25 Aprile

Pietro Grasso a Reggio: "Oggi c'è un'avvilente caduta etica"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Ricevi gratis le news
2

«Il Paese oggi è scosso da un’avvilente caduta etica, dalla corruttela, dall’abuso delle funzioni e delle risorse pubbliche, dal crescere delle diseguaglianze e della marginalità, da un allontanamento dei cittadini dai partiti e dalla politica». Lo ha detto oggi il presidente del Senato Pietro Grasso, a Reggio Emilia per la celebrazione del 25 Aprile.
Grasso ha aggiunto che occorre «reagire con la nostra opera, con la nostra intelligenza e il nostro cuore per opporre al cinismo, all’egoismo e all’indifferenza lo spirito di quegli anni, quello spirito che la Resistenza ha impresso per sempre nel concetto stesso di cittadinanza e di libertà». 
Secondo il presidente Grasso questo dovere grava «soprattutto sulla politica, che deve tornare a servire il bene comune; ad animare spinte ideologiche soprattutto fra i giovani; a pensare e costruire progetti strategici per il futuro del Paese; ad offrire a tutti l’opportunità di realizzarsi».

Il presidente del Senato ha ricordato i sacrifici fatti dai tanti giovani che furono protagonisti della Resistenza: «Durante la pagina più buia per il nostro Paese, donne e uomini valorosi si misero al servizio della Patria, rischiando la propria vita e tutto quello che avevano, per riscattare l’Italia dalla vergogna della dittatura fascista e dell’oppressione nazista. Ciascuno aveva radici, ragioni e sentimenti differenti, eppure tutti erano uniti dall’unico grande ideale di liberare il Paese e renderlo migliore».
«Reggio Emilia - ha aggiunto Grasso - ha contribuito a quella causa in maniera straordinaria, pagando un prezzo altissimo e doloroso: 626 caduti fra i suoi oltre 9.500 combattenti volontari; 1200 civili deportati; più di 8.000 militari internati nei lager tedeschi; l'incendio di interi paesi; la vile uccisione di centinaia di civili, fra cui donne e bambini, vittime della barbara regola fascista della rappresaglia contro popolazioni incolpevoli e inermi. Un sacrificio giustamente riconosciuto con il conferimento alla città della Medaglia d’oro al valor militare, e con la gratitudine dell’Italia intera di cui oggi mi faccio interprete con commozione». 

Nei discorsi ufficiali del presidente del Senato non mancano riferimenti all'attualità: «Nel cuore dell’Europa stiamo vedendo tornare rigurgiti di nazionalismo e recinti di filo spinato, proprio tutto ciò contro cui hanno combattuto le nostre partigiane e i nostri partigiani». Lo ha detto il presidente del senato Pietro Grasso a Reggio Emilia, nel discorso conclusivo delle manifestazione del 25 Aprile.
«Proprio loro che hanno dato la vita - ha detto Grasso - che hanno subito le rappresaglie, per avere aiutato i fuggiaschi e i perseguitati, per avere difeso la libertà e la dignità degli altri, posso immaginare cosa penserebbero oggi del cinismo con cui certi Paesi vorrebbero abbandonare chi fugge da guerre, persecuzioni e povertà, quei Paesi che rispondono alla disperazione con muri e barriere». 

PIETRO GRASSO AL MUSEO CERVI: "IMPORTANTE LIBERARSI ANCHE DALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA". Nella sua giornata in Emilia, Grasso ha visitato il Museo Cervi di Gattatico (foto). «La vicenda della famiglia Cervi - ha dichiarato Grasso nel pomeriggio all'Istituto Cervi - ci ricorda come la Liberazione fu possibile perché uomini e donne di diversa estrazione scelsero di essere parte di un più ampio progetto di riscatto sociale». Nell'occasione, la seconda carica dello Stato ha parlato anche delle recenti condanne per 'ndrangheta a Reggio: «In questo giorno della Liberazione è importante anche liberarsi da questi poteri che sono fatti di prepotenza, intimidazione e violenza. Dobbiamo unirci contro questo male dell'infiltrazione della criminalità organizzata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    26 Aprile @ 08.29

    Indiana

    Qualcuno gli dica che l'amore per la propria patria e per la propria cultura non è per niente sbagliato (anzi) e che i muri si stanno alzando perché certi disgraziati europei hanno permesso l'invasione incontrollata di stranieri che hanno portato violenza e degrado. Non tutti,ovviamente,ma la maggioranza si,senza contare le insuperabili differenze culturali come nel caso dei musulmani che non riconoscono le leggi dello stato ospitante ma solo quelle della propria religione. Chi difende la propria terra e la propria cultura va solo che ammirato e imitato. Ma d'altronde a qualcuno sarebbe piaciuta l'invasione dei comunisti titini....Non cambiano mai! E si dimenticano sempre degli altri morti,anche loro per la patria! E che Mussolini combatté con ogni mezzo la mafia

    Rispondi

    • 26 Aprile @ 10.32

      REDAZIONE - A parte che neppure lui - evidentemente - estirpò la mafia, in compenso ci portò in una sciagurata e tragicissima guerra, si alleò con il responsabile di un genocidio e consolidò il suo potere (già basato su varie violenze squadriste) perfino con l'uccisione di un deputato. Magari non dimentichiamoci neppure di questo... (Gabriele Balestrazzi, che non è un nickname)

      Rispondi

Lealtrenotizie

Arrestato un altro spacciatore di viale dei Mille

Foto d'archivio

carbinieri

Viale dei Mille, si mette in bocca le dosi di cocaina e inforca la bici: arrestato

3commenti

polizia

Insegue e molesta la ex in Cittadella: la fuga finisce contro un'auto. E poi in cella

2commenti

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

2commenti

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

6commenti

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

1commento

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

8commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

15commenti

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

2commenti

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

guardia di finanza

'Ndrangheta: estorsione ai familiari di un pentito, 3 arresti tra Emilia, Lazio e Calabria

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

1commento

SPORT

GAZZAFUN

Vota i grandi dello sport di Parma (e non)

TENNIS

Australian Open, l'eterno Federer in semifinale. Contro la sorpresa Chung

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

3commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video