19°

33°

Anniversario

Strage di Bologna, Mattarella e Grasso: "Reato di depistaggio sia priorità"

Ricordata la strage del 2 agosto 1980

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Il "volo" di Tom Cruise per Mission Impossible 6

HOLLYWOOD

Tom Cruise si è rotto una caviglia sul set di "Mission Impossible 6" Video

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Ricevi gratis le news
2

Trentacinque anni dopo, Bologna ricorda la strage della stazione, la più sanguinaria della storia d’Italia: 85 morti e 200 feriti il bilancio finale. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un telegramma inviato al presidente dell’Associazione delle vittime del 2 agosto Paolo Bolognesi, scrive che "l'Italia ha il dovere di non dimenticare quella strage e quelle vittime innocenti che fanno ormai parte della memoria nazionale". Secondo il Capo dello stato, «dopo lunghi anni di indagini difficili, contrassegnate da reticenze e tentativi di depistaggio, la magistratura, sostenuta dall’impegno e la tenacia dell’Associazione dei familiari delle vittime, ha concluso il suo iter processuale, pronunciando una sentenza definitiva. Su quella tragica vicenda permangono però ancora angoli bui, specie per quanto riguarda mandanti ed eventuali complici. L’auspicio è che la verità possa emergere nella sua interezza: la vostra battaglia che riguarda anche l’introduzione del reato di depistaggio costituisce un’importante risorsa». 

Per il governo, il sottosegretario De Vincenti ha sottolineato che "il governo è al fianco di chi ancora soffre per quella tragedia e per dire che con Bologna non dimentica il paese intero". In particolare, "il governo sostiene l'approvazione senza modifiche del ddl che introduce il reato di depistaggio, in modo da evitare un ritorno alla Camera".

Soddisfatto il presidente dell’Associazione delle vittime, secondo il quale "le parole per quanto riguarda le carte e il reato di depistaggio sono state positive". 

La strage di Bologna, 35 anni dopo: le foto di quel giorno maledetto


La staffetta "Per non dimenticare" fa tappa a Parma


GRASSO: "IL REATO DI DEPISTAGGIO SIA UNA PRIORITA' ".
«Evidentemente ci sono state delle priorità, però questa doveva essere considerata una priorità. Adesso è partito con la relazione introduttiva, dopo le sollecitazioni anche dei familiari delle vittime e le mie. Speriamo che l’iter legislativo sia rapido e che non ci siano ulteriori divisioni». Lo ha ribadito il presidente del Senato Pietro Grasso, a margine della commemorazione del 2 agosto a Bologna, rispondendo a chi faceva notare il tempo passato prima dell’inizio dell’iter in commissione sull'istituzione del reato di depistaggio.
Interpellato sulla desecretazione dei documenti, Grasso ha spiegato poi che «per i documenti segreti l’unico problema è riuscire ad ottenere la declassificazione da parte di chi ha originato il documento, cioè dalle fonti. E questo è quello che bisogna cercare di accelerare».

DI BATTISTA: "RICORDEREMO AL GOVERNO GLI IMPEGNI". «Il Movimento 5 Stelle è qui perché è la principale forza di opposizione innanzitutto, perché è un dovere partecipare a manifestazioni così importanti in ricordo delle vittime. Il governo ha fatto delle promesse, le fa da tanti anni, questa volta c'ero anch’io quando le ha fatte e le ricorderò al sottosegretario De Vincenti per filo e per segno, fino alle virgole». Lo ha assicurato Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 Stelle, che ha partecipato alla manifestazione a Bologna.
«Siamo qui per essere vicini a persone che hanno avuto una perdita incalcolabile - ha detto - persone che meritano risarcimenti e di capire chi sono i mandanti di questa strage. E meritano anche l’approvazione del reato di depistaggio: se non è stata approvata è perchè al governo interessano di più altre cose, come la legge bavaglio e altre indecenze».

BOLOGNESI: "IN UN PAESE NORMALE PENA NON SCONTATA"«Il caso di Mambro e Fioravanti è emblematico, da manuale dell’impunità: 7 ergastoli a testa, centinaia di anni di carcere per reati gravissimi e sono completamente liberi da anni, avendo scontato solo due mesi di carcere per ogni morte causata. In un Paese normale due stragisti non avrebbero già scontato la loro pena». Lo ha detto, nel suo intervento dal palco delle commemorazioni per la strage alla stazione di Bologna, il presidente dell’associazione dei familiari delle vittime, Paolo Bolognesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Dario

    02 Agosto @ 17.40

    Una delle piste più accreditate (ma verità scomoda) è che siano stati dei terroristi palestinesi (perché esistono dei palestinesi non terroristi?) in transito a Bologna per il nord Europa. Ovviamente è più comodo (è fa meno paura) dare la colpa a qualcunaltro.

    Rispondi

  • Francesco

    02 Agosto @ 13.57

    brundofrancesco@libero.it

    Il depistaggio lo hanno fatto organi dello Stato ( se cosi si può chiamre ) e questi signori possono dirci la verità aprendo i file segretati dallo Stato, ma perché continuano a prenderci per i fondelli ? tanto fumo e poco arrosto. Morale la verità non si sa, se la fumano....

    Rispondi

Lealtrenotizie

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

tg parma

Charlie Alfa, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

BUSSETO

Auto fuori strada a Roncole: paura per una bimba di 4 mesi

La piccola non è grave

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

CALCIO

Parma, domani amichevole con l'Empoli: Gagliolo, Dezi e Insigne osservati speciali Video

Il TgParma fa il punto sulla preparazione della squadra

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

NOCETO

Incendio vicino ai binari: vigili del fuoco al lavoro fino alle 5 di questa mattina

Disagi sulla ferrovia Fidenza-Fornovo. Le foto dei nostri lettori

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

PARMA

L'«altro» Ferragosto all'insegna della solidarietà

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

3commenti

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

Lutto

Addio a Giovanni Mori, il medico filosofo

Appello

«Parma aiuti la Sierra Leone»

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

MIGRANTI

L'Austria invia i militari al Brennero, ira dell'Italia

1commento

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

NELLA NOTTE

Fiamme sulla Torre del Mangia: paura a Siena Video

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti