22°

moda

E' morto Elio Fiorucci

Ricevi gratis le news
1

E’ morto, all’età di 80 anni, Elio Fiorucci. Nato a Milano, inizia da giovane, seguendo l’attività paterna, ad occuparsi di moda, prima collaborando con il padre e poi creando una sua attività dedicata alle mode provenienti dal mondo anglosassone alla fine degli anni sessanta. Nel 1967 apre il primo negozio in Galleria Passerella a Milano. Già nel 1970 inizia la produzione di abiti per il tempo libero, jeans in particolare, con il marchio Fiorucci. I prodotti vengono distribuiti anche all’estero, prima in Europa e poi in Giappone, Stati Uniti e Sud America. Nascono i primi negozi Fiorucci a Londra e a New York per poi diffondersi in molte delle grandi metropoli in giro per il mondo. I suoi prodotti divengono subito un fatto di costume e attraggono l'attenzione del jet set internazionale. 

Fiorucci "il rivoluzionario"

Il mondo della moda perde Elio Fiorucci, lo stilista-imprenditore milanese che nel periodo della contestazione giovanile, tra gli anni '60 e '70, aveva portato la sua rivoluzione nei costumi, immettendo lo spirito londinese nel gusto italiano e facendone un mix nuovo apprezzato in tutto il mondo. La sua lungimiranza lo aveva portato negli ultimi tempi ad interessarsi alla salvezza del pianeta, agli sprechi, alla salvaguardia di natura e animali. Classe 1935, Fiorucci, 80 anni compiuti il 10 giugno scorso, è deceduto probabilmente ieri sera o in nottata, colpito da un malore, mentre si trovava solo, nel suo appartamento a Milano. E’ stato trovato senza vita dai primi soccorritori e dai suoi collaboratori, allertati dai familiari che non riuscivano a contattarlo.
«Il capo di moda che avrei voluto inventare? Le sneakers. I giovani di oggi possono metterle in tutte le occasioni, sono scarpe eterne che portano lontano. E poi sono di gomma» aveva detto lo stilista in un’intervista all’ANSA pochi giorni prima del suo ultimo compleanno mostrando ancora quella verve che aveva reso famoso il suo street style colorato e allegro, ancora oggi in voga.
Fiorucci fece il suo ingresso nella moda all’età di 16 anni come apprendista nella 'bottega paternà dove si vendevano pantofole. E’ negli anni '60 che il giovane Elio, dopo aver fatto esperienza con i clienti del negozio del padre, «e dopo aver capito il mondo del lavoro», raccontava, decise di seguire il suo istinto, mettendosi a produrre il suo «stile libero». "Sono sempre stato apolitico - spiegava- amante della libertà di pensiero. Ho vissuto a soli sei anni il trauma della Seconda Guerra Mondiale, ma ho avuto la fortuna di vivere dopo un periodo affascinante come gli anni '60, momento storico di grande cambiamento sociale, dove i giovani pensavano a libertà e pace. E’ stato allora che ho avvertito il bisogno di esprimermi liberamente, senza vincoli politici di destra o di sinistra. Sono stato definito un 'hippie della modà e mi sento proprio così». E a suo modo, Fiorucci nel periodo della contestazione giovanile fece la sua rivoluzione nella moda inventando il fast style, quei capi di abbigliamento a colori fluo, le T-shirt stampate con gli angioletti e i cuori e gli accessori in plastica, amati dai giovani di quella generazione, soprattutto in Italia, identificati a Milano come 'paninarì e a Roma come 'pariolinì.
Fiorucci era a suo modo un visionario, attento fino alla fine ai cambiamenti della società e della moda, come prova il successo del suo nuovo marchio Love Theraphy by Elio Fiorucci, nato 11 anni fa, dopo aver venduto nel 1990 la Fiorucci spa, costituita negli anni '70, alla società giapponese Edwin Co. Ltd, con tutti i brand di cui essa era titolare. Ma il 'vecchio leone della modà continuava a dare il suo apporto fashion da osservatore e invitato all’Expo, puntava ad un argomento che gli stava molto a cuore: il rispetto per la natura. Questo può essere considerato il suo testamento morale. «Alla fine della terribile Guerra Mondiale - spiegava Fiorucci nell’intervista - si era generato un movimento di sognatori illuminati che vedevano nella pace tra gli uomini il più grande bene, approdati poi negli anni '50-'60 a uno stile di vita che ha trovato la sua sintesi nello slogan 'Peace and Lovè. Era una visione poetica che introduceva a un discorso d’equilibrio e armonia tra uomini, natura e animali, in una sorta di rispettosa convivenza di uno stesso spazio vitale. Non era un sogno dettato dall’emozione di un momento, ma un progetto globale che partiva da una profonda analisi dei tempi. Ora vorrei risvegliare le coscienze, perchè ci vuole coerenza per poter cambiare e dobbiamo farlo: il pianeta ci sta trasmettendo inequivocabili segnali di sofferenza. Il cambiamento dipende solo da noi e inizia dalle nostre abitudini alimentari, dalle scelte al supermercato, al ristorante e nei negozi di abbigliamento». E concludeva: «Mi piacerebbe così reintrodurre nel nostro lessico quotidiano due parole considerate obsolete. La prima è spreco. Perchè i nostri eccessi si riflettono negativamente sull'equilibrio del Pianeta, limitando le risorse di tutti. Cerchiamo allora di tradurre in un codice deontologico le regole di una convivenza armoniosa, di un condivisione equa, mettendo nero su bianco i nostri doveri verso animali, natura, ambiente e verso il prossimo. Riscopriremmo così il valore della seconda parola empatia».

Cattaneo: "Ha dettato la storia della moda e del costume"

In oltre quarant'anni di attività Elio Fiorucci ha scosso l’universo della moda imponendosi come vero precursore di idee e tendenze. Stilista irriverente, artista non convenzionale sin dagli esordi, Elio Fiorucci è stato uno dei personaggi più originali della moda milanese e lombarda. Dal Giappone agli Stati Uniti, gli oggetti di plastica, l'abbigliamento e le icone pop di Fiorucci hanno fatto il giro del mondo riscrivendo in pochi anni la storia del costume. Con lui scompare uno dei simboli dell’arte e del design di Milano e della Lombardia, ma le sue creazioni continueranno a fare tendenza e dettare lo stile per molti anni ancora". Così il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo ricorda Elio Fiorucci,

Parolini: "Un precursore di idee e tendenze"

"Un vero precursore di idee e tendenze, un’icona pop che ha saputo innovare e rendere grande con la sua creatività il nome di Milano e della Lombardia nel mondo". E' quanto ha dichiarato Mauro Parolini, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia a seguito della morte dello stilista Elio Fiorucci. "Con la scomparsa di Fiorucci - ha aggiunto Parolini - la Lombardia perde una figura simbolo: sono certo che la sua opera rimarrà indimenticata e sarà fonte di ispirazione per le giovani generazioni di stilisti e designer".

Pisapia: "Un milanese vero che ha lasciato un'impronta straordinaria"

"La notizia della scomparsa di Elio Fiorucci mi ha colto di sorpresa e ne sono profondamente rattristato. Fiorucci, un grande stilista, non era creativo solo nella moda, ma comunicava a tutto il mondo proprio attraverso la sua creatività. Elio era anche un amico con cui ho condiviso pensieri, progetti, visione della città". Lo ha dichiarato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia ricordando Elio Fiorucci, cittadino benemerito, scomparso questa mattina."Il suo approccio creativo come stilista ha lasciato un’impronta straordinaria nel settore della moda a livello internazionale. Elio era un milanese vero, instancabile, sempre con la mente aperta a nuove idee, nuove sfide e nuove avventure. E anche per questo nel 2006 il Comune gli aveva consegnato la Medaglia d’Oro di Civica Benemerenza per essere stato protagonista della storia della moda milanese e italiana, ha rivoluzionato lo stile dei giovani cogliendo e miscelando le nuove tendenze dei ragazzi di tutto il mondo. Personalità eclettica e originale, alfiere del Made in Italy [] E’ stato il primo a infrangere il clichè e le regole imposte dalla società del tempo. Le sue storiche boutique di Milano sono state il punto di riferimento per i giovani in anni di forti cambiamenti culturali", ha concluso il Sindaco Pisapia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    20 Luglio @ 18.19

    brundofrancesco@libero.it

    Un Grande, per davvero.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»