11°

mosul

Isis: picconate contro la storia

007, cresce il rischio di attacchi in Italia

Ricevi gratis le news
22

Sono immagini di una violenza insensata e scioccante, sebbene diretta contro simboli della civiltà anzichè contro esseri umani, quelle di un nuovo video diffuso oggi dall’Isis in cui si vedono miliziani jihadisti abbattere e darsi metodicamente alla distruzione di statue e bassorilievi a prima vista antichi nelle sale di quello che sembra essere il museo di Mosul, dove sono custoditi reperti di Ninive, l’antica capitale dell’impero assiro.
E’ solo l’ultimo episodio - ma forse il più grave - di una campagna contro le vestigia del passato in nome di una presunta purezza islamica portata avanti dai miliziani del Califfato su imitazione dei Taleban che nel 2001 fecero saltare in aria le gigantesche statue del Buddha a Bamian, in Afghanistan, tra lo sconcerto della comunità internazionale. Dopo avere conquistato Mosul e la circostante piana di Ninive con una fulminea offensiva nel giugno dello scorso anno, l’Isis ha bruciato migliaia di libri sottratti alle biblioteche, improvvisando roghi nelle piazze, ha distrutto una parte della cinta muraria di Ninive ha distrutto con l’esplosivo moschee e chiese meta di pellegrinaggi considerati eretici. Da Mosul alcuni testimoni hanno riferito che, sempre oggi, i jihadisti hanno fatto saltare in aria la storica moschea di Al Khider.
Durante il video diffuso oggi, che dura cinque minuti, ci si sofferma sui cartelli in arabo e in inglese che illustrano i manufatti esposti nelle sale del museo. Le statue vengono abbattute con rabbia dai loro piedistalli, per essere poi decapitate e distrutte a colpi di mazza o con l’uso di martelli pneumatici. Tra quelle che hanno subito questa sorte, secondo l'annuncio fatto da un jihadista che parla agli spettatori, figura una statua di un toro alato che rappresenta l’antica divinità mesopotamica di Nergal. Quelli distrutti, spiega il miliziano, erano «idoli venerati invece di Allah da gente che viveva nei secoli passati».
L’Isis segue una dottrina fondamentalista sunnita secondo la quale è vietata qualsiasi riproduzione di esseri umani o animali, tanto più se raffigurazioni di dei. Tuttavia sono anche numerose le denunce secondo le quali i jihadisti si sono impadroniti di antichi reperti o hanno addirittura effettuato scavi clandestini per rivendere sul mercato nero tutto ciò che trovavano come una delle principali fonti di finanziamento per la 'guerra santà, accanto al petrolio.
Ninive, che raggiunse il suo massimo splendore nel VII secolo avanti Cristo, è ricordata per gli imponenti palazzi e per la biblioteca di Assurbanipal, con 25.000 tavolette in caratteri cuneiformi.

007, cresce il rischio di attacchi in Italia
In quanto epicentro cristianità. Relazione servizi segreti al Parlamento

L’Italia è un «potenziale obiettivo" di attacchi terroristici anche per «la sua valenza simbolica di epicentro della cristianità». Lo scrivono i Servizi segreti nella Relazione del Dis al Parlamento ribadendo che allo stato non sono emerse «attività o pianificazioni» di attacchi nel nostro paese.
Sebbene non sono emerse dalle indagini e dall’attività d’intelligence progettualità «ostili" riconducibili all’Is o ad altre formazioni collegate al jihad globale, spiegano gli 007, «la minaccia interessa anche l'Italia, potenziale obiettivo di attacchi pure per la sua valenza simbolica di epicentro della cristianità». Una valenza, ricordano i servizi, «evocata, di fatto, dai reiterati richiami alla conquista di Roma presenti nella propaganda jihadista».

 

Expo: 007; attenzione alta azioni contro giornata inaugurale

E’ alta l’attenzione dei Servizi riguardo la mobilitazione contro l’Expo a Milano, in particolare per la protesta che l’area antagonista sta organizzando per la giornata inaugurale della fiera il primo maggio 2015. La relazione del Dis (Dipartimento delle informazione per la sicurezza) al Parlamento sottolinea come la giornata è destinata a «richiamare nel capoluogo lombardo attivisti da tutto il territorio nazionale».
«Il circuito antagonista lombardo che contesta l’esposizione come paradigma del nuovo modello di sfruttamento umano e dei territori - spiega la relazione del Dis al Parlamento - si è fatto promotore di una campagna di occupazioni specie nelle aree limitrofe dell’area espositiva, con l’obiettivo di disporre di punti strategici per la gestione della protesta».

007; cresce rischio attacchi, anche da donne


C'è in Italia e in Europa un "crescente rischio di attacchi» terroristici ad opera «di varie categorie». Lo scrivono i servizi segreti nella relazione al Parlamento sottolineando che tra queste ci sono anche donne - mogli, familiari o amiche - di combattenti «attratte dall’eroismo dei propri cari, specie se martiri».
Non sono più dunque soltanto i foreign fighters o i lupi solitari a preoccupare l’intelligence, ma una serie di «categorie» di soggetti, «attori esterni o interni ai Paesi-bersaglio».
L’elenco stilato dai nostri 007 comprende «emissari addestrati e inviati dall’Is o da altri gruppi, compresi quelli che fanno tuttora riferimento ad Al Qaeda; cellule dormienti; foreign fighters di rientro o 'pendolarì dal fronte (commuters); familiari o amici di combattenti (donne incluse) attratti dall’'eroismò dei propri cari, specie se martiri; lupi solitari e microgruppi che decidano di attivarsi autonomamente (self starters)».

Rischio ripiego foreign fighters Ue in Italia

L’Italia potrebbe rappresentare una zona di «ripiegamento» per i foreign fighters che dall’Europa sono andati a combattere in Siria. Lo scrivono i servizi segreti nella relazione al Parlamento sottolineando che nel 2014 c'è stato un «significativo incremento» del flusso degli aspiranti combattenti verso i teatri di guerra.
Secondo i dati degli 007, si ipotizza che siano 3mila quelli partiti dalla sola Europa, di cui oltre 500 provenienti dai Balcani. Per quanto riguarda l’Italia, dicono i servizi, «la specifica minaccia deve essere valutata non solo per gli sporadici casi nazionali ma anche e soprattutto tenendo presente l'eventualità di un ripiegamento sul nostro territorio di estremisti partiti per la Siria da altri Paesi europei, anche in ragione delle relazioni sviluppate sul campo tra militanti di varia nazionalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nicola Martini

    27 Febbraio @ 17.39

    Evidentemente questi soggetti erano assenti il giorno in cui hanno distribuito il raziocinio. Il problema è che personaggi di questa risma non si fanno problemi ad accoppare le persone, figuriamoci se se ne fanno nel distruggere opere d'arte. Vicende simili (come riportato nell'articolo) sono anche accadute con i talebani che distrussero a cannonate le statue dei Buddha di Bamyan. Alle volte però arrivano anche notizie minimamente confortanti, in quanto riguardo le statue di Bamyan pare vi sia l'intenzione di ricostruirle.

    Rispondi

  • Gio

    27 Febbraio @ 15.07

    Giorgio R.

    Non è censurando certi commenti che si possa frenare l'avanza di islamici esaltati perché di questo si tratta. Non è solamente il petrolio NON avrebbero quella cattiveria di sgozzare le persone o arderle vive NEL 2015 ! NESSUNO A COMINCIARE DAGLI USA E L'EUROPA STANNO FACENDO NULLA PERCHé ?

    Rispondi

  • Davide V

    27 Febbraio @ 14.11

    rendiamoci conto che stiamo vivendo in un periodo di "passaggio" da un'epoca ad un'altra..il che purtroppo non sempre significa una evoluzione verso qualcosa di migliore..aggiungiamo il fatto che a questi assassini stiamo permettendo di crescere col nostro immobilismo,ed ecco qua gli spettacoli che sempre di più vedremo.

    Rispondi

  • RENZ

    27 Febbraio @ 13.27

    R E N Z

    L'unico rimedio è chiaramente, costruire più moschee

    Rispondi

  • Biffo

    27 Febbraio @ 12.27

    La faccenda mi ricorda i roghi di libri accesi dai nazisti; ed effettiva,ente, i musulmani, in genere, e gli assassini dell'ISIS in ispecie, hanno parecchie affinità elettive con il nazifascismo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

RIMINI

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

IL VINO

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Filippo, un anno dopo

Anniversario

Filippo, un anno dopo

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

Alle elementari

Due casi di scabbia al Maria Luigia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

LUTTO

E' morto Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

FATTO DEL GIORNO

Un anno dopo la morte di Filippo Ricotti, la Massese resta insicura: lettera della madre del 17enne

Ecco le anticipazioni del direttore della Gazzetta di Parma, Michele Brambilla

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

tg parma

Contrabbando di petrolio dalla Calabria a Parma, 6 arresti Video

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

2commenti

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

2commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

BERGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

Economia

Più ortofrutta confezionata per non pagare i sacchetti bio Video

1commento

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti