20°

34°

fornovo

Ritratto di Fornovo attraverso le foto dei suoi abitanti

Il lavoro di tutti i giorni, passioni e sorrisi per raccontare la realtà del paese

Ricevi gratis le news
0

 

Il lavoro di tutti i  giorni, passioni e sorrisi per raccontare la realtà del paese
Enrico Chierici
Portano i vestiti di ogni giorno e sono in posa: nel loro lavoro, nel loro ambiente, in se stessi. Guardano, quasi tutti, verso la macchina, cercano un sorriso, un’espressione gentile, un atteggiamento disponibile. Stanno raccontando qualcosa - e senza racconto non c'è riflessione, né conoscenza. Sono i “fornovesi” di Marco Buzzoni  ritratti in libro tutto  in bianco e nero, fatto, impaginato e stampato con raffinata eleganza. Il racconto e  la semplicità (quest’ultima essendo qui l’esatta messa in opera della definizione, “complessità risolta”, che ne dà Constantin Brancusi), sono linee su cui sembra svilupparsi tutto il libro: pagina dopo pagina, ogni foto legata alla successiva o alla precedente, mentre le immagini si intersecano, costruiscono la trama del tessuto. 
La storia si snoda, densa e stratificata, nel dedalo dei ricordi e delle suggestioni che portano il lettore a interagire con essa e, vero e proprio lector in fabula, a costruirsi la propria. Lo spazio di un luogo, l’anima di un paese, è in sintonia con l’occhio che guida l’obiettivo, con lo scatto che coglie il momento. Spesso un attimo prima, quando il gesto si sta definendo, quando la guardia non si è ancora alzata: si coglie, c'è, una radicalità visionaria che riesce a mettere a nudo, a rivelare. Con chirurgica malinconia, che è sempre la cifra della giustizia (“al riso e al pianto costretta, negata al sorriso in eterno”, Charles Baudelaire) e che spesso si preferirebbe ignorare: e, tuttavia, è solo così che si può restituire un’immagine onesta, aprire le porte del tempo, spianare nel presente la via al passato. 
Le donne e gli uomini, i gruppi, gli oggetti, i luoghi, sono colti con una grazia speciale, con una perizia tecnica che sembra naturale e premia le sfumature, gli sfondi, i dettagli. Non c'è in queste foto, o sembra non esserci, quello che Roland Barthes chiama punctum, il fulcro dell’immagine, perché nulla sembra essere decisivo, nessuna gerarchia sembra definirsi, ma l’immagine scorre dai margini al centro, dal sotto al sopra, ciò che appare dietro non è secondario, quel che è davanti non si pone con prepotenza, il tutto si mostra in un insieme coerente, concorde, solidale. E però la foto porta un nome, dice chi sta raccontando la storia, il soggetto è ben riconoscibile e plurale nello stesso tempo, perché quell'insieme non punge chi guarda, ma stimola, attiva una corrispondenza, costringe al ricordo, a una relazione, a tessere un’altra storia nostra e sua. Davanti   c'è il mondo, il microcosmo di un paese coi suoi mestieri, i suoi gruppi, le botteghe, gli svaghi, le professioni, gli artisti: uno spazio dove il tempo si cristallizza e si risolve, la fotografia ne prende le misure e lo restituisce in una lingua nuova, intrisa di magia, dove le persone e le cose respirano, vivono, continuano a sorprenderci. Il bianco e nero coglie come null'altro   il sentimento del pensiero visuale: la perfezione estetica, all’apparenza, non è perseguita e se è il caso verrà da sola, ora bisogna ridare smalto a uno sguardo spesso distratto, incrostato nell’abitudine, nella quotidianità del vivere. Occorre tornare a una pratica conoscitiva che usi gli strumenti della dialettica, che sappia praticare il confronto, ritrovare freschezza e gioia, ricostruire un cosmo, poco importa se micro, ché piccolo è meglio e in esso si trova il grande.
Sono foto serene, da guardare in silenzio, con calma - e, poi, da tornare a guardare per cogliere un particolare, una sfumatura, un’ultima carezza. C'è amore in queste immagini e un filo di sgomento e il piacere di averle colte. La prima immagine, ancora fuori dal testo, è quella di Vittorio Magnani, un pittore; nella pagina di fronte i versi di Umberto Saba, un poeta: di pittura e poesia si nutre il libro - ed è perfetta la sua epigrafe: ”Qui tra la gente che viene che va...io ritrovo, passando, l'infinito / nell’umiltà”.


Enrico Chierici

Portano i vestiti di ogni giorno e sono in posa: nel loro lavoro, nel loro ambiente, in se stessi. Guardano, quasi tutti, verso la macchina, cercano un sorriso, un’espressione gentile, un atteggiamento disponibile. Stanno raccontando qualcosa - e senza racconto non c'è riflessione, né conoscenza. Sono i “fornovesi” di Marco Buzzoni  ritratti in libro tutto  in bianco e nero, fatto, impaginato e stampato con raffinata eleganza. Il racconto e  la semplicità (quest’ultima essendo qui l’esatta messa in opera della definizione, “complessità risolta”, che ne dà Constantin Brancusi), sono linee su cui sembra svilupparsi tutto il libro: pagina dopo pagina, ogni foto legata alla successiva o alla precedente, mentre le immagini si intersecano, costruiscono la trama del tessuto.
La storia si snoda, densa e stratificata, nel dedalo dei ricordi e delle suggestioni che portano il lettore a interagire con essa e, vero e proprio lector in fabula, a costruirsi la propria. Lo spazio di un luogo, l’anima di un paese, è in sintonia con l’occhio che guida l’obiettivo, con lo scatto che coglie il momento. Spesso un attimo prima, quando il gesto si sta definendo, quando la guardia non si è ancora alzata: si coglie, c'è, una radicalità visionaria che riesce a mettere a nudo, a rivelare. Con chirurgica malinconia, che è sempre la cifra della giustizia (“al riso e al pianto costretta, negata al sorriso in eterno”, Charles Baudelaire) e che spesso si preferirebbe ignorare: e, tuttavia, è solo così che si può restituire un’immagine onesta, aprire le porte del tempo, spianare nel presente la via al passato. Le donne e gli uomini, i gruppi, gli oggetti, i luoghi, sono colti con una grazia speciale, con una perizia tecnica che sembra naturale e premia le sfumature, gli sfondi, i dettagli. Non c'è in queste foto, o sembra non esserci, quello che Roland Barthes chiama punctum, il fulcro dell’immagine, perché nulla sembra essere decisivo, nessuna gerarchia sembra definirsi, ma l’immagine scorre dai margini al centro, dal sotto al sopra, ciò che appare dietro non è secondario, quel che è davanti non si pone con prepotenza, il tutto si mostra in un insieme coerente, concorde, solidale. E però la foto porta un nome, dice chi sta raccontando la storia, il soggetto è ben riconoscibile e plurale nello stesso tempo, perché quell'insieme non punge chi guarda, ma stimola, attiva una corrispondenza, costringe al ricordo, a una relazione, a tessere un’altra storia nostra e sua.
Davanti   c'è il mondo, il microcosmo di un paese coi suoi mestieri, i suoi gruppi, le botteghe, gli svaghi, le professioni, gli artisti: uno spazio dove il tempo si cristallizza e si risolve, la fotografia ne prende le misure e lo restituisce in una lingua nuova, intrisa di magia, dove le persone e le cose respirano, vivono, continuano a sorprenderci. Il bianco e nero coglie come null'altro   il sentimento del pensiero visuale: la perfezione estetica, all’apparenza, non è perseguita e se è il caso verrà da sola, ora bisogna ridare smalto a uno sguardo spesso distratto, incrostato nell’abitudine, nella quotidianità del vivere. Occorre tornare a una pratica conoscitiva che usi gli strumenti della dialettica, che sappia praticare il confronto, ritrovare freschezza e gioia, ricostruire un cosmo, poco importa se micro, ché piccolo è meglio e in esso si trova il grande.Sono foto serene, da guardare in silenzio, con calma - e, poi, da tornare a guardare per cogliere un particolare, una sfumatura, un’ultima carezza. C'è amore in queste immagini e un filo di sgomento e il piacere di averle colte. La prima immagine, ancora fuori dal testo, è quella di Vittorio Magnani, un pittore; nella pagina di fronte i versi di Umberto Saba, un poeta: di pittura e poesia si nutre il libro - ed è perfetta la sua epigrafe: ”Qui tra la gente che viene che va...io ritrovo, passando, l'infinito / nell’umiltà”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Amici e centro d'accoglienza di Cianica sotto shock per la morte di Diawara

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

1commento

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

acqua

Guasti alle tubature: Fontevivo e Berceto senz'acqua

Lucchi: "Chi innaffia è un criminale. Farò piombare i contatori ai trasgressori"

2commenti

gazzareporter

Ferragosto: "picco" di materassi abbandonati vicino ai cassonetti Foto

Segnalazioni e foto su via Nello Brambilla (zona Montebello) ma anche viale Duca Alessandro e strada Sant'Eurosia

Carabinieri

Parma malata di sballo, parla chi lotta contro la droga

6commenti

Parlamento

OpenPolis, Pagliari guida la top ten della produttività

Il senatore il più presente, al voto il 97,41% delle volte

incidente

Caduta in moto: paura per marito e moglie a Viazzano

2commenti

storia

Quei benzinai di una volta... Foto

incendio

Sterpaglie a fuoco a Noceto vicino alle case

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti