rifiuti

Ecostation: i primi numeri

Da agosto 1143 i conferimenti nelle 4 stazioni

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

6

Primo bilancio dell'attività di conferimento alle quattro nuove Eco-Station posizionate sul territorio. L'Assessorato all'Ambiente ha concepito le Eco-Station come strumenti per introdurre elementi di flessibilità nel conferimento dei rifiuti andando oltre gli orari ed i giorni stabiliti dal calendario. I cittadini sono così agevolati, avendo la possibilità di conferire i rifiuti 24 ore su 24 nelle quattro diverse Eco-Station posizionate sul territorio. La prima, quella del parcheggio San Pellegrino della Villetta è partita l'8 agosto, le altre tre posizionate nei parcheggi scambiatori Est (Largo Torricella), Ovest (Largo 24 agosto 1942) e Nord (Via San Leonardo) a fine agosto. Nel complesso 1143 i conferimenti registrati ad oggi nelle 4 stazioni di cui il 51% riguardano rifiuti urbani non differenziati; il 33% plastica e barattolame, l'11%, carta e cartone ed il 5 % organico.

Nel complesso quella più utilizzata (anche ovviamente per il fatto di esser partita per prima) risulta essere quella della Villetta con il 66% dei conferimenti, seguono l’Eco-Station Est con il 14 % e la Nord e la Ovest, entrambe con il 10% dei conferimenti.
La tessera sanitaria è la card preferita dai parmigiani per accedere ai servizi dell’Eco-Station con l’83% degli accessi, seguita dalla Eco-Card di Iren utilizzata nel restante 17% dei casi.
Nella fascia pomeridiana-serale (dalle 13 alle 21) si registra il 50% degli accessi con la fascia mattutina (5-13) che segue a poca distanza con il 45% e quella notturna (21-5) che copre la parte restante del 5%.

Ricordiamo che le Eco-Station sono strutture simili a container (circa 2,5 metri per 6,5 metri) con accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che funzionano tramite l'utilizzo dell’ecocard (quella utilizzata per l’accesso ai centri di raccolta) o di tessera sanitaria dell’intestatario del contratto di igiene urbana, e sono dotate di sportelli per la raccolta di plastica, lattine, carta e cartone, organico e rifiuto residuo. Per il rifiuto residuo possono essere utilizzati comunissimi sacchi neri o borsine della spesa di volume non superiore ai 40 litri, compatibilmente con le dimensioni della bocchetta di conferimento. Sono sorvegliate in modo permanente da una telecamera, le Eco-Station sono anche dotate di sensori che segnalano il livello di riempimento per ogni tipologia di contenitore rifiuti comunicando direttamente al gestore la richiesta di intervento per svuotamento.
In base all'introduzione della tariffazione puntuale, ricordiamo che ogni conferimento del rifiuto residuo all’Eco-Station ha un costo di 0.70€ e non rientra all’interno degli svuotamenti minimi previsti per il calcolo della tariffazione puntuale. Il conferimento delle altre tipologie di rifiuto è invece gratuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    03 Ottobre @ 11.35

    LE "ECOSTATIONS" , CHE , POI , SONO ISOLE ECOLOGICHE che non si sono volute chiamare così per non dar soddisfazione a chi le raccomanda da anni , sono un primo passo nella direzione giusta , ma bisogna metterle in tutta la città , perchè , con quattro soltanto , ci facciamo la birra! L' idea dell' "ecostation" mobile , coi cittadini che corrono dietro al camion per strada col "rudo" in spalla , è una comica ! In alternativa , si possono distribuire bidoni condominiali per plastica e residuo , visto che quelli per carta e umido ci sono già .

    Rispondi

    • Maurizio

      03 Ottobre @ 20.20

      Bisognerebbe indagare su questo, i bidoni fino a qualche anno fa c'erano poi hanno messo i sacchi, come mai alcuni sono matchiati Enia se Enia non ha mai e non aveva nemmeno intenzione di sostituire i bidoni con i sacchi? E perchè le nuove campane sono marchiate enia? Semplice errore o bisognava giustificare un eccessivo numero di campane acquistate quando esisteva ancora enia? Tutte domande semplici da fare anche ai politici ma evidentemente è più interessante farefotografie di spazzatura in giro che indagare a fondo sui veri motivi del problema

      Rispondi

    • Maurizio

      03 Ottobre @ 13.49

      La vera inchiesta si dovrebbe fare sul motivo per cui sono stati eliminati i bidoni e sostituiti dai sacchi, su chi lo ha deciso e da quanto tempo era in programma, se ENIA non ha mai utilizzato i sacchi come mai fino al 2014 venivano distribuiti sacchi marcati ENIA? E ancora come mai si sono ripristinate le campane del vetro? Le campane sono nuove ma come mai sono marcate ENIA? Non è che forse non sono nuove ma giacciono mai utilizzate da anni in qualche magazzino? Ancora chi vigila sulla sicurezza dei subappalti? In tutto questo la politica è estranea? Domande facili da fare, più difficile ottenere le risposte ma evidentemente questo non interessa a nessuno, meglio fotografare il rudo che c'è in strada...

      Rispondi

  • Lavapiatti

    02 Ottobre @ 20.13

    Dicevo volete rendere Parma più pulita come sta scritto sui camion di Iren? Bene allora almeno fatelo bene...o cercate di farlo bene...sono 5 i parcheggi scambiatori perché solo 4 eco-station? Già da qui si vede che vi interessa molto renderla pulita...infatti per la completa comodità della gente vicino al parcheggio Sud-Est bisogna andare a largo Torricella o dalla Villetta per avere un cassonetto aperto 24 ore su 24.... Ma una domanda sorge spontanea...: per la consulta comunale la pulizia della città si basa solo e solamente sulla raccolta differenziata? Tra l'altro effettuata con questi disagi e intoppi? Del tipo oggi le comiche...oggi...da anni ormai le comiche...andèma andèma avanti acsè... Mah...solo e solamente MAH

    Rispondi

  • Lavapiatti

    02 Ottobre @ 20.07

    A beh allora possiamo stare tranquilli...ora si che possiamo davvero stare tranquilli...possiamo anche dire all'Italia intera di prendere come esempio l'attuale città di Parma... Infatti come biglietto da visita sotto i portici del grano durante il Festival del Prosciutto avevamo si il Re dei Salumi ma anche un bel panorama sul guano di piccione lasciato da mesi e mesi di strafottenza per quanto riguarda la pulizia... Possiamo stare tranquilli per la pulizia del greto della Parma poi se andiamo sott'acqua non diamo la colpa al cambio della luna... Possiamo stare tranquilli per la pulizia dei fossi...possiamo stare tranquilli per la completa non curanza della periferia della città...possiamo stare tranquilli per la modalità di svuotamento dei bidoni della raccolta...possiamo stare tranquilli per la totale incompetenza di Iren.... Una Eco-Station al parcheggio scambiatore Sud-Est no? Esiste anche quello...volete rendere Parma più pulita come sta scritto sui camion di Iren?

    Rispondi

Lealtrenotizie

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": ecco come sarà via Mazzini Foto

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

3commenti

via toscana

Scontra due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

1commento

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

Lega Pro

Parma, sfida delicata contro il Bassano. Diretta dalle 14.30

E alle 21.30 la partita in differita su Tv Parma

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

14commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery