-2°

giovani artisti

il mARTEDì: Alex Sorbino

Ricevi gratis le news
0

I suoi ritratti attraggono. Alex Sorbino, artista e grafico 36enne originario di Napoli, ma a Parma da quasi 10 anni, sta iniziando a farsi conoscere anche oltre i confini del Ducato. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, da bambino sognava di fare proprio l’artista. Le sue opere, dalla potente carica espressiva, spesso ritraggono nomi e volti che hanno fatto la storia della musica, della letteratura e dell’arte: da Basquiat a Keith Richards, da Samuel Beckett a Peter Gabriel.
Ritratti. Partiamo da questa parola. Come nasce la tua passione per il disegno, la pittura, l’illustrazione e l’arte in genere? E come approdi al ritratto?
Ritratti. Dietro questa parola c'è un mondo, una storia, un uomo. Fin da piccolo sono sempre stato attratto da determinati volti, dalla loro profondità, espressione, particolarità. Molto probabilmente la mia passione per l'arte, nasce proprio da questo bisogno di rappresentare quei volti, di andare oltre il fattore estetico e visivo. Raccontare la storia di ogni singolo ritratto. E' l'arte attraverso le sue svariate espressioni (pittura, disegno, grafica, etc..) è il mezzo che uso, mi permette di raccontare una precisa descrizione di qualcuno. Osservandolo a colpi di pennellate, nella sua interiorità.
Perché ami ritrarre personaggi famosi e eroi della letteratura, della musica, dell’arte?
Nel volto di determinati personaggi (pittori, poeti, scrittori, musicisti, etc..) c'è uno spessore culturale e una profondità spirituale immensa. Le loro storie, i loro gesti, hanno cambiato la società, la visione del mondo e della nostra vita. I loro volti, sono l'espressione delle emozioni che ci hanno trasmesso, del lavoro e della saggezza che ci hanno lasciato. Essendo io principalmente un ritrattista, non posso essere immune dinanzi a tanta bellezza. Ho bisogno di esprimerla! Ritrarre certi particolari, come ad esempio gli occhi di un personaggio famoso, è come entrare nel suo mondo.
Cosa sognavi di fare da bambino?
Il mio sogno è sempre stato quello di diventare un'artista, di creare. Attraverso le avversità della vita, cerco di percorrere la mia strada, di farmi strada. Oggi viviamo una situazione sociale ed economica drammatica, dove fare arte e vivere di arte è molto difficile. Ma nonostante tutto, posso dire che sono sulla strada giusta, che riesco ad avere una visione netta e chiara di ciò che voglio e che sto percorrendo una parte importante di questo lungo cammino. L'obiettivo e non fermarsi mai. Arrivare fino in fondo e andare oltre. Sempre oltre!
L’arte per te è…
Emozione, gioia, meditazione, riflessione, spiritualità, espressione, sacrificio, costanza, eccitazione, commozione, tutte queste parole per me, formano l'arte e il suo mondo. Un palpito che mi accompagna e mi accompagnerà per tutta la vita.

Qual è la tua opera alla quale sei maggiormente legato e perché?
L'opera in cui sono maggiormente legato è “SAMO IN BLUE”, ritratto di Jean-Michel Basquiat. Questa è stata la mia prima opera commissionatomi dall'estero è più precisamente dall'Irlanda. Ricordo ancora l'emozione, l'entusiasmo del committente dopo aver visto l'opera. L'opera è stata creata, partendo da una foto di Basquiat inviatami dal committente stesso; da quel punto di partenza, ho creato intorno al soggetto, il suo mondo, fatto di tutti quei personaggi che lui stesso creava nei suoi quadri. All'inizio ero un po' preoccupato per la reazione del committente alla visione dell'opera, anche perché avevo campo libero nell'interpretazione, ma il risultato è andato oltre le mie aspettative. Una bella soddisfazione.
Artisti che ti ispirano e che ammiri?
Le mie fonti d'ispirazione sono tante: Michelangelo, Bernini, Leonardo, Picasso, Warhol, Klimt e molti artisti contemporanei. Diciamo che, nel mio caso, è difficile selezionare un artista invece di un altro. Posso solo dire che apprezzo particolarmente Michelangelo. Le pose, la plasticità, la forza delle sue figure m'ispirano moltissimo. Il suo lavoro è infinito, non ha tempo, non ha età.
Progetti futuri?
Fare mostre personali, una o più a Parma e dintorni per l'anno prossimo. Partecipare a progetti interessanti, magari organizzarli anche. Puntare molto a farmi conoscere e far conoscere le mie opere all'estero. Fin ad ora qualche piccolo riscontro dall'estero c'è stato, piccolissime soddisfazioni, ma va bene. Per il resto bisogna ancora lavorare molto, raggiungendo tappa dopo tappa buoni risultati, pensando prima al presente e poi al futuro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5