17°

Via Cremonese

Minacciata con un coltello e gettata a terra: arrestato rapinatore

In manette un 32enne tunisino, con precedenti per spaccio

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La notte degli oscar

culture

No alle scollature: la notte degli oscar censurata in Iran Video

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

9

Un 32enne tunisino, con precedenti per spaccio di droga e per reati contro la persona, è stato arrestato dalla polizia: armato di coltello, ha minacciato una donna che attraversava un parco nella zona di via Cremonese. L'ha gettata a terra pur di portarle via i contanti che teneva nella borsetta. Non è stato facile rintracciarlo, ma le indagini della Squadra Mobile lo hanno inchiodato. 

La violenta rapina
Mancavano pochi minuti alle 22 del 13 settembre quando una Volante è intervenuta in via Cremonese: una donna era stata rapinata nel parco "Augusto Daolio". In base alla ricostruzione degli agenti, una giovane che attraversava il parco per raggiungere un amico si è imbattuta in un tunisino, che le ha puntato il coltello intimandole di consegnare tutti i soldi. La donna ha iniziato a urlare, cercando di scappare, ma è stata bloccata dal rapinatore, che l'ha immobilizzata a terra. Sopraffatta dalla violenza dell'uomo, la vittima ha consegnato 30 euro e, approfittando di un attimo di distrazione dell'aggressore, è riuscita a fuggire e a chiamare il 113. 

Gli investigatori della sezione Antirapine della Squadra Mobile hanno avviato le indagini, concentrandosi in particolare sull'ambiente degli spacciatori stranieri. La polizia è risalita a tunisino, pluripregiudicato per reati contro la persona e nell’ambito dello spaccio di stupefacenti. La donna rapinata lo ha poi riconosciuto in foto: si tratta di Maher Hammami, tunisno nato nel 1984, denunciato per rapina pluriaggravata e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Il gip ha poi emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti. 

Il fatto che Hammami fosse irregolare e senza fissa dimora hanno reso più difficili le indagini ma i servizi di pattugliamento della Mobile alla fine hanno dato frutto. La perquisizione personale ha permesso di sequestrare un coltello a serramanico, che il tunisino teneva nella tasca dei pantaloni; inoltre, nello zaino che aveva con sé, sono stati trovati numerosi oggetti, tra cui un tablet, lettori MP3 e degli occhiali da sole e da vista, trafugati la notte precedente in un bar della zona di via Silvio Pellico. Il 32enne nordafricano è stato denunciato anche per ricettazione e porto abusivo di oggetti ad offendere. Ora è in carcere in via Burla. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    10 Ottobre @ 21.33

    Indiana

    E come mai era ancora libero e ancora in Italia? E lo é ancora visto che non è stato arrestato nemmeno stavolta! Qualcuno mi spiega il perché di tutto questo lassismo buonista? Gli stranieri che delinquono vanno buttati fuori,in galera al loro paese,al primo reato. Gli italiani in galera qui. Basta con tutti questi criminali in giro! La vita a rischio é la nostra! Cominciamo a incazzarci o continuiamo a subire?

    Rispondi

  • filippo

    10 Ottobre @ 19.22

    per la redazione: cosa fa questo tunisino a Parma? non lavora, spaccia, ha precedenti...come mai sta a Parma? Chi non lo espelle? La legge prevede l'espulsione, perché non viene eseguita? Perché non fate un'inchiesta seria per capire come mai in questa città non si espelle nessuno?

    Rispondi

    • 10 Ottobre @ 19.34

      (Dalla redazione) A volte sono proprio i reati commessi, e la lunga trafila processuale che ne segue, che rendono difficili le espulsioni. Per alcuni paesi, ma non per la Tunisia, poi, non ci sono trattati quindi i rimpatri sono complicati e poi ci sono mille altri problemi, compreso i costi di un rimpatrio coatto. E' una situazione diffusa non solo a Parma. L'idea dell'inchiesta è buona.

      Rispondi

      • Stefano

        12 Ottobre @ 19.16

        reinard.alfa@gmail.com

        Redazione non sono d'accordo. Bastano due righe da un magistrato imparziale. Se al primo reato un magistrato decreta l'espulsione immediata a prescindere non ci sarebbero problemi e nessuno contesterebbe. Forse qualcuno di estrema sinistra che protesta sempre e comunque quindi non attendibile. Manca la voglia di reprimere il fenomeno illegalità da parte degli immigrati, e intanto ci impoveriamo e imbruttiamo.

        Rispondi

      • filippo

        10 Ottobre @ 19.46

        con la tunisia esiste l'accordo..i costi di espulsione sono insignificanti rispetto ai 300 euro al giorno che costa un detenuto....o ai 35 euro al giorni per anni che si spendono per richiedenti asilo

        Rispondi

  • Biffo

    10 Ottobre @ 17.37

    Perché era in libera circolazione e non in galera? E perché ora ce lo teniamo qui a nostre spese, vitto ed alloggio gratis? La Tunisia è in stato di guerra?

    Rispondi

  • Stefano

    10 Ottobre @ 16.57

    reinard.alfa@gmail.com

    Ben venga l'accoglienza quando giustificata, ma perchè se uno delinque non lo si spedisce a casa? Si sente parlare ogni giorno di immigrati con precedenti. Ma perchè non vengono espulsi al primo reato? Chi ci guadagna a tenerli?

    Rispondi

  • ANONIMUS

    10 Ottobre @ 16.37

    Continuiamo a tenerli in italia!! Tanto quando uscirà dal carcere "che gli paghiamo noi insieme a spese processuali e magari all avvocato d ufficio ecc." Diventerà un bravo ragazzo e cercherà d integrarsi!! Vanno arrestati e portati a casa prima che escano dal carcere!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

ladre operazioni carabinieri

Via Mascagni

Arrestata un mese fa svaligia ancora le case con uno shampoo

Con una complice utilizzavano la confezione in plastica per aprire le porte blindate: le due donne sono state fermate

1commento

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

anteprima gazzetta

Sifilide e tbc: il ritorno delle malattie scomparse Video

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

4commenti

parma

Bassi crociato fino a giugno: primo allenamento

Domani la presentazione del nuovo portiere a Collecchio

CHICHIBIO

Antica Trattoria Il Duomo: la buona tavola di casa

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

skatepark

Biker trial fa cadere il figlio in skateboard, la furia del padre

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

SPORT

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva