17°

Gallery sport

Cesena-Sassuolo 2-3: romagnoli in B

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Ricevi gratis le news
0

Non era mai successo nella sua storia lunga 75 anni, il Cesena retrocesso da matricola della serie A, visto che, in passato, al suo primo anno si era sempre salvato. Lo fa invece al termine di un campionato sempre angosciante, iniziato bene con la vittoria sul Parma (1-0) il 31 agosto ma che è rimasta l’unica per tutto il girone di andata e conclusosi, di fatto, nell’altro derby emiliano con il Sassuolo.
Nove punti al giro di boa, praticamente tutti gli scontri diretti falliti nel corso del torneo, già l’8 dicembre scorso la società era stata costretta (anzi Lugaresi ha poi detto che il cambio andava fatto prima) a sostituire il tecnico più vincente della storia bianconera, Pierpaolo Bisoli che aveva collezionato 8 punti in 14 giornate. Infatti il giorno precedente, a Bergamo contro un’Atalanta in piena crisi, aveva perso 3-2 dopo essere stato in vantaggio 2-0. Proprio Bisoli (due promozioni in A, una in B e una splendida salvezza in B) aveva portato i bianconeri in A a sorpresa il 18 giugno scorso vincendo 2-1 a Latina la finale play off. Al suo posto era arrivato Mimmo Di Carlo.
La società nell’allestire la squadra e in ogni suo movimento (a gennaio solo l’ingaggio di Mudingayi e quattro cessioni) è stata però condizionata dal maxi debito creato soprattutto dalla gestione Campedelli, sensibilmente ridotto in un paio di stagioni, ma che va affrontato con un piano di risanamento che durerà una decina di anni e che ha come condizione almeno la permanenza della squadra in B.
Nel dicembre 2012, infatti, Giorgio Lugaresi e un gruppetto di amici ha ripreso in mano un club (che aveva già gestito dal 2002 a fine 2007 succedendo al padre Edmeo che l’aveva guidato per 21 anni) che stava per fallire, che non sarebbe riuscito a iscriversi al successivo campionato. Da allora con Bisoli in panchina, prima una splendida salvezza cadetta e poi la quasi inattesa promozione in A.
Quest’anno, però, nella massima serie, la squadra con il tecnico di Porretta era parsa troppo rinunciataria. Con Di Carlo invece, dopo la vittoria alla prima di ritorno a Parma (quando il campionato pareva già terminato per i bianconeri) era subentrata per tre mesi l’illusione di una ripresa. La squadra in effetti ha iniziato a giocare, ad affrontare con convinzione e gioco ogni avversario. Così ha battuto Udinese e Lazio, pareggiato con Juve, a Milano con l’Inter, a Verona (dopo essere stata sotto 3-0) e a Genova con la Samp. Ma nei momenti cruciali quando avrebbe dovuto vincere per fare il salto di qualità avvicinandosi alla salvezza, ha sbagliato puntualmente spesso per grossolani errori dei singoli in un gruppo che, nonostante il cuore e l’orgoglio, ha mostrato limiti tecnici evidenti. La resa sostanziale è arrivata in casa con l’Atalanta, unica possibile diretta concorrente, il 29 aprile, quando un successo avrebbe riportato i romagnoli a -5 dalla salvezza.
La società pensa già a ripartire dalla serie B: vorrebbe andare avanti con Rino Foschi come direttore tecnico (contratto in scadenza a giugno) e sta valutando se continuare con Mimmo Di Carlo o se affidare la squadra a un giovane tecnico che abbia però già esperienza in B. Ma soprattutto occorrerà proseguire nel duro piano di risanamento economico; già nella prossima stagione in B il 30-35% delle entrate dovrà servire per affrontare il debito pregresso. Ma si riparte soprattutto dall’affetto dei tifosi: quest’anno è stato raggiunto il record storico degli abbonamenti (12.308) e Cesena è stata la decima piazza come affluenza allo stadio. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro