-5°

paradigna

"Noi, tra cassonetti esplosi, bulli e minacce"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

13

"Vorrei cercare di far capire a questi squallidi “bulli” che esistono delle brave persone che ormai hanno le scatole piene delle loro misere bravate. E spero anche che qualche organo preposto, pressoché inesistente, inizi ad affrontare il problema attraverso misure opportune". Il foto-sfogo è di un lettore, Alberto, residente nel quartiere Paradigna, che mostra le ultime imprese dei bulli in questione e racconta la situazione.

Lo ha fatto anche in una email inviata a Comune Amico. Eccola:

"Ormai saturo di constatare giornalmente il continuo scempio di beni al servizio dei cittadini: panchine, lampioni, giochi per bambini, strutture sportive e quant'altro, questa mattina 1° gennaio 2016 in Stradello Matilde di Canossa in prossimità della chiesa "Cardinal Ferrari", si deve ahimè riscontrare l'ennesimo atto vandalico a cinque contenitori di rifiuti letteralmente disintegrati durante la notte del 31 dicembre, all'interno dei quali sono stati evidentemente inseriti alcuni "botti" di dubbia provenienza e sicuramente "proibiti" dalle normative vigenti, visto i notevoli danni palesemente provocati, nonché evidenti danni a una centralina elettrica  letteralmente divelta con tanto di eloquente foro alla base d'appoggio al terreno. Nel merito, è da tempo che in zona imperversa impunemente la solita banda di  bulli di età compresa fra i 14/16 anni, il cui divertimento è distruggere ciò che gli abitanti del quartiere hanno di fatto pagato attraverso le loro tasse, onde rendere più vivibile a loro stessi e soprattutto ai bambini nonché agli animali, la vita a tale folto nucleo abitativo. Tali "bulli", non contenti delle loro squallide bravate, si permettono di irridere pesantemente una signora che a spese proprie, nutre giornalmente una piccola colonia di gatti (3/4), riconosciuta e registrata nelle sedi competenti cittadine, blaterando altresì la seguente e ricorrente frase: "...quei gatti prima o poi te li mangiamo..." !..

A fronte di ciò si chiede cortesemente, se fosse possibile ottenere un incontro con qualche assessore Comunale oppure persona preposta, onde approfondire tali ricorrenti problematiche, poiché di fatto alcuni abitanti sono ormai stufi di vedere tali immotivate distruzioni, schiamazzi serali e notturni, maleducazione verbale dilagante, senza che nessuno minimamente intervenga."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • victoria

    04 Gennaio @ 06.44

    ma i genitori di questi "bravi ragazzi", dove sono? io ci abito in questa zona, non so chi siano ma le loro malefatte le vedo.........

    Rispondi

    • wolf

      04 Gennaio @ 08.29

      Magari una parte di loro, abitano proprio nel suo palazzo Sig.a Victoria !...wolf

      Rispondi

  • wolf

    03 Gennaio @ 22.43

    Cari amici, dato che chi scrive è la stessa persona che ha inviato alla GdP la lettera di sfogo dei cassonetti esplosi, mi permetto di dire pure la mia su alcuni punti: Lo scrivente in tutta la sua vita e a tutt’oggi, non ha mai votato a SINISTRA. Per quanto mi riguarda Alfano è una persona inqualificabile, con la passione per la poltrona. La nazionalità dei “bulli” è multicolore. La responsabilità di quanto accade nella NOSTRA Parma e in tutta l’Italia, è da imputarsi solo alle leggi RIDICOLE di questo paese, che tutelano i delinquenti e condannano le brave persone. Sig.MAURIZIO, spiacente ma la SINISTRA ha delle colpe innegabili, basti sentire parlare la Presidenta della Camera Sig.a Boldrini e tutto s’intende…chi delinque va punito senza guardare il colore della pelle e la nazionalità !...vero si va sempre peggio grazie al TOLLERANTISMO assurdo delle SINISTRE !...In questo caso, ripristino dei RIFORMATORI per i minori !...altro che POVERINI !!!... Caro VERCINGETORIGE, capisco la sua osservazione, ma guarda caso gli Organi Preposti sono già intervenuti nella medesima zona in altre DUE occasioni similari, ma come al solito un gran chiacchiericcio, scritti, deposizioni, foto, testimoni invitati negli uffici preposti…fine: tarallucci e vino !...E con questo non voglio assolutamente incolpare chi ha effettuato le indagini passate, ma come ho già sopra accennato, sono le leggi di questo disgraziato paese che non funzionano più… siamo nel 2016 e la gente è cambiata notevolmente rispetto solo a 30/40 anni fa !...Le Forze dell’Ordine fanno quello che possono…vediamo come sono trattate dallo STATO, poi se per partito preso si vuole per forza essere ORBI e SORDI… Alberto

    Rispondi

    • Maurizio

      04 Gennaio @ 13.00

      Sicuro la sinistra? E le leggi fatte da bossi? da Maroni? Quello che voleva dare il permesso di soggiorno a tutti i profughi indistintamente? Le responsabilità le hanno tutti da destra a sinistra solo che loro se la ridono a leggere commenti come il suo dove da la colpa solo a sinistra o a leggere i commenti di quelli di sinistra che danno la colpa alla destra.... Nel 2016 siamo ancora a parlare di destra e sinistra? esistono ancora destra e sinistra?

      Rispondi

  • Pier Luigi

    03 Gennaio @ 21.30

    Le forze dell'ordine fanno ben poco. Ma quel poco che fanno glielo contestano giudici che osservano quanto le leggi prescrivono. Se poi aggiungiamo il mancato controllo da parte di ignavi genitori incompetenti, eccoci servite inciviltà e maleducazione. Non servono punizioni eclatanti, ma solo azioni di lavoro a riparazione di quanto guastato... da parte dei guastatori, con severità e giustizia. Una semplice legge, fatta di un solo articolo e tre parole: CHI ROMPE, PAGA. Inerosabilmente, inflessibilmente. Solo in questo modo i nostri giovani impoareranno la buona creanza.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    03 Gennaio @ 19.09

    SCUSATE , ma , se , come sembra di capire dalla vostra "mail", sapete chi sono , perché , invece di scrivere lettere , non andate a far denuncia in Questura o ai Carabinieri ?

    Rispondi

  • Marzio

    03 Gennaio @ 14.38

    Come ho già commentato un'altro articolo, anche in Via Milano non ne hanno risparmiato uno. Che sia la stessa banda, oppure è una moda che si stà sviluppando tra i giovani?

    Rispondi

    • marirhugo

      03 Gennaio @ 23.43

      Ma a te chi ti ha detto che sono giovani?

      Rispondi

    • Maurizio

      03 Gennaio @ 20.47

      MC, probabilmente è una moda e i protagonistri possono essere stranieri, italiani meridionali o parmigiani del sasso, stiamo andando sempre peggio ma alla fine leggendo i commenti quì sotto si capisce come possono crescere i figli, nessuno che affronta il problema, uno che da la colpa all'assessore, uno che chiede la nazionalità, uno che da la colpa alla sinistra.....

      Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

1commento

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

2commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

1commento

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

2commenti

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto