-3°

Mangia come scrivi

Figli allontanati dai genitori e i "segreti" della Mala: la serata parmigiana di Sara Rattaro e Paolo Roversi

Serata dedicata al premio Bancarella. Come nascono i romanzi di successo? La "ricetta" dei due scrittori

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

PGN

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

3commenti

0

Romanzi basati su storie reali, scrittori di successo al centro della sala, un dialogo con il pubblico fra aneddoti e ironia. “Mangia come scrivi” ha portato all’Antica tenuta Santa Teresa i “Talenti da Bancarella”: Sara Rattaro, vincitrice del premio letterario nel 2015 con “Niente è come te”, e Paolo Roversi, finalista con “Solo il tempo di morire”. E’ stata trattenuta a Roma un’altra finalista del Bancarella, Simona Sparaco. Nelle presentazioni incrociate – come da formula della rassegna ideata e condotta da Gianluigi Negri – la Rattaro ha presentato Simona Sparaco, arrivata seconda per un solo voto al Bancarella. Il romanzo dell’autrice romana (“Se chiudo gli occhi”) parla del rapporto e del riavvicinamento fra un padre e una figlia rimasti lontani per lungo tempo.
Padri e figlie allontanati dalla vita sono, in modo diverso, al centro anche del romanzo vincitore di quest’anno, come spiega Sara Rattaro a Gazzettadiparma.it: “E’ la storia di un padre e di una figlia che non si vedono da dieci anni perché lei è stata portata in Danimarca, dalla mamma danese, quando era molto piccola. E da lì il governo danese ha voluto che perdesse tutti i contatti con il padre. Si chiama sottrazione internazionale di minore”. Attraverso un romanzo si denuncia un problema reale, che tocca tante persone… “Sì, l’Italia tra l’altro è il Paese più coinvolto, in cui vengono sottratti più bambini: ha il 37% di tutti i casi europei e i casi sono stimati in 2-300 all’anno”.
Paolo Roversi è arrivato in finale (di cui ha raccontato con ironia i “retroscena”) con il romanzo “Solo il tempo di morire”: “E’ la ricostruzione della mala milanese degli anni Settanta ed è un romanzo basato su fatti reali – spiega –. Pur con nomi cambiati troverete i banditi dell’epoca – Vallanzasca, Turatello, Epaminonda – e la ricostruzione fedele di quegli anni sanguinosi, di terrorismo, di guerre tra bande, di attentati… ma anche di grandi scoperte di vario genere perché comunque questi malavitosi si ingegnavano ogni momento per riuscire a fare sempre più soldi con nuovi business criminali”. Quello di Roversi è un romanzo con la colonna sonora… “In ogni capitolo ho cercato di inserire una canzone uscita in quell’anno: trovate da Mina a Celentano a Battisti, fino ad arrivare all’84 con la chiusura con Toto Cutugno e l’Italiano”.
Una domanda per entrambi: quali sono gli ingredienti per un libro di successo? Cos’è che vi ha fatto giungere al punto in cui siete arrivati? “L’importante credo che sia avere qualcosa da dire – risponde la Rattaro – e provare ad avere un proprio stile e quindi una propria voce. Poi da lì… un pizzico di fortuna, essere magari al momento giusto nel posto giusto, tanta tanta umilità e voglia di lavorare”. Per Paolo Roversi, un elemento molto importante sono le storie perché “abbiamo l’impressione di aver già visto tutto, letto tutto, imparato tutto, conosciuto tutto… visto mille film… In realtà ci sono un sacco di storie non ancora raccontate. Bisogna sforzarsi di trovarle e di raccontarle, in modo semplice, diretto. E poi per arrivare bisogna avere costanza: mattone dopo mattone si costruisce, non bisogna mollare alla prima porta in faccia, alla prima cosa che non funziona”. Sara Rattaro annuisce. E Roversi chiude con ironia, con una battuta sul Bancarella: “Ad esempio quest’anno è arrivata lei prima, l’anno prossimo vincerò io magari… Ce la giochiamo...!”. 

(foto di Fabrizio Bertolini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Investita al Barilla Center donne di 70 anni. E' grave

Parma

Barilla Center: investita una 70enne Video

parma

Luminarie: il Comune ha speso 125mila euro

7commenti

LEGA PRO

Il Parma di D'Aversa debutta a Bolzano con il Sudtirol Diretta dalle 14,30

Autostrade

Incidente: code in A1 e in uscita a Fidenza  Tempo reale

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

1commento

Parma

Atti vandalici al gattile

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

11commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

1commento

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

1commento

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22 di ieri 

1commento

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Istat

Cinque famiglie su 100 non riescono a rispettare le scadenze di mutuo e affitto

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

Basket

Melli show a Tel Aviv con 4 record

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video