-2°

degrado

Perchè non amiamo più la nostra città?

Vandalismi, incuria, menefreghismo... E Parma diventa più brutta

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

75

La fotosegnalazione di oggi riguarda i cartelloni del Ponte di mezzo. Un ponte non certo nuova a vandalismi e gesti simili (ad esempio ricorderete le viole strappate in gennaio), nonostante sia in una zona centralissima della città, di cui segna il collegamento di qua e di là dall'acqua.

Sarebbe "bello" chiedersi come si sente l'idiota autore dei buchi nie cartelloni Enia/Aipo che illustrano l'importanza ambientale del sottostante torrente. O come si sentivano gli (altri?) idioti delle viole.

E questo serve anche a ricordare che quando parliamo di "Parma senza amore" (titolo di un libro di oltre 30 anni fa purtroppo ancora attualissimo, anche se sono cambiate le zone del degrado), non è un atto di accusa verso gli amministratori di turno, che pure avranno ovviamente le loro responsabilità. Ma è l'allarme che lanciamo a tutti i parmigiani - vecchi e nuovi - che hanno il diritto, e il dovere, di curare e preservare questa piccola splendida città. Lo stesso discorso che abbiamo sempre fatto per i rifiuti: da una parte sicuramente ci sono aspetti da ritoccare nella modalità della raccolta (e ce ne siamo occupati ampiamente), ma questo certo non giustifica chi crea le discariche abusive o chi inserisce i rifiuti nei contenitori sbagliati.

Non è un problema minore. E nei giorni scorsi anche l'Ascom se ne è fatta interprete: ma ora bisogna passare ad una seconda fase, in cui ogni parmigiano faccia davvero la sua parte. Sperando, nel frattempo, che gli idioti del Ponte di Mezzo o di via Cavour siano presto chiamati a pagare (in tutti i sensi) le loro azioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    05 Giugno @ 20.45

    L'inciviltà e' un problema dei singoli individui, che però diventa sociale quando chi amministra non lo corregge: se venissero subito pulite/aggiustate/sistemate/sostituite le cose sporcate/danneggiate/deturpate, possibilmente punendo subito i responsabili, si disincentiverebbe la trascuratezza e la maleducazione di altri. È' il principio della finestra rotta, che attira a romperne altre per emulazione. Ma Pizzarotti preferisce fare la morale ai Boys su Facebook, come se questo risolvesse il problema...

    Rispondi

  • gigiprimo

    02 Giugno @ 23.30

    A parte il fatto che la mafia in America era creata da varie famiglie con origini europee vedi irlandesi, siciliani e magari sudamericani. Non vedo il nesso fra i nostri meridionali e gli africani, siano del nord o del centro!

    Rispondi

  • gigiprimo

    02 Giugno @ 20.12

    A parte il fatto che la mafia in America era creata da varie famiglie con origini europee vedi irlandesi, siciliani e magari sudamericani. Non vedo il nesso fra i nostri meridionali e gli africani, siano del nord o del centro!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    02 Giugno @ 18.32

    VEDE , DOTTOR REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT , lei invita a non fare di ogni erba un fascio , ed ha ragione , però , ad avviso mio e di molti altri lettori , la massiccia invasione meridionale e straniera degli ultimi decenni a Parma , ha determinato un evidente turbamento nel contesto sociale della Città . Se lei considera ogni singolo fatto come isolato ed a sè stante , può dire che uno vale l' altro , ma la conseguenza di questa invasione massiccia non è semplicemente la somma dei singoli fatti , Non è solo questione della delinquenza , che , pure , è percepita dalla Popolazione come una grande minaccia , ma c' è un mutamento profondo nei costumi della vita quotidiana , negli atteggiamenti nei confronti del prossimo , nei confronti della Comunità e dello Stato. Sono mentalità diverse , usi e costumi diversi che, qualche volta , contrastano coi nostri. Non si può liquidare tutto questo come "razzismo" e cedere alla tentazione di censurare , cosa che , in realtà , riconosco che fate molto raramente . Lei sa per quale ragione io non posso avere pregiudizi in questa materia , ma , una volta , di meridionali , a Parma , c' erano solo Carabinieri , Poliziotti , Finanzieri , Guardie Carcerarie e qualche impiegato di qualche Ufficio Statale. Non incidevano sul Contesto Sociale parmigiano , anzi , erano quasi emarginati , e , anche questo , non era bene. Quando una ragazza parmigiana si voleva fidanzare con un meridionale i famigliari la mettevano in guardia : "Pensaci bene ! Stai attenta ! Sono gelosi ! Sono possessivi ! Sono maschilisti ! " . Ne è passata di acqua sotto i ponti , ma , ancor oggi , molti Parmigiani "del sasso" (tra i quali , la meraviglierà , ci sono anch' io , che sono nato "de dlà da l' acqua" ) subiscono l' invasione , ma non l' hanno del tutto accettata ed assorbita . Cercare di zittirli accusandoli di "razzismo" mi sembra un po' semplicistico, poi lei mi dirà che bisogna adeguarsi al livello medio del "forum" (compreso il mio , naturalmente ) , e vabbè-----------

    Rispondi

    • 02 Giugno @ 19.20

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Subito una precisazione: se c'è un sito che non "cerca di zittire" nessuno è proprio questo, che come lei sa bene ospita le opinioni più disparate comprese quelle di chi non ha la Gazzetta in simpatia. - Detto questo, sono d'accordissimo sul fatto che "la massiccia invasione degli ultimi decenni a Parma , ha determinato un evidente turbamento nel contesto sociale della Città" (poi capirà perchè ho tolto un pezzetto della frase). E anzi mi batto da sempre con la superficialità di chi - come il lettore Marihugo, per fare un nome che in questo forum conoscono in tanti - non vede o fa finta di non vedere questo turbamento, che non è solo in isolati gruppi di xenofobi ma è di tanta parte della popolazione, anche mite. Ci sono problemi oggettivi, che io direi collegati soprattutto alla massiccia invasione extracomunitaria (quella meridionale è iniziata negli anni '60, e quindi la darei un po' più per metabolizzata). Come conciliare questo aspetto con i drammi epocali che spingo o qui migliaia di profughi e con una esigenza di accoglienza di cui a nostra volta abbiamo beneficiato a suo tempo in America (dove pure abbiamo esportato la mafia...) o altrove? Credo che la strada sia quella di chiedere/applicare il rispetto delle leggi: ben venga a chi è qui per lavorare (anche se di lavoro oggi non ce n'è granchè neppure qui), a casa chi non rispetta le regole. E non credo che in questo la pensiamo diversamente - Perchè allora parlo di razzismo? Lo faccio con chi generalizza e dice che "gli" extracomunitari sono un problema, come se non ci fossero almeno alcune decine di migliaia di immigrati che sono qui pacificamente e si sono integrati (Le statistiche parlano chiaro). Ed è "razzismo", forse, anche pensare che noi parmigiani abbiamo solo da insegnare, dimenticando quanti scandali e quanta corruzione abbiamo prodotto nell'ultimo decennio conquistando spesso "l'onore" delle prime pagine nazionali. Morale: sottoscrivo in pieno il suo discorso, ma non sottoscrivo le generalizzazioni (e spesso proprio il razzismo) di chi non fiudica le singole persone ma un'intera etnìa, come se ogni tedesco fosse assimilabile a Hitler.... Buona serata.

      Rispondi

      • Vercingetorige

        03 Giugno @ 12.58

        DOMANDO SCUSA PER LO "ZITTIRE" , DI CUI NON SONO CERTO IO LA VITTIMA , MA RICORDO CHE I NOSTRI EMIGRANTI IN AMERICA DOVEVANO AVERE un regolare passaporto , un regolare visto dell' ambasciata americana , che , non di rado , veniva negato a chi aveva fama di socialista o anarchico , una dichiarazione di un imprenditore americano che garantiva di assumere l' emigrante alle sue dipendenze e gli garantiva un alloggio . Alcuni Paesi , come , ad esempio , il Canada , facevano sottoporre il richiedente a visita medica presso la loro Ambasciata , perchè ammalati o handicappati non ne volevano . Arrivati negli Stati Uniti venivano messi in quarantena nella famigerata Ellis Island , che oggi i turisti visitano come Alcatraz . Gli improduttivi , vecchi e ammalati , li mandavano indietro. Poi è arrivata anche la mafia , ma , con quelli che distruggono i documenti , quando li hanno , prima di salire sul barcone ed arrivano qui convinti che abbiamo il dovere di mantenerli , c'è una bella differenza

        Rispondi

      • carmelo

        02 Giugno @ 22.04

        guardi gazzetta che l invasione meridionale continua tuttora e anche in crescendo del resto e' meglio usufruire dell ospedale di parma o di gela ?!

        Rispondi

  • Vercingetorige

    02 Giugno @ 16.03

    VEDERE QUESTI CARTELLI SFONDATI mi ricorda i cartelli stradali che ho visto in Sardegna ( soprattutto nel Nuorese ) e in Calabria , crivellati a pallettoni.

    Rispondi

    • Maurizio

      03 Giugno @ 08.09

      Perché questi sarebbero danni causati da pallettoni? Non è possibile che siano semplici vandali o ragazzini che lo fanno per noia? Magari anche parmigiani come noi, tipo quelli denunciati perché in centro si divertivano a danneggiare la auto in sosta rompendo gli specchietti? La maleducazione e l’inciviltà non ha origine da posti ben definiti ma è la società che è così, adesso va di moda comportarsi in questo modo anche in luoghi dove l’invasione straniera e meridionale non c’è o è molto circoscritta

      Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti