-2°

Visita

San Paolo, la nuova stagione parte dal campanile

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Ricevi gratis le news
0

Il complesso di San Paolo si appresta a vivere una nuova stagione. Si comincia dalla torre campanaria, da tempo “impacchettata” dalle impalcature, in corso di ristrutturazione grazie al contributo di Fondazione Monte Parma, che ha messo a disposizione del Comune i 250.000 euro necessari per le opere edilizie.
L'intervento è stato presentato dal sindaco Federico Pizzarotti, dall'assessore Michele Alinovi, dal Soprintendente per i beni architettonici Gian Carlo Borellini e dal presidente di Fondazione Monte Parma Roberto Delsignore.
“Il complesso di San Paolo – ha annunciato Pizzarotti – sarà sede del laboratorio aperto di Parma Città della Gastronomia Unesco. Questo luogo, legato alla storia e alla memoria di Parma rinascerà a nuova vita. Allo stesso modo troveranno una nuova collocazione sia l'istituto Storico per la Resistenza che il Museo dei Burattini, che andranno ad abitare nell'Ospedale Vecchio, per valorizzarne la presenza nel loro quartiere naturale, in linea con la storia e la tradizione che li legano alla città”.
“Il cantiere al San Paolo è in piena attività – ha sottolineato l'assessore Michele Alinovi – si parte con la torre campanaria e si sta già lavorando per il ripristino delle coperture. In tutto si spendono poco meno di un milione di euro, ai quali se ne aggiungeranno altri 4 su base pluriennale, di cui 1,6 arriveranno dai fondi europei tramite la Regione Emilia Romagna. Prende così corpo la ristrutturazione dell'antico complesso monastico così caro al cuore e alla mente dei parmigiani, e si delinea anche il suo futuro utilizzo: diventerà una specie di hub per il turismo e la promozione del bramd di Parma, oltre a mantenere ben salda la sua funzione di presidio culturale con biblioteca, musei e Camera di San Paolo”.

I progetti per torre campanaria e complesso di San Paolo
Nell’ambito più generale della riqualificazione e valorizzazione dell’intero complesso monumentale dell’ex Convento di San Paolo, che diventerà nel medio termine un polo qualificato di attrattività urbana, con preminente ruolo di luogo culturale e di scambio sociale per le vocazioni produttive del territorio, sono iniziati i lavori di restauro della torre campanaria, la cui costruzione risale al 1690, e i lavori di restauro delle coperture pericolanti dell’ala ovest del complesso.
Il restauro conservativo della torre campanaria di San Paolo, parte dalla necessità di mettere in sicurezza alcuni elementi decorativi pericolanti e di verificare e risanare altre parti già a prima vista degradate e rappresenta per necessità e per riconoscibilità l’inizio di questo processo di recupero.


Il progetto di valorizzazione e recupero della torre, presentato nel marzo 2015 è stato redatto da Elena Bonelli con Nicola Simboli, e Alessandro Zaccarini, per il Comune di Parma ente proprietario e per Parma Infrastrutture ente appaltante, ed è stato interamente finanziato dalla Fondazione Monte Parma per un importo a base d’asta è di € 250.000.
Gli interventi messi in opera per aggiudicazione d’appalto dalla ditta Alchimia con la supervisione della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Parma e Piacenza, sono da intendersi come i minimi necessari per la messa in sicurezza e il risanamento delle parti più degradate e compromesse, secondo i concetti del "minimo intervento", della sua “reversibilità”, della "compatibilità fisico-chimico" con i materiali originali, della "distinguibilità" e soprattutto della "salvaguardia dell’autenticità” del manufatto, storicamente determinata in tutte le sue stratificazioni.
Le principali opere di consolidamento e messa in sicurezza sono relative alla croce e alla rosa dei venti sulla cuspide della torre, alle statue ad armatura e ai loro basamenti, alle balaustre in pietra e cemento del primo loggiato, e a quelle in ferro del secondo loggiato, ai pinnacoli e alle pigne, alle volte e alle catene del primo e secondo loggiato, ai solai intermedi e al castello campanario
Le opere di ripristino, e manutenzione riguarderanno le lattonerie della cupola a “cipolla”, che sono particolarmente deteriorate e la coperture degli sporti di cornicione che, bonificati dall’eternit, acquisiranno la pendenza originale e verranno rivestiti in lastre di piombo,
Le opere di restauro e bonifica diffuse su tutta la torre, sono relative all’igienizzazione, ai trattamenti biocidi, ai trattamenti puntuali di consolidamento e preconsolidamento delle murature in laterizio e degli apparati decorativi in laterizio e pietra, ai trattamenti protettivi per garantire il risultato del restauro nel tempo
Le opere di messa in funzione sono invece relative ai meccanismi degli orologi che diventano entrambi sincronizzati e funzionanti, alla campana a percussione, all’impianto di illuminazione, al sistema dei dissuasori antivolatili.
L’ultimazione del restauro del Campanile, che verrà restituito nel suo ruolo segnaletico di torre civica alla città è previsto entro l’estate del 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande