10°

22°

Verso Parma-Inter

Donadoni: "Basta sprechi e regali"

Ricevi gratis le news
4

Conferenza stampa del tecnico crociato prima di Parma-Inter, in programma domani al Tardini (ore 20.45. Appuntamento difficile per il Parma, che deve assolutamente portare a casa punti per cercare di risalire la classifica. Un appuntamento che, per alcuni, potrebbe essere l'ultimo esame per il tecnico crociato (Video). 

Otto sconfitte e una vittoria. L’avvio di campionato del Parma è stato disastroso e domani al Tardini arriva un avversario difficile come l’Inter. Roberto Donadoni sa che il momento è delicato e anche se la società continua a dargli fiducia, il suo futuro sulla panchina crociata viene considerato a rischio. "Inter e Juve decisive per me? Io penso solo a quello che devo fare e a farlo per il meglio. Il resto lo lascio a chi deve pensare a questo. Con il presidente Ghirardi - assicura Donadoni - ci siamo sempre sentiti puntualmente al telefono uno o due volte la settimana e anche questa volta, sotto questo aspetto, non è cambiato nulla". La testa è al match contro i nerazzurri, servono un risultato utile per ripartire e ritrovare un pò di serenità. "E' l’ennesima occasione che abbiamo in casa e dobbiamo cercare di sfruttarla al meglio - spiega Donadoni alla vigilia dell’anticipo di domani sera -. Nel nostro stadio abbiamo gia sprecato tante chance, non possiamo più farlo e soprattutto non dobbiamo più regalare nulla, come invece purtroppo spesso è accaduto". L’infermeria continua a essere piena. "Siamo messi come nei giorni scorsi, al di là della fatica di chi ha giocato a Torino e con l’aggravante di Galloppa che ieri non si è allenato per i postumi di una botta alla gamba presa la settimana scorsa. Non so se per domani sarà a disposizione", spiega Donadoni che aspetta di avere a disposizione anche il miglior Mariga. "Ci vorrà ancora una mesetto perchè abbia le condizioni di poter fare una partita dall’inizio. Mi auguro che il momento possa arrivare anche prima, lui si sta impegnando molto perchè ci tiene, ma quando deve muoversi negli spazi ampi ha ancora qualche difficoltà". 
A Torino Belfodil è stato sostituito, mentre è ancora out Raffaele Palladino. "Contro i granata Belfodil ha avuto i crampi, non era fisicamente a posto. Mi auguro che per domani possa esserlo. Palladino ha fatto solo ieri il primo allenamento con la squadra, credo sarà disponibile dalla prossima settimana", annuncia Donadoni che più che pensare al turnover deve fare i conti con le tante defezioni. "Stiamo continuando a lottare contro queste difficoltà da diverso tempo e continueremo a farlo con le forze a nostra disposizione", dice il tecnico dei crociati che poi si concentra sulla partita di domani e sugli avversari guidati da Mazzarri. "Quel che farà l’Inter lo vedremo. L’importante è che noi entriamo in campo con l’atteggiamento giusto e per giusto intendo quello avuto mercoledì sera nel secondo tempo - spiega Donadoni -. Poi l’avversario ha indubbie qualità e potrà condizionare per esempio se sposteremo il baricentro più avanti o più indietro, ma è il nostro atteggiamento quello che conta". Intanto la scoietà è stata colpita da nuovi deferimenti per presunte inadempienze segnalate dalla Covisoc. "Non sono cose che vanno a peggiorare nulla. Chiaro, sono situazioni che sarebbero meglio se non ci fossero ma sul campo non ci spostano nulla - dice Donadoni -. Spiace che il nostro presidente e il nostro amministratore delegato debbano subire anche questo provvedimento". 
Il Parma, lo dice la classifica, è in difficoltà e finora ha preso tanti gol nella prima frazione di gioco. Un problema mentale? "La testa dà il "la" a tutto. Sia quando le cose vanno come stanno andando sia quando sono estremamente positive come è già capitato in passato anche a noi - le considerazioni di Donadoni -. E’ sempre una questione di testa. A maggior ragione ora che ci sono difficoltà bisogna focalizzarsi su ciò che va fatto e non disperdersi su pensieri negativi". In questo periodo si sta distinguendo Cassano, per impegno e rendimento, Donadoni elogia il suo giocatore di maggior classe. "Antonio si è decisamente reso conto di quelle che sono le difficoltà e sta cercando di tirar fuori un qualcosa in più che magari non è nelle sue abitudini e questo è trainante anche per i compagni. Anche dal punto di vista atletico - conclude il tecnico del Parma - sta cercando di dare di più"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • parmigianoreggiano

    01 Novembre @ 09.31

    parmigianoreggiano

    Oggi voi che andrete al Tardini portate sciarpa, cappellino e... PALLOTTOLIERE.

    Rispondi

  • VELENOSO

    31 Ottobre @ 19.23

    Proprio lui lo dice di non fare doni, proprio lui che si chiama DONA-DONI

    Rispondi

  • damalvi

    31 Ottobre @ 16.34

    Forza Donadoni, ma in allenamento fai sfinire i giocatori sul pressing aggressivo e specilmente su quello alto che mi sembra un po' lasciato al caso.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    31 Ottobre @ 16.21

    CARO DONADONI , se Ghirardi e Leonardi saranno riconosciuti colpevoli di irregolarità fiscali dal Tribunale Federale , una delle sanzioni potrebbe essere la sottrazione alla squadra di punti in classifica. Visto dove siamo questo significherebbe esser morti , sepolti , e amen.............. Comunque auguri !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

4commenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

1commento

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel