Mangia come scrivi

Figli allontanati dai genitori e i "segreti" della Mala: la serata parmigiana di Sara Rattaro e Paolo Roversi

Serata dedicata al premio Bancarella. Come nascono i romanzi di successo? La "ricetta" dei due scrittori

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Ricevi gratis le news
0

Romanzi basati su storie reali, scrittori di successo al centro della sala, un dialogo con il pubblico fra aneddoti e ironia. “Mangia come scrivi” ha portato all’Antica tenuta Santa Teresa i “Talenti da Bancarella”: Sara Rattaro, vincitrice del premio letterario nel 2015 con “Niente è come te”, e Paolo Roversi, finalista con “Solo il tempo di morire”. E’ stata trattenuta a Roma un’altra finalista del Bancarella, Simona Sparaco. Nelle presentazioni incrociate – come da formula della rassegna ideata e condotta da Gianluigi Negri – la Rattaro ha presentato Simona Sparaco, arrivata seconda per un solo voto al Bancarella. Il romanzo dell’autrice romana (“Se chiudo gli occhi”) parla del rapporto e del riavvicinamento fra un padre e una figlia rimasti lontani per lungo tempo.
Padri e figlie allontanati dalla vita sono, in modo diverso, al centro anche del romanzo vincitore di quest’anno, come spiega Sara Rattaro a Gazzettadiparma.it: “E’ la storia di un padre e di una figlia che non si vedono da dieci anni perché lei è stata portata in Danimarca, dalla mamma danese, quando era molto piccola. E da lì il governo danese ha voluto che perdesse tutti i contatti con il padre. Si chiama sottrazione internazionale di minore”. Attraverso un romanzo si denuncia un problema reale, che tocca tante persone… “Sì, l’Italia tra l’altro è il Paese più coinvolto, in cui vengono sottratti più bambini: ha il 37% di tutti i casi europei e i casi sono stimati in 2-300 all’anno”.
Paolo Roversi è arrivato in finale (di cui ha raccontato con ironia i “retroscena”) con il romanzo “Solo il tempo di morire”: “E’ la ricostruzione della mala milanese degli anni Settanta ed è un romanzo basato su fatti reali – spiega –. Pur con nomi cambiati troverete i banditi dell’epoca – Vallanzasca, Turatello, Epaminonda – e la ricostruzione fedele di quegli anni sanguinosi, di terrorismo, di guerre tra bande, di attentati… ma anche di grandi scoperte di vario genere perché comunque questi malavitosi si ingegnavano ogni momento per riuscire a fare sempre più soldi con nuovi business criminali”. Quello di Roversi è un romanzo con la colonna sonora… “In ogni capitolo ho cercato di inserire una canzone uscita in quell’anno: trovate da Mina a Celentano a Battisti, fino ad arrivare all’84 con la chiusura con Toto Cutugno e l’Italiano”.
Una domanda per entrambi: quali sono gli ingredienti per un libro di successo? Cos’è che vi ha fatto giungere al punto in cui siete arrivati? “L’importante credo che sia avere qualcosa da dire – risponde la Rattaro – e provare ad avere un proprio stile e quindi una propria voce. Poi da lì… un pizzico di fortuna, essere magari al momento giusto nel posto giusto, tanta tanta umilità e voglia di lavorare”. Per Paolo Roversi, un elemento molto importante sono le storie perché “abbiamo l’impressione di aver già visto tutto, letto tutto, imparato tutto, conosciuto tutto… visto mille film… In realtà ci sono un sacco di storie non ancora raccontate. Bisogna sforzarsi di trovarle e di raccontarle, in modo semplice, diretto. E poi per arrivare bisogna avere costanza: mattone dopo mattone si costruisce, non bisogna mollare alla prima porta in faccia, alla prima cosa che non funziona”. Sara Rattaro annuisce. E Roversi chiude con ironia, con una battuta sul Bancarella: “Ad esempio quest’anno è arrivata lei prima, l’anno prossimo vincerò io magari… Ce la giochiamo...!”. 

(foto di Fabrizio Bertolini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti