, in scena la nostra storia

Theatro del Vicolo,  in scena la nostra storia

Pietro Vitalia

Ricevi gratis le news
0
La congiura di Fevdatäri rappresenta l'esecuzione di Barbara Sanseverino e degli altri feudatari

 

«La Congiura di Fevdatäri» all' appuntamento di stasera al «Theatro del Vicolo».
La stagione teatrale 2013 2014 del «Theatro del Vicolo» quest’anno dedica  tre appuntamenti al dialetto parmigiano. Primo appuntamento, stasera alle 21,15: nel teatro di vicolo Asdente va in scenza «La Congiura di Fevdatäri»,  testo edizione Battei.
 La lettura del poemetto in quattro parti, scritto da Alfredo Zerbini, verrà eseguita dagli attori dialettali Enrico Maletti e Pietro Vitali, primo attore della compagnia la Duchèssa, mentre la presentazione in italiano ad ogni capitolo, scritta da Anna Berta Ceci, è affidata a Cristina Cabassa.  La regia è di Enrico Maletti. 
L’argomento è la congiura del 1611-1612 ordita dai feudatari parmensi contro Ranuccio I Farnese quarto Duca di Parma. La congiura fu capeggiata da Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Sala e marchesa di Colorno, una delle più belle, colte e vivaci gentildonne del suo tempo. Scoperta la congiura, il Duca condannò alla pena capitale Barbara Sanseverino e tutti gli altri feudatari compromessi. La sentenza venne eseguita in piazza Grande (ora Garibaldi), nell’angolo detto del «criminale», fra via Repubblica e via Cavour, sabato 19 maggio 1612 alla presenza di una enorme folla di popolo. Con «La Congiura di Fevdatäri», più che un'opera storica, rigorosamente documentata, Zerbini riuscì a creare un’opera d’arte e di poesia dialettale parmigiana. Il poemetto storico-narrativo è diviso in quattro parti di venti  sonetti  ognuno: I Fevdatäri, La Congiura, Al Procés, La Grand Giustìssia. Francesco Squarcia, scrittore e critico letterario, allora scrisse:  «La prima cosa che mi ha colpito è il fatto che il poemetto non soltanto è il primo esempio di genere storico-narrativo; ma segna anche un interessante tentativo di uscire da certe tenerezze dell’ idillio piccolo-borghese, che ha si creato anche cose graziose nella nostra poesia dialettale, ma è ormai troppo scontato, è oltre qualcosa di più che l’impeto popolaresco che il gusto narrativo del complesso, cioè un tratto che incide più a fondo e che rivela un estro sicuro, una visione e una meditazione che sono ben propri dello Zerbini».  Il pubblico parmigiano, abituato a testi di commedie brillanti con intrecci comici e amorosi, si accorgerà con questa lettura di storia di Parma di quattrocento anni fa, che non ha nulla di comico, che il dialetto è una lingua completa e non ha nulla da invidiare ai testi in lingua italiana. Gli altri due appuntamenti dialettali al Theatro del vicolo sono sabato 7 dicembre con «Na sìra in djalètt Pramzàn», presentazione di testi dei migliori poeti dialettali, sempre con Enrico Maletti e Pietro Vitali, e sabato 11 gennaio, con «Cabarèt Dialettale» con la compagnia «Nuova Corrente» diretta da Aldo Pesce. 
«La Congiura di Fevdatäri» all' appuntamento di stasera al «Theatro del Vicolo».La stagione teatrale 2013 2014 del «Theatro del Vicolo» quest’anno dedica  tre appuntamenti al dialetto parmigiano. Primo appuntamento, stasera alle 21,15: nel teatro di vicolo Asdente va in scenza «La Congiura di Fevdatäri»,  testo edizione Battei. La lettura del poemetto in quattro parti, scritto da Alfredo Zerbini, verrà eseguita dagli attori dialettali Enrico Maletti e Pietro Vitali, primo attore della compagnia la Duchèssa, mentre la presentazione in italiano ad ogni capitolo, scritta da Anna Berta Ceci, è affidata a Cristina Cabassa.  La regia è di Enrico Maletti. L’argomento è la congiura del 1611-1612 ordita dai feudatari parmensi contro Ranuccio I Farnese quarto Duca di Parma. La congiura fu capeggiata da Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Sala e marchesa di Colorno, una delle più belle, colte e vivaci gentildonne del suo tempo. Scoperta la congiura, il Duca condannò alla pena capitale Barbara Sanseverino e tutti gli altri feudatari compromessi. La sentenza venne eseguita in piazza Grande (ora Garibaldi), nell’angolo detto del «criminale», fra via Repubblica e via Cavour, sabato 19 maggio 1612 alla presenza di una enorme folla di popolo. Con «La Congiura di Fevdatäri», più che un'opera storica, rigorosamente documentata, Zerbini riuscì a creare un’opera d’arte e di poesia dialettale parmigiana. Il poemetto storico-narrativo è diviso in quattro parti di venti  sonetti  ognuno: I Fevdatäri, La Congiura, Al Procés, La Grand Giustìssia. Francesco Squarcia, scrittore e critico letterario, allora scrisse:  «La prima cosa che mi ha colpito è il fatto che il poemetto non soltanto è il primo esempio di genere storico-narrativo; ma segna anche un interessante tentativo di uscire da certe tenerezze dell’ idillio piccolo-borghese, che ha si creato anche cose graziose nella nostra poesia dialettale, ma è ormai troppo scontato, è oltre qualcosa di più che l’impeto popolaresco che il gusto narrativo del complesso, cioè un tratto che incide più a fondo e che rivela un estro sicuro, una visione e una meditazione che sono ben propri dello Zerbini».  Il pubblico parmigiano, abituato a testi di commedie brillanti con intrecci comici e amorosi, si accorgerà con questa lettura di storia di Parma di quattrocento anni fa, che non ha nulla di comico, che il dialetto è una lingua completa e non ha nulla da invidiare ai testi in lingua italiana. Gli altri due appuntamenti dialettali al Theatro del vicolo sono sabato 7 dicembre con «Na sìra in djalètt Pramzàn», presentazione di testi dei migliori poeti dialettali, sempre con Enrico Maletti e Pietro Vitali, e sabato 11 gennaio, con «Cabarèt Dialettale» con la compagnia «Nuova Corrente» diretta da Aldo Pesce. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gimmi Ferrari e i suoi corvi (1996)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Dove investire nel 2018? 5 domande e 5 risposte

ECONOMIA

Dove investire nel 2018? 5 domande e 5 risposte

Lealtrenotizie

Nera 3

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

incidente

Viale Piacenza, 73enne in bici travolto da un'auto: è grave

2commenti

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

A MEDESANO

Pioggia di lettere anonime a luci rosse

Il caso

«Io, musulmano, sono contro la chiusura delle "Luigine"»

2commenti

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

fiere

Cibus 2018 scalda i muscoli: attesi 80mila visitatori

carabinieri

Capodanno rovinato: l'appartamento in affitto a Madonna di Campiglio era una truffa

tg parma

Novità in casa Tep: arrivano tre nuovi autobus lunghi 10 e 12 metri Video

1commento

HA SCIPPATO DUE ANZIANE

Rapinatore incastrato da una foto

2commenti

FIDENZA

Auto in fiamme nella notte: incendio doloso?

BORGOTARO

Tornano odori e disagi, Rossi interpella Arpae per nuovi controlli

Il sindaco: «Non vogliamo si ripeta la situazione dell'anno scorso»

m5s

Cominciate le parlamentarie. Per Parma Ferraroni, Distante, D'Alessandro e...?

1commento

Gioco

Busseto, vinti 64mila euro al lotto

2020

Capitale della cultura: Parma tra le dieci finaliste. Ci sono anche Piacenza e Reggio

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

LA BACHECA

Ecco 66 nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

BORGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

alimentare

Ferrero acquista i dolci Usa di Nestlé per 2,8 mld di dollari

SPORT

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

Calciomercato

Nainggolan, la Roma frena. Tifosi in rivolta sul web

SOCIETA'

INSTAGRAM

Fotografa la città dalla tua... prospettiva

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti