-2°

cinema

I 60 di Gibson tra polemiche, alcol e Gesu'

Attore e regista da Oscar da action movie alla macchina da presa

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

1

Nonostante la faccia da bravo ragazzo Mel Gibson, 60 anni il 3 gennaio, ne ha passate di tutti i colori. Successo, disprezzo, polemiche, violenza, alcol, accuse di antisemitismo e ricerca di redenzione. Insomma una vita piena. Prima attore perfetto per gli action movie e poi regista a tutto tondo, con tanto di Oscar all’attivo, animato ad un certo punto da integralismo cattolico. Tutta una gamma di cose non certo prevedibili agli inizi.
Sesto di undici figli, con padre meccanico ferroviario della New York Central Railroad e madre casalinga australiana, torna a New South, in Australia, già da giovanissimo anche per i problemi finanziari che hanno colpito la sua famiglia.
Esordisce nel 1976 con la serie tv australiana The Sullivans (1976-1983), noto telefilm australiano e, l’anno dopo, nel film di Anthony Page I Never Promised You a Rose Garden, con Dennis Quaid e Bibi Andersson. E poi arriva, dopo una rissa nel giorno dell’audizione, il ruolo che lo ha reso famoso: Rockatansky in Interceptor - Il guerriero della strada (1979) di George Miller, per la trilogia di Mad Max. Primo film di una saga con Gibson poliziotto alla caccia dei teppisti che gli hanno ucciso moglie e figlio. Ritardato mentale in Tim - Un uomo da odiare (1979), giornalista in Un anno vissuto pericolosamente (1982) di Peter Weir, spacciatore di droga in Tequila Connection (1988) di Robert Towne e baro a poker in Maverick (1994) di Richard Donner tratto dalla popolare serie (1957-61), Gibson, a inizi anni Novanta, decide di passare dietro la macchina da presa. Così mette su una sua casa di produzione, la Icon Productions, e con Braveheart porta a casa 5 Oscar tra cui quelli per miglior film e miglior regia.
Ma è con La passione di Cristo (2004), racconto anche troppo realistico del martirio di Gesù, che l’attore-regista si ritrova sulle pagine dei giornali di tutto il mondo. Mentre il film vola ovunque al box office (611.899.420 dollari), volano insieme al successo anche le polemiche (su tutte le accuse di integralismo cattolico e presunto antisemitismo).
Un successo, quello di Mel Gibson, compromesso da una vita privata che offusca la sua immagine. Viene arrestato nel 2006 per guida in stato di ebbrezza e accusato di dichiarazioni antisemite e di razzismo. Aggredisce infatti l’agente che gli sta mettendo le manette chiedendogli: «Sei un ebreo?».
Teste mozzate, sgozzamenti, stupri, torture, massacri di donne e bambini inermi, cuori pulsanti strappati dal petto è la nuova provocazione di Mel Gibson nel 2007 con Apocalypto. Dopo La passione di Cristo Gibson provoca ancora il pubblico con l'arma della violenza esplicita, visibile. Ovvero quello dei Maya, dilaniati da una guerra fratricida senza quartiere prima di cadere vittime dei Conquistadores, le cui navi si intravedono vicino a una spiaggia nell’ultima scena del film.
Sul fronte della vita privata, per lui un lungo matrimonio durato 26 anni con Robyn Moore con sette figli all’attivo e poi un divorzio record per il quale deve pagare oltre 400 milioni di dollari. Segue una tempestosa relazione con la musicista russa Oksana Grigorieva che lo denuncia per maltrattamenti, insulti a sfondo razzista e minacce di morte.
In occasione dei suoi 60 anni dal 3 gennaio Studio Universal (Mediaset Premium) dedica a Gibson una rassegna con quattro celebri film e un focus. Si parte con Interceptor (1979), poi Un anno vissuto pericolosamente (1982), Tequila Connection (1988) e Maverick (1994).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Stefano

    02 Gennaio @ 23.48

    Le accuse di antisemitismo per quanto riguarda il film su Cristo sono state lanciate dagli ebrei con il patetico tentativo di nascondere quello che storicamente hanno fatto. Le accuse delle dichiarazioni antisemite sono solo Italiane in quanto in USA per fortuna la libertà di espressione al contrario di noi è permessa ( non che io sia antisemita ) .A mio parere il martirio non era troppo realistico, era realistico, così come la vita dei maya non è stata una provocazione ma era una narrazione storica del loro modo di vivere. Solo in Italia dobbiamo prima chiedere al politico di turno se possiamo parlare o meno di una cosa. A mio parere la vita privata delle persone dovrebbe rimanere tale

    Rispondi

Lealtrenotizie

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

2commenti

Amministrative 2017

Pizzarotti: "Saremo una vera lista civica, non come Ubaldi e Vignali"

Il sindaco ha presentato la sua candidatura: "Mi ripresento perchè i cittadini me lo chiedono" Video

2commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

21commenti

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

1commento

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

Stati Uniti

Chelsea Clinton difende Barron, il figlio piccolo di Trump

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)