12°

via d'azeglio

Il "Mama" chiude: "Grazie Comune, questore e residenti"

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I regali di Natale per lui

PGN

I regali di Natale per lui

Ricevi gratis le news
61

Vendesi. Chiaro e inequivocabile. "E con questo cartello inziamo a dire addio al Mama cafe- scrivono i gestori del bar di via D'Azeglio - Quando le trattative saranno più serie vi comunicheremo la data di chiusura. Si ringrazia il comune di parma, il questore e i residenti". 

I titolari del Mama avevano tentato - invano - la carta del ricorso al Consiglio di Stato contro l'ordinanza del Comune che prevede lo  stop agli alcolici dopo le 23 nelle strade della movida di via D'Azeglio. "Così saremo costretti a chiudere"- avevano detto i proprietari del bar. E così sarà.

E intanto sul nostro sito si scatena il dibattito tra i lettori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lol

    31 Luglio @ 17.04

    Prego Mattia, mi spiace solo per una cosa: che tutto questo non sia avvenuto prima. Un abbraccio. Per gli altri che commentano e fanno paragoni: quante vorrei dirvene, a quattrocchi. E ancora insistete, siete senza speranze. Per fortuna non è più un problema mio.

    Rispondi

  • PaoloUno

    28 Luglio @ 16.41

    Credo che alla fine il Mama non chiuderà, anzi. Comunque, ammesso che questo accada, i due titolari non devono ringraziare il Comune, il Questore ed i vicini, ma unicamente i loro avventori, perché non esiste che io, entrando una sera per sbaglio in via D'Azeglio, abbia preferito invertire la marcia per il timore di irritare la sensibilità di chi stazionava in mezzo alla carreggiata. Anche se non abito in centro, mi unisco alla gioia dei residenti.

    Rispondi

  • Filippo

    28 Luglio @ 13.10

    Capisco assolutamente l'insopportabile situazione per i residenti, ma sinceramente non credo che la responsabilità di questa vada addossata ai baristi, che non possono essere ritenuti colpevoli di non controllare i loro clienti fuori dai loro locali: il far rispettare le leggi e le norme di convivenza civile spetta alla forza pubblica. E a me fa dispiacere leggere che dei giovani debbano chiudere un'attività in cui hanno investito tempo, soldi e speranze, quando il problema si sposterà alla fine di poche decine di metri: o vogliamo far chiudere tutti i bar, quando in Italia è lecito somministrare bevande alcoliche?

    Rispondi

  • Bastet

    28 Luglio @ 11.35

    Siamo alla frutta!adesso abbiamo esseri che addirittura dicono ai residenti di andare in un casale in alta Val Taro????ma robe dell'altro mondo!!!uno Compra casa in un posto tranquillo che dopo anni diventa covo di ubriaconi schiamazzanti e deve cambiare casa lui????Ma ci rendiamo conto fin dove arriva la gente a sparare cavolate?????Quindi chi ha prostitute sotto casa deve cambiare casa per Questi geni!!!!Magari si mandano via le prostitute eh?Ogni tanto dovreste vergognarvi !!!!!

    Rispondi

    • io

      28 Luglio @ 12.38

      caro bastet a parte che puoi anche moderare i toni... ma quando uno compra casa in centro di una città (che vuole definirsi) grande, con studenti universitari ecc., lo sa che non può avere la stessa condizione di pace e letargo di chi vive a tarsogno. sono convinto anch'io che ci vogliano delle regole ma invece che far chiudere i locali non sarebbe meglio far girare qualche volante in più e punire chi sporca e schiamazza?!? che magari ci sarebbe più decoro e anche la gente si sentirebbe più sicura? e poi come fanno a bologna in centro ? a milano nei navigli? alla pomposa a modena? a torino nei murazzi? a firenze? i quartieri più prestigiosi delle città son quelli più vivi, fino a prova contraria, non mi sembra che siano posti di periferia, eppure chi ci abita ci sta bene e gli immobili si rivalutano, invece che far diventare i quartieri delle enormi chinatown

      Rispondi

      • E.

        28 Luglio @ 22.12

        ahahahah...a Torino ai Murazzi?!?!?!?!! Ahahaha.....I Murazzi si chiamano così perché è un lungofiume e non ci sono abitazioni né residenti...solo un muraglione/argine lungo il Po'! E a dirla tutta....tutti i locali dei Murazzi sono stati chiusi perchè la zona era diventata assolutamente invivibile proprio a causa della movida che portava la gente della peggior specie e spaccio a livelli allucinanti..... Conosco moooolto bene la situazione.... ;)

        Rispondi

      • Claudio

        28 Luglio @ 17.03

        La barzelletta del secolo: "grazie alla movida gli immobili si RIVALUTANO"!!! Davvero geniale! Complimenti!

        Rispondi

        • io

          28 Luglio @ 17.27

          grazie alla città che vive, ai negozi, ai cinema in centro (bei ricordi!!), ai locali, agli eventi e si...anche la tanto odiata movida. come d'altronde hanno fatto tutte le città europee recuperando quartieri grazie alle iniziative musicali-culturali e di svago . se però ti aspetti che in 2 mesi si riqualifichi un quartiere allora si è una barzelletta, se invece provi a immaginare un quartiere dove "si sta bene e si vive bene" (che non vuol dire vivere nella desolazione) allora in qualche anno il quartiere si rivaluterebbe. magari nel frattempo educando la gente ad avere atteggiamenti civili, ma di certo tutto ciò non si ottiene vietando alle birrerie di vendere birra. o forse è meglio metterci al posto del locale un altro kebabbaro o una sala vlt. cmq, gioisci pure per la chiusura di un'attività...ancora qualche anno e come abbandono del centro città sorpasseremo i cugini reggiani!! buon riposo!!!!

          Rispondi

        • Claudio

          28 Luglio @ 17.57

          Egregio signor "Io", fino a 15-20 anni fa, la nostra cara strada D'Azeglio era vivissima e godibilissima con i nostri utilissimi negozi di vicinato (si trovava tutto: dal fruttivendolo, al macellaio, la salumiere, al libraio, al gioielliere) e al rispetto di ogni più elementare regola di convivenza civile. Allora sì, che si viveva bene qui! E gli appartamenti erano richiestissimi, e non solo da universitari fuori sede alla perenne ricerca della bisboccia! Ora è un inferno.

          Rispondi

      • silviococconi

        28 Luglio @ 14.43

        Risposta di buon senso contro la barbarie qualunquista !

        Rispondi

      • Angelo

        28 Luglio @ 14.11

        Paragonare Strada D'Azeglio che era una strada del centro ordinata e ben frequentata, ai navigli di Milano o ai murazzi di Torino o a San Salvario che sono zone non proprio a due passi da Piazza Duomo o al centro di Torino, zone che erano profondamente degradate a differenza della strada di Parma è una grande forzatura.Che la gente che abita quelle zone sia contenta è solo una sua idea.Legga le cronachedi quelle città.A Torino il sig. Fasino ha perso le elezioni proprio anche per questo.Strada D'Azeglio è l'asse viabilistico più importante del centro città e sicuramente la strada non può essere bloccata la sera e la notte da cretini e ubriaconi che vogliono fare i propri comodi in mezzo alla via.Se vuole fare un affare le vendo l'appartamento con camere sulla Strada che secondo lei si è rivalutato dalla presenza di ubriachi e spacciatori.

        Rispondi

        • io

          28 Luglio @ 15.13

          angelo, nessuno ha detto che devono esserci orde di ubriaconi ogni sera che possono fare i loro porci comodi, ma chiudere i locali e implicitamente proibire alla gente di uscire a mio parere non è la soluzione. una birreria è ovvio che venda birra e abbia gente che chiacchiera e ride, se si mette a fare cappuccini e colazioni subirebbe solo la concorrenza degli altri 200000 bar che già li fanno. A torino i murazzi prima della riqualificazione a zona di movida erano uno dei posti più loschi della città... ovvio che in una città di un milione di abitanti non si possono eliminare tutti i problemi e ci saranno sempre gli scontenti.

          Rispondi

  • Bastet

    28 Luglio @ 11.30

    @ scantanador : lei è l'esempio lampante di un essere che definire "poveretto" è un complimento!!!!! Speriamo le aprano tanti bei locali sotto casa!!!!locali da movida chiaramente !!!!e che lei abbia un lavoro!!!!Qui l'unico maleducato è lei!!!!Basta leggere i commenti!...anche perché nel mio precedente post non vi è nulla di maleducato ,ma solo la verità !solo chi non ci abita e gli ubriaconi possono difendere l'indifendibile!

    Rispondi

    • Claudio

      28 Luglio @ 11.38

      @ Sig. Bastet. Inutile perder tempo con chi, nonostante l'acclarato sfacelo della convivenza civile apportato dalla movida, continua a difenderla. Trattasi di caso patologico: io proporrei un TSO immediato!

      Rispondi

      • silviococconi

        28 Luglio @ 14.45

        A te !

        Rispondi

        • Claudio

          28 Luglio @ 17.01

          @ Silvio Cocconi: a me? Ma si rende conto di quel che dice (scrive)? A meno che lei non abbia un basso interesse di bottega (bar), inizio a dubitare seriamente della sua salute mentale. Lei abita in Strada D'Azeglio? Proprio sopra a quei pub? In caso contrario, stia zitto e farà una figura molto migliore, mi creda. Continuare a propagandare la movida con tutti i danni che ha portato è...beh, mi autocensuro. Roba da matti!

          Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

2commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

carabinieri

Traffico rifiuti a Livorno, sei arresti. Intercettazioni choc: "I bambini? Che muoiano"

1commento

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260