-2°

Reggio Emilia

Fotografia Europea: “Mappe del tempo. Memoria, archivi, futuro” è il tema per il 2017

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Ricevi gratis le news
0

“Mappe del tempo – Memoria, archivi, futuro”: è questo il tema dell'edizione 2017 di Fotografia Europea. Gli organizzatori della kermesse dedicata al mondo della fotografia sono già al lavoro per allestire le mostre nel periodo 5 maggio - 9 luglio 2017. Per questo hanno lanciato una "chiamata pubblica" a livello internazionale, rivolta a fotografi e curatori europei o residenti in Europa. 

Il comunicato di Fotografia Europea: 

Si è chiusa da pochi mesi l'edizione 2016 di Fotografia Europea con un bilancio positivo grazie anche alla dimensione regionale avuta quest'anno dal festival, che ha affiancato Bologna e Parma a Reggio quali sedi espositive, coinvolgendo altre prestigiose realtà del sistema culturale regionale come la Fondazione MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) di Bologna e lo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma.
La macchina organizzativa della kermesse fotografica ha ripreso l'attività a pieno ritmo per confezionare una nuova edizione ancora più interessante e ricca di proposte innovative. “Mappe del tempo – Memoria, archivi, futuro” sarà il tema portante della dodicesima edizione, curata dal comitato scientifico composto da Diane Dufour, Elio Grazioli e Walter Guadagnini e in programma a Reggio Emilia dal 5 maggio al 9 luglio 2017.

Lo annuncia il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi in una nota: “L'impegno è quello di ribadire l'ottimo successo della passata edizione attraendo a Reggio Emilia alcune grandi mostre e proseguendo nell'allargare la rete di Fotografia Europea a nuovi spazi espositivi e a nuove città. Il tema è quantomai attuale: ognuno di noi ha oggi a disposizione una mole di informazioni sempre più significativa, ma le modalità di sedimentazione delle stesse, la loro conservazione nel tempo, la capacità cognitiva di organizzazione dei dati e il loro utilizzo nella formazione di una memoria collettiva alla quale attingeranno le generazioni a venire non è scontata, né automatica. E' una questione di qualità, prima ancora che di quantità di documenti, immagini in primis, a cui abbiamo accesso, nonché di contestualizzazione degli stessi in un racconto globale”.
Elio Grazioli, Walter Guadagnini e Diane Dufour spiegano le valenze e le sfaccettature offerte da questo tema: “Concentrarsi sugli archivi significa, per noi, interrogarsi sul ruolo che vi svolgono le immagini, e in particolare la fotografia. Ancora una volta: puro documento, registrazione, dato, o interpretazione, espressione, immaginario, trasfigurazione? E ancora una volta: passato, presente o futuro? Oggi archiviare la fotografia significa spesso archiviare dei files, dei dati immateriali, non più dei rullini o delle stampe; non abbiamo più l'album delle fotografie per archiviare i nostri ricordi, ma la cartella sul desktop, pronta magari ad essere condivisa con decine di migliaia di persone, conosciute e non. Negli archivi i fotografi trovano nuovi stimoli: l'immagine del passato, estratta dall'archivio e portata nel presente attraverso il processo di creazione artistica, cambia, il documento diviene invenzione, la storia si trasforma in racconto, più o meno plausibile, o in utopia, più o meno praticabile.
Mappe del tempo significa – aggiungono i curatori - questo potere dell’immagine di essere la carta topografica della memoria e insieme la rappresentazione propositiva del futuro”.

LA CHIAMATA INTERNAZIONALE
Il primo passo per sondare a livello internazionale le possibili declinazioni del tema prescelto è il lancio della chiamata internazionale effettuato con l'obiettivo di fare scouting, ricercare nuovi sguardi sul tema e promuovere i talenti della scena fotografica internazionale consentendo loro di svolgere una ricerca fotografica e di esporre in una prestigiosa sede del festival le loro opere a Reggio Emilia durante la kermesse.
La public call si rivolge a fotografi e curatori europei o residenti in Europa. E' l'invito a presentare progetti espositivi che esplorino il tema di questa edizione in modo creativo e originale. Tutti i progetti presentati saranno valutati dal comitato scientifico del festival, composto da Diane Dufour (Le Bal, Parigi), Elio Grazioli (Università degli Studi di Bergamo) e Walter Guadagnini (Accademia di Belle Arti di Bologna) e quelli selezionati entreranno a far parte del circuito ufficiale della manifestazione.
Per ogni artista selezionato sarà accettato un unico progetto, che riceverà un finanziamento di 2500 euro. La call resterà aperta fino al 27 novembre; tutte le informazioni sulle modalità di partecipazione sono disponibili sul sito www.fotografiaeuropea.it.


FOTOGRAFIA EUROPEA GENERA RICADUTE POSITIVE PER LO SVILUPPO ECONOMICO DI REGGIO EMILIA
Fotografia Europea contribuisce sempre più alla crescita economica della città.
Dall'analisi dell'impatto economico, condotta dal Centro di Ricerca Giuno dell’Università di Modena e Reggio Emilia, emerge che l'ultima edizione di Fotografia Europea è riuscita a generare sul territorio un valore complessivo stimato di oltre 2.945.539 euro, che corrisponde a più di 3 euro per ogni euro speso nell'organizzazione. L'analisi ha dimostrato che investire in cultura produce ricadute positive anche per lo sviluppo economico e che Fotografia Europea è in linea con i più importanti festival ed eventi culturali.
Fotografia Europea è sostenuta da una forte cooperazione pubblico-privato: nel 2016 la partecipazione dei privati ha costituito il 70,3% dei finanziamenti, in forte crescita rispetto al 56% del 2015. L'edizione 2016 ha potuto contare su 1.400 partner, tra pubblici e privati.
I risultati dell'analisi condotta dall'università sono incoraggianti e ricchi di preziose informazioni anche sul pubblico del festival: emerge innanzitutto che Fotografia Europea è un evento consolidato che attrae un target “fedele” (il 68% ha all’attivo in media almeno 5 edizioni), con un alto grado di scolarizzazione (53% laureati), soprattutto donne, impiegati, liberi professionisti, insegnanti e studenti. Il 56% dei visitatori arriva da fuori provincia, attratto da un'iniziativa che ogni anno dimostra di incontrare i favori del pubblico (89% si dichiara soddisfatto della qualità artistica e dell'accoglienza).

Per informazioni: e-mail info@fotografiaeuropea.it

Scopri tutte le novità della sezione Fotografia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat