21°

35°

Conchita Wurst

La drag queen barbuta ha conquistato l'Europa della musica

Ma c'è anche chi contesta il verdetto dell'Eurovision - La fotogallery

Ricevi gratis le news
4

Conchita Wurst, la drag queen con il volto barbuto, ha vinto stanotte per l’Austria l'edizione 2014 di Eurovision a Copenaghen. La cantante, 25 anni, all’anagrafe Tom Neuwirth, ha battuto tutti secondo i pronostici, dopo aver monopolizzato l’attenzione della vigilia per la sua eccentricità oltre che per il talento vocale.

Austria, a Eurovision trionfa tolleranza. Critiche dalla Russia 

di Patrizia Vacalebri
La drag queen barbuta, l’austriaca Conchita Wurst, 25 anni, all’anagrafe Tom Neuwirth, trionfa alla 59/a edizione dell’Eurovision Song Contest 2014 e divide l'Europa: su fronti opposti, in particolare, Austria e Russia. Da un lato, la vittoria di Conchita viene accolta come una "bella giornata per il Paese" vincitore, come scrive in una nota il presidente austriaco, Heinz Fischer, secondo il quale il trionfo della cantante (il primo per il Paese dal 1966) "non è soltanto una vittoria per l’Austria, ma innanzitutto per la diversità e la tolleranza in Europa". L’intera classe politica austriaca sembra aver accolto dunque positivamente la vittoria di Conchita, anche se il partito di estrema destra Fpo, aveva definito "ridicola" la Wurst prima del concorso, e oggi si è limitato a commentare: è "nell’ordine delle cose che le persone si rallegrino quando c'è una vittoria".
Dall’altra parte c'è la Russia, già spaccata dalle polemiche sull'omofobia. La federazione era rappresentata a Eurovision da due gemelle 17enni, Masha e Nastia, in forte competizione, per ovvi motivi, con la concorrente ucraina Mariya Yaremtchouk. Oggi la Russia lancia "dure critiche" sul web attraverso il suo vice premier Dmitri Rogozin per la vittoria di Conchita. "Il risultato di Eurovision - scrive Rogozin su Twitter - ha mostrato ai sostenitori dell’integrazione europea il loro futuro europeo: una donna barbuta". Più pesante il commento del tribuno nazionalista russo Vladimir Zhirinovski, che in un’intervista tv dichiara: "E' la fine dell’Europa. Loro non hanno più uomini e donne, hanno 'questò".
Ma bisogna riconoscere che la drag queen austriaca ha 'stracciatò le sue temibili avversarie più con la sua voce che con la barba. Sulle note di 'Rise Like a Phoenix', Conchita ha superato l’Olanda e la Svezia. Niente da fare per la nostra Emma Marrone in gara per l’Italia con 'La mia citta”. "Ha vinto perchè è una figura nuova. Ha scelto anche un nome d’arte che unisce il femminile al maschile, proprio come me, che non voglio far credere assolutamente di essere donna, ma ho preferito togliere i peli dal viso folti come una moquette con l'elettrocoagulazione" ricorda Vladimir Luxuria che spiega anche di aver scritto anche un libro di favole dove c'è il personaggio della donna barbuta. "Un tempo erano fenomeni da baraccone - aggiunge - Conchita le ha riscattate tutte".
Ma la barba fa discutere lo stesso. Anche se alcune donne la tengono lì, per vera e propria scelta stilistica. A cominciare dalla pittrice messicana Frida Kahlo, celebre quasi più per i suoi baffetti con i quali era solita autoritrarsi, con minuziosa riproduzione anche delle folte sopraciglia attaccate. Il baffo di Frida non era coincidenza, ma precisa scelta estetica e vero orgoglio, e non le ha impedito di avere numerosi amanti, di entrambi i sessi, nel corso della sua vita. E cosa dire di Mariam, la donna con barba e baffi rossi, ospite di Lorella Cuccarini a Domenica in - Così è la vita, lo scorso anno? Lei non era nata con la barba ma le era arrivata assieme ai baffi dopo la nascita del suo unico figlio. Con orgoglio ha deciso di tenerseli. Altra 'portatrice sanà di baffi è l’iconica Patti Smith, che sulla copertina del suo disco Easter mostrava anche il pelo ascellare. Anche Mina sulla cover del suo album 'Salomè" sfoggiava una folta barba. Aveva il suo fascino anche l’attrice Daniela Rocca che nel film con Marcello Mastroianni Divorzio all’Italiana (1961, regia di Pietro Germi) sfoggiava un velo di baffi. Tra le barbe femminili celebri anche quella di Annie Girardot nel film con Ugo Tognazzi La donna scimmia (1964 regia di Marco Ferreri). E poi, Santa Liberata, che Dio salvò dalle tentazioni e dagli uomini, facendole crescere una folta barba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    13 Maggio @ 09.29

    R E N Z

    Bravo @StekkoPardo! Per quanto mi riguarda, mai vista una puntata del fantomatico Eurofestival... neanche ai tempi di Giliola Cinquetti! Detto questo, è evidente che gli organizzatori, le TV, i giornalisti, il business mediatico, il pubblico e lo stesso Wurstel barbuto, sanno benissimo che oramai con le canzonette si va poco lontano, che ogni mezz'ora nasce una star cantante come Wurst nei talent show, e che non è certo la musica a fare la differenza... capito mi hai?

    Rispondi

  • StekkoPardo

    13 Maggio @ 09.00

    In effetti sul podio sono salite le 3 più belle canzoni: tutto il resto sono frasi da bar di chi (forse) nemmeno ha seguito l'ex-euroFestival.

    Rispondi

  • Claudio

    12 Maggio @ 22.34

    La sagra del pessimo gusto! Misera società del Terzo Millennio in cui conta "apparire e trasgredire", anche nel modo più grottesco e becero!

    Rispondi

  • RENZ

    12 Maggio @ 12.11

    R E N Z

    Molti ci vedono una somiglianza con Andrea Pirlo. In comune anche l'assonanza "fallica" dei rispettivi cognomi: Wurst(el), Pirlo. Certo che se poi gli arabi e i russi vedono una certa DECADENZA nella società occidentale... non c'hanno mica tutti i torti...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

1commento

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

Il caso

Liti stradali, un'epidemia

2commenti

Soragna

Anziano cade dal trattore: è gravissimo in Rianimazione

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

VALMOZZOLA

Il partigiano russo ritrovato

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

OSPEDALE VECCHIO

Quel museo straordinario degli oggetti ordinari

Sant'Ilario

Tari azzerata a chi si occupa del verde pubblico

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

Spettacoli

Lorenzo Campani: «Sogno Jesus Christ Superstar»

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

Consulta le previsioni comune per comune

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'Azeglio: arrestato

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

GRECIA

Terremoto a Kos: due nuove forti scosse, evacuato l'aeroporto

San Teodoro

Donna uccisa durante una vacanza in Sardegna: il fidanzato confessa

SPORT

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

1commento

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up