14°

28°

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

rifiuti

Via Terracini : "ecostazione" degli incivili

2

A me risulta che a Parma esistano delle discariche ma pochi le utilizzano.

....................................

(g.b.) - Questa la foto di un lettore arrivata da via Terracini: uno di quei caso in cui non ci sono dubbi. Qui non c'entrano gli orari della differenziata o la mancanza dei cassonetti. Qui, a mancare sono stati educazione, senso civico e amore per la propria città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 2
  • Maurizio

    08 Ottobre @ 22.42

    Vero quello che dice Balestrazzi ed è per questo che a poco serviranno per la pulizia le nuove isole ecologiche per il conferimento di rifiuti urbani, serviranno per le persone che già differenziano correttamente, certo un servizio in più ma nulla per costringere chi abbandona a comportarsi da civiel. Perchè non facciamo una prova? il conferimento di rifiuti riciclmabili è gratuito? Bene portiamo dei giovani nel parcheggio scambiatore est, offriamo loro coca cola e scommettiamo che la bottiglietta la buttano in terra?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    08 Ottobre @ 18.41

    SEMPRE RIBADENDO CHE il problema dell' abbandono di oggetti ingombranti, come mobili o elettrodomestici , è diverso da quello della raccolta dei rifiuti casalinghi . I vestiti usati poi si sa che vengono venduti come stracci alle industrie tessili che li rigenerano per ricavarne "nuovi" ( ? ) tessuti . La Capitale italiana degli straccivendoli è notoriamente Prato , oggi in gran parte in mani cinesi . Una parte di questi contenitori per abiti usati non si sa neppure di chi siano .Per questo mi fanno molta tenerezza quelle brave mamme di famiglia , che , prima di portare il maglione vecchio nel bidone , lo rammendano , lo lavano e lo stirano , pensando che qualcuno lo indossi.

    Rispondi