-1°

islam

Moschea e Parma: ecco l'ora dell'incontro

Imam: "Gli islamici devono denunciare chi è sospettato di progettare certe azioni" - Sindaco: "Lavoriamo insieme"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

3

Moschea aperta alla città: via Campanini oggi ha ospitato un incontro significativo, dopo i fatti di Parigi e le manifestazioni, comuni, di condanna in Piazza. E dalla moschea si è levata forte e chiara la condanna del terrorismo da parte dell'imam Kamel Layachi e da parte del presiedente della comunità islamica di Parma Soufiane Lamzari. Erano presenti almeno 600 musulmani e musulmane di Parma e provincia e diversi ospiti parmigiani. Presenti, tra gli altri, il sindaco Federico Pizzarotti gli assessori Laura Maria Ferraris e Gabriele Folli, il segretario cittadino del Pd Lorenzo Lavagetto, i rappresentanti del Forum Interreligioso.

Le prime parole dell'imam Kamel Layachi:

"Questa giornata è un ponte che gettiamo verso la città, un atto di chiarezza e una presa di posizione verso ciò che sta accadendo nel mondo intorno a noi. Oggi parliamo di Parigi ma anche del dopo Parigi: c'è bisogno di costruire un fronte comune per affrontare questo momento così difficile. E c'è bisogno di distinguere tra chi porta avanti una ideologia e chi vuole vivere in serenità la propria fede, in buona convivenza con gli altri".

Il benvenuto - "La comunità islamica di Parma - spiega sempre l'imam - decide di aprire spontaneamente il suo cuore a tutta la città. Apriamo le porte perché vogliamo parlare alla città, gettare un ponte nella totale chiarezza e trasparenza. Esiste un documento sottoscritto nel 2005 a Bologna, in cui decine di comunità islamiche italiane hanno firmato una linea di condotta: ogni comportamento che nuoce alla sicurezza collettiva, per qualunque scopo, è oggettivamente una avversione malefica. Vanno considerati tali le violenze e le guerre. Il metodo terrorista non ha nulla a che fare con la dottrina e la condotta islamica, e li condanniamo fermamente. Condanniamo chi usa in modo blasfemo le parole del Profeta e invitiamo tutti i musulmani e le musulmane d'italia a condannare e a considerare una eversione questi comportamenti. Ed è vietato fornire supporto morale o logistico a persone sospettate di voler far uso di violenza per colpire la società.

Il documento delle comunità islamiche invita a denunciare chi sospettato di progettare certe azioni. L'imam cita un versetto in cui il Profeta disse: "aiuta tuo fratello, sia che faccia il bene o faccia il male". "Aiutarlo a fare male ?' Gli chiesero i seguaci' "Sì, impedendogli di farlo", rispose Maometto.

L'imam si rivolge ai musulmani: L'Islam riconosce ad ogni essere umano una peculiarità, nessuno ha il diritto di violare i diritti di questa persona.". "Oggi dopo mesi di inaudita violenza, dopo stragi perpetrate da una organizzazione terroristica il cui nome non voglio pronunciare in questo luogo sacro, queste persone dovranno rispondere davanti a Dio dei loro atti, l'ultima consumata in diretta tv nel cuore dell'Europa. Erano nati lì, e hanno ucciso 128 persone. Oggi vorrei ricordare, per l'esempio che è stato, Valeria Solesin, che ha dato la sua vita allo studio e al lavoro umanitario. È stata uccisa ingiustamente da questi barbari che hanno infranto la legge di Dio. È vero che Allah è grande, ma è più grande della loro malvagità, della loro barbarie e dei loro crimini. Hanno offeso Dio e noi tutti, musulmani e non musulmani".

Ai giovani - "Anche noi musulmani siamo chiamati a una scelta di campo e alla chiarezza. Serve una azione comune contro la barbarie e il non senso. Oggi siamo chiamati a schierarci contro la barbarie e a favore della vita a fianco dei nostri cittadini e a fianco delle nostre istituzioni. Dobbiamo schierarci coi giusti, e prenderci l'impegno di vigilare, di educare affinché la nostra comunità rimanga immune da questa barbarie. Ai giovani musulmani va l'appello alla prudenza e all'equilibrio: avete la fortuna di vivere in un Paese che riconosce la libertà di culto: fatene buon uso, leggete il Corano nella chiave della misericordia, diffidate di chi diffonde odio, appoggiatevi a imam che hanno studiato a fondo il Corano, praticate la cittadinanza attiva. Si è più musulmani quando siamo più cittadini, e cittadini responsabili. Questo è il vostro Paese: amatelo!

Alle donne - 'Sorelle, voi siete parte essenziale di questa comunità. A Saint-Denis una donna si è fatta esplodere. Condanniamo queste cose. Voi, sorelle, insegnate con il vostro esempio, la vostra sensibilità, il vostro amore infinito, ai figli di questa comunità il rispetto degli altri.". L'Imam richiama i genitori a vigilare sull'uso dei social network.

"Il nostro impegno è di essere a servizio della comunità di Parma".

Il sindaco Pizzarotti - "Ho molto apprezzato le parole dette oggi. Siamo qui per ribadire il senso di comunità e accoglienza. Siete parte della comunità e ce lo dobbiamo ricordare anche quando cercano di farcelo dimenticare. Insieme al forum interreligioso lavoriamo per il bene di tutti. Quelle dell'imam sono parole importanti e pesanti e danni l'idea della maturità della comunità di Parma. Continuiamo a lavorare insieme: dipende da noi, e non da chi non vive qui, dialogare e parlare e chiarire. Sta a tutti noi la responsabilità di voler superare questo difficile momento". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gigi

    21 Novembre @ 11.28

    Grandi parole dell'imam,bisogna essere uniti contro il terrorismo,non facendo di tutta un'erba un fascio,perchè sono convinto che tanti musulmani sono brave persone,anche meglio di certi italiani qualunquisti.Se si è arrivati a tutte queste barbarie(che premetto condanno in pieno) lo si deve anche al modo di vivere di noi occidentali in tutti questi anni,dove abbiamo sfruttato per interessi tutto il medio oriente e siamo entrati in lotta anche con noi stessi,per questo famigerato potere economico.è ora di riflettere seriamente per avere un futuro diverso,quindi ben venga il dialogo,questa deve essere una grande comunità con parmigiani e stranieri insieme per un futuro migliore senza guerre,odio e ipocrisie

    Rispondi

  • Zagor

    20 Novembre @ 19.52

    Potrei dire: sarebbe ora! Sarebbe ora se anche i musulmani prendessero una specifica posizione di fronte a questi avvenimenti che anche oggi hanno continuato in una escalation di orrore. Dimostrino con i fatti che "chiarezza" e "scelte di campo" non rappresentano solo parole di circostanza. Davvero c'è voglia di integrazione? davvero c'è voglia di vivere nel nome di una fratellanza dove non esistono cristiani o musulmani ma esclusivamente esseri umani? Bene, dimostratelo...noi occidentali la nostra parte l'abbiamo fatta: vi abbiamo accolto, vi abbiamo mostrato come si vive in un mondo libero e liberale con il rispetto dei costumi, delle lingue, dei pensieri, delle parole di ognuno di voi. Adesso tocca a voi, solo voi potete decidere da che parte stare. Ma con i fatti. Se non avete paura, se non temete nessuno, scendete nelle piazze, da soli, e a gran voce fatevi riconoscere, gridate la vostra rabbia contro quei macellai, avvicinatevi ai nostri principi costituzionali. sottoscrivete la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Solo in quel momento potremo, tutti noi, capire da che parte state.

    Rispondi

  • filippo

    20 Novembre @ 18.58

    Pizzarotti si trovava a proprio agio...

    Rispondi

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria