-3°

giovani artisti

il mARTEDì: Alex Sorbino

0

I suoi ritratti attraggono. Alex Sorbino, artista e grafico 36enne originario di Napoli, ma a Parma da quasi 10 anni, sta iniziando a farsi conoscere anche oltre i confini del Ducato. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, da bambino sognava di fare proprio l’artista. Le sue opere, dalla potente carica espressiva, spesso ritraggono nomi e volti che hanno fatto la storia della musica, della letteratura e dell’arte: da Basquiat a Keith Richards, da Samuel Beckett a Peter Gabriel.
Ritratti. Partiamo da questa parola. Come nasce la tua passione per il disegno, la pittura, l’illustrazione e l’arte in genere? E come approdi al ritratto?
Ritratti. Dietro questa parola c'è un mondo, una storia, un uomo. Fin da piccolo sono sempre stato attratto da determinati volti, dalla loro profondità, espressione, particolarità. Molto probabilmente la mia passione per l'arte, nasce proprio da questo bisogno di rappresentare quei volti, di andare oltre il fattore estetico e visivo. Raccontare la storia di ogni singolo ritratto. E' l'arte attraverso le sue svariate espressioni (pittura, disegno, grafica, etc..) è il mezzo che uso, mi permette di raccontare una precisa descrizione di qualcuno. Osservandolo a colpi di pennellate, nella sua interiorità.
Perché ami ritrarre personaggi famosi e eroi della letteratura, della musica, dell’arte?
Nel volto di determinati personaggi (pittori, poeti, scrittori, musicisti, etc..) c'è uno spessore culturale e una profondità spirituale immensa. Le loro storie, i loro gesti, hanno cambiato la società, la visione del mondo e della nostra vita. I loro volti, sono l'espressione delle emozioni che ci hanno trasmesso, del lavoro e della saggezza che ci hanno lasciato. Essendo io principalmente un ritrattista, non posso essere immune dinanzi a tanta bellezza. Ho bisogno di esprimerla! Ritrarre certi particolari, come ad esempio gli occhi di un personaggio famoso, è come entrare nel suo mondo.
Cosa sognavi di fare da bambino?
Il mio sogno è sempre stato quello di diventare un'artista, di creare. Attraverso le avversità della vita, cerco di percorrere la mia strada, di farmi strada. Oggi viviamo una situazione sociale ed economica drammatica, dove fare arte e vivere di arte è molto difficile. Ma nonostante tutto, posso dire che sono sulla strada giusta, che riesco ad avere una visione netta e chiara di ciò che voglio e che sto percorrendo una parte importante di questo lungo cammino. L'obiettivo e non fermarsi mai. Arrivare fino in fondo e andare oltre. Sempre oltre!
L’arte per te è…
Emozione, gioia, meditazione, riflessione, spiritualità, espressione, sacrificio, costanza, eccitazione, commozione, tutte queste parole per me, formano l'arte e il suo mondo. Un palpito che mi accompagna e mi accompagnerà per tutta la vita.

Qual è la tua opera alla quale sei maggiormente legato e perché?
L'opera in cui sono maggiormente legato è “SAMO IN BLUE”, ritratto di Jean-Michel Basquiat. Questa è stata la mia prima opera commissionatomi dall'estero è più precisamente dall'Irlanda. Ricordo ancora l'emozione, l'entusiasmo del committente dopo aver visto l'opera. L'opera è stata creata, partendo da una foto di Basquiat inviatami dal committente stesso; da quel punto di partenza, ho creato intorno al soggetto, il suo mondo, fatto di tutti quei personaggi che lui stesso creava nei suoi quadri. All'inizio ero un po' preoccupato per la reazione del committente alla visione dell'opera, anche perché avevo campo libero nell'interpretazione, ma il risultato è andato oltre le mie aspettative. Una bella soddisfazione.
Artisti che ti ispirano e che ammiri?
Le mie fonti d'ispirazione sono tante: Michelangelo, Bernini, Leonardo, Picasso, Warhol, Klimt e molti artisti contemporanei. Diciamo che, nel mio caso, è difficile selezionare un artista invece di un altro. Posso solo dire che apprezzo particolarmente Michelangelo. Le pose, la plasticità, la forza delle sue figure m'ispirano moltissimo. Il suo lavoro è infinito, non ha tempo, non ha età.
Progetti futuri?
Fare mostre personali, una o più a Parma e dintorni per l'anno prossimo. Partecipare a progetti interessanti, magari organizzarli anche. Puntare molto a farmi conoscere e far conoscere le mie opere all'estero. Fin ad ora qualche piccolo riscontro dall'estero c'è stato, piccolissime soddisfazioni, ma va bene. Per il resto bisogna ancora lavorare molto, raggiungendo tappa dopo tappa buoni risultati, pensando prima al presente e poi al futuro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

3commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Calciomercato

Il Parma voleva Castagnetti. Ma era legato a Vagnati

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti