11°

29°

Reggio Emilia

Fotografia Europea: “Diciottoventicinque” si rinnova

I giovani creativi nati fra il 1992 e il 1998 possono iscriversi al corso dell'artista Giuseppe De Mattia fino al 7 dicembre

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con le mostre di Fotografia Europea

REGGIO EMILIA

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con Fotografia Europea Foto Video

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

0

Accompagnare i giovani in un percorso di conoscenza e approfondimento dell'arte della fotografia, oltre che delle discipline e del pensiero ad essa legati: è questo l'obiettivo dello Speciale Diciottoventicinque, promosso dal Comune di Reggio nell'ambito di Fotografia Europea e rivolto ai nati tra il primo gennaio 1992 e il 31 dicembre 1998, che hanno tempo fino al 7 dicembre 2016 per iscriversi (info, regolamento e modalità di partecipazione su www.fotografiaeuropea.it).

Lo dice un comunicato dello staff di Fotografia Europea, che prosegue: 
Il progetto, uno dei più cari al festival anche perché capace di coinvolgere un pubblico giovane, giunge nel 2017 alla sua sesta edizione e ha in serbo grandi novità. Speciale Diciottoventicinque si rinnova e cambia forma: il tutor sarà uno soltanto, affiancato di volta in volta da un ospite diverso che tratterà temi inerenti all'arte, alla fotografia contemporanea, alla comunicazione. L'archivio, la fototeca, lo storytelling, il video, il libro fotografico e gli allestimenti sono alcuni degli argomenti che saranno affrontati durante il corso.

Il nuovo tutor Giuseppe De Mattia proporrà ai partecipanti l'idea di un progetto collettivo. In linea con il tema di Fotografia Europea 2017 “Mappe del tempo. Memorie, archivi, futuro” i ragazzi recupereranno alcuni dei propri ricordi (analogici e digitali) che, privati della loro identità, verranno uniti e “mescolati” a quelli degli altri. Scopo di questo progetto è tendere alla perdita delle singole individualità autoriali e sociali al fine di creare un'unica figura collettiva attraverso l'unione di storie fotografiche plurali. Sarà un percorso lungo e stimolante, destinato a culminare con la realizzazione della mostra esposta all'interno del circuito istituzionale del Festival.

Classe 1980, pugliese di origine e bolognese di adozione, De Mattia può vantare un curriculum importante, che promette di dare grande valore all'esperienza dei ragazzi coinvolti nel progetto Diciottoventicinque. Docente allo Spazio Labò di Bologna, Giuseppe De Mattia è co-fondatore del duo audio-video “Fake Samoa” con Nico Pasquini e del collettivo “Casa a Mare” con Luca Coclite e Claudio Musso. Nel 2013 ha fatto parte della sezione Giovane Fotografia Italiana del festival Fotografia Europea di Reggio Emilia. Dal 2015 cura il progetto editoriale “Libri Tasso”, con cui pubblica multipli d'artista per sé e per altri. Pubblica con Danilo Montanari Editore e Skinnerboox. Da diverso tempo la sua ricerca è incentrata soprattutto sull’osservazione, lo studio e il recupero di oggetti destinati ad essere buttati via; li recupera, li trasforma, li fotografa o li filma donando loro una nuova vita e un nuovo senso. Questa pratica contraddistingue il suo lavoro come artista singolo o nel duo, con Luca Coclite, “Casa a Mare” (curato da Claudio Musso), in attività da gennaio 2015. La sua ricerca spesso ha radici in archivi filmici come Home Movies (Archivio del Film di Famiglia) di Bologna. I suoi sistemi di rappresentazione sono spesso scanner ad alta definizione o macchine fotocopiatrici, piuttosto che apparecchi fotografici tradizionali. I suoi progetti nascono in un mercato dell’antiquariato, piuttosto che in una collezione. Tra i suoi strumenti di lavoro ci sono la fotografia, il video, l'audio e il disegno. 

Scopri le novità della sezione Fotografia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Incidenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

tg parma

Scarpa: dalla sicurezza al welfare, ecco 10 punti per il rilancio della città Video

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

2commenti

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

1commento

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

palermo

Bimbo di un anno muore soffocato da un'oliva

VISITA

Il Papa a Genova: "Oggi il lavoro è a rischio. No alla speculazione" Foto

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

Calciomercato

Milan, ultimatum a Donnarumma

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima