-5°

fornovo

Ritratto di Fornovo attraverso le foto dei suoi abitanti

Il lavoro di tutti i giorni, passioni e sorrisi per raccontare la realtà del paese

0

 

Il lavoro di tutti i  giorni, passioni e sorrisi per raccontare la realtà del paese
Enrico Chierici
Portano i vestiti di ogni giorno e sono in posa: nel loro lavoro, nel loro ambiente, in se stessi. Guardano, quasi tutti, verso la macchina, cercano un sorriso, un’espressione gentile, un atteggiamento disponibile. Stanno raccontando qualcosa - e senza racconto non c'è riflessione, né conoscenza. Sono i “fornovesi” di Marco Buzzoni  ritratti in libro tutto  in bianco e nero, fatto, impaginato e stampato con raffinata eleganza. Il racconto e  la semplicità (quest’ultima essendo qui l’esatta messa in opera della definizione, “complessità risolta”, che ne dà Constantin Brancusi), sono linee su cui sembra svilupparsi tutto il libro: pagina dopo pagina, ogni foto legata alla successiva o alla precedente, mentre le immagini si intersecano, costruiscono la trama del tessuto. 
La storia si snoda, densa e stratificata, nel dedalo dei ricordi e delle suggestioni che portano il lettore a interagire con essa e, vero e proprio lector in fabula, a costruirsi la propria. Lo spazio di un luogo, l’anima di un paese, è in sintonia con l’occhio che guida l’obiettivo, con lo scatto che coglie il momento. Spesso un attimo prima, quando il gesto si sta definendo, quando la guardia non si è ancora alzata: si coglie, c'è, una radicalità visionaria che riesce a mettere a nudo, a rivelare. Con chirurgica malinconia, che è sempre la cifra della giustizia (“al riso e al pianto costretta, negata al sorriso in eterno”, Charles Baudelaire) e che spesso si preferirebbe ignorare: e, tuttavia, è solo così che si può restituire un’immagine onesta, aprire le porte del tempo, spianare nel presente la via al passato. 
Le donne e gli uomini, i gruppi, gli oggetti, i luoghi, sono colti con una grazia speciale, con una perizia tecnica che sembra naturale e premia le sfumature, gli sfondi, i dettagli. Non c'è in queste foto, o sembra non esserci, quello che Roland Barthes chiama punctum, il fulcro dell’immagine, perché nulla sembra essere decisivo, nessuna gerarchia sembra definirsi, ma l’immagine scorre dai margini al centro, dal sotto al sopra, ciò che appare dietro non è secondario, quel che è davanti non si pone con prepotenza, il tutto si mostra in un insieme coerente, concorde, solidale. E però la foto porta un nome, dice chi sta raccontando la storia, il soggetto è ben riconoscibile e plurale nello stesso tempo, perché quell'insieme non punge chi guarda, ma stimola, attiva una corrispondenza, costringe al ricordo, a una relazione, a tessere un’altra storia nostra e sua. Davanti   c'è il mondo, il microcosmo di un paese coi suoi mestieri, i suoi gruppi, le botteghe, gli svaghi, le professioni, gli artisti: uno spazio dove il tempo si cristallizza e si risolve, la fotografia ne prende le misure e lo restituisce in una lingua nuova, intrisa di magia, dove le persone e le cose respirano, vivono, continuano a sorprenderci. Il bianco e nero coglie come null'altro   il sentimento del pensiero visuale: la perfezione estetica, all’apparenza, non è perseguita e se è il caso verrà da sola, ora bisogna ridare smalto a uno sguardo spesso distratto, incrostato nell’abitudine, nella quotidianità del vivere. Occorre tornare a una pratica conoscitiva che usi gli strumenti della dialettica, che sappia praticare il confronto, ritrovare freschezza e gioia, ricostruire un cosmo, poco importa se micro, ché piccolo è meglio e in esso si trova il grande.
Sono foto serene, da guardare in silenzio, con calma - e, poi, da tornare a guardare per cogliere un particolare, una sfumatura, un’ultima carezza. C'è amore in queste immagini e un filo di sgomento e il piacere di averle colte. La prima immagine, ancora fuori dal testo, è quella di Vittorio Magnani, un pittore; nella pagina di fronte i versi di Umberto Saba, un poeta: di pittura e poesia si nutre il libro - ed è perfetta la sua epigrafe: ”Qui tra la gente che viene che va...io ritrovo, passando, l'infinito / nell’umiltà”.


Enrico Chierici

Portano i vestiti di ogni giorno e sono in posa: nel loro lavoro, nel loro ambiente, in se stessi. Guardano, quasi tutti, verso la macchina, cercano un sorriso, un’espressione gentile, un atteggiamento disponibile. Stanno raccontando qualcosa - e senza racconto non c'è riflessione, né conoscenza. Sono i “fornovesi” di Marco Buzzoni  ritratti in libro tutto  in bianco e nero, fatto, impaginato e stampato con raffinata eleganza. Il racconto e  la semplicità (quest’ultima essendo qui l’esatta messa in opera della definizione, “complessità risolta”, che ne dà Constantin Brancusi), sono linee su cui sembra svilupparsi tutto il libro: pagina dopo pagina, ogni foto legata alla successiva o alla precedente, mentre le immagini si intersecano, costruiscono la trama del tessuto.
La storia si snoda, densa e stratificata, nel dedalo dei ricordi e delle suggestioni che portano il lettore a interagire con essa e, vero e proprio lector in fabula, a costruirsi la propria. Lo spazio di un luogo, l’anima di un paese, è in sintonia con l’occhio che guida l’obiettivo, con lo scatto che coglie il momento. Spesso un attimo prima, quando il gesto si sta definendo, quando la guardia non si è ancora alzata: si coglie, c'è, una radicalità visionaria che riesce a mettere a nudo, a rivelare. Con chirurgica malinconia, che è sempre la cifra della giustizia (“al riso e al pianto costretta, negata al sorriso in eterno”, Charles Baudelaire) e che spesso si preferirebbe ignorare: e, tuttavia, è solo così che si può restituire un’immagine onesta, aprire le porte del tempo, spianare nel presente la via al passato. Le donne e gli uomini, i gruppi, gli oggetti, i luoghi, sono colti con una grazia speciale, con una perizia tecnica che sembra naturale e premia le sfumature, gli sfondi, i dettagli. Non c'è in queste foto, o sembra non esserci, quello che Roland Barthes chiama punctum, il fulcro dell’immagine, perché nulla sembra essere decisivo, nessuna gerarchia sembra definirsi, ma l’immagine scorre dai margini al centro, dal sotto al sopra, ciò che appare dietro non è secondario, quel che è davanti non si pone con prepotenza, il tutto si mostra in un insieme coerente, concorde, solidale. E però la foto porta un nome, dice chi sta raccontando la storia, il soggetto è ben riconoscibile e plurale nello stesso tempo, perché quell'insieme non punge chi guarda, ma stimola, attiva una corrispondenza, costringe al ricordo, a una relazione, a tessere un’altra storia nostra e sua.
Davanti   c'è il mondo, il microcosmo di un paese coi suoi mestieri, i suoi gruppi, le botteghe, gli svaghi, le professioni, gli artisti: uno spazio dove il tempo si cristallizza e si risolve, la fotografia ne prende le misure e lo restituisce in una lingua nuova, intrisa di magia, dove le persone e le cose respirano, vivono, continuano a sorprenderci. Il bianco e nero coglie come null'altro   il sentimento del pensiero visuale: la perfezione estetica, all’apparenza, non è perseguita e se è il caso verrà da sola, ora bisogna ridare smalto a uno sguardo spesso distratto, incrostato nell’abitudine, nella quotidianità del vivere. Occorre tornare a una pratica conoscitiva che usi gli strumenti della dialettica, che sappia praticare il confronto, ritrovare freschezza e gioia, ricostruire un cosmo, poco importa se micro, ché piccolo è meglio e in esso si trova il grande.Sono foto serene, da guardare in silenzio, con calma - e, poi, da tornare a guardare per cogliere un particolare, una sfumatura, un’ultima carezza. C'è amore in queste immagini e un filo di sgomento e il piacere di averle colte. La prima immagine, ancora fuori dal testo, è quella di Vittorio Magnani, un pittore; nella pagina di fronte i versi di Umberto Saba, un poeta: di pittura e poesia si nutre il libro - ed è perfetta la sua epigrafe: ”Qui tra la gente che viene che va...io ritrovo, passando, l'infinito / nell’umiltà”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

2commenti

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Camion in fiamme: tangenziale bloccata in direzione Noceto

Parma

Camion in fiamme: tangenziale bloccata in direzione Noceto

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

4commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

21commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

7commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

16commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

Calcio

LegaPro: tre partite rinviate per maltempo

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta