10°

22°

giubileo

Il Papa chiude la Porta Santa: "Avanti sulla strada della misericordia" Foto

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Ricevi gratis le news
0


Pochi minuti prima delle 10 il Papa, dopo aver pregato in silenzio, tira le ante, chiude i battenti, e si assicura che siano ben chiusi. E’ la porta santa di San Pietro, l’ultima ad essere chiusa di tutte le porte delle basiliche del mondo, mentre per la messa conclusiva dell’anno santo 70.000 persone aspettano sul sagrato che papa Francesco compia l’atto solenne, preceduto da processione e preghiere, nell’atrio della basilica, dove ci sono anche vescovi e cardinali, tra cui i 17 creati ieri.
La messa ha i colori, le voci, le lingue - dal latino al cinese, al sango, - che manifestano l’universalità della Chiesa, e alterna momenti di raccoglimento a momenti più festosi. Alla fine il Papa recita l’Angelus dal sagrato e ringrazia quanti hanno partecipato al giubileo, quanti lo hanno reso possibile dal punto di vista organizzativo, quanti, e tra loro anziani e suore di clausura, lo hanno sostenuto con la preghiera. Un grazie anche al governo dell’Italia, Paese presente con la delegazione guidata dal presidente Sergio Mattarella e dal premier Matteo Renzi.
Dopo l’Angelus viene portato un tavolino e papa Francesco, con il sostituto mons. Angelo Becciu alla sua destra e il coordinatore del giubileo, mons. Rino Fischella, alla sua sinistra, firma la lettera «Misericordia et misera», che spiega come continuare a vivere nella vita quotidiana lo spirito del giubileo. Papa Francesco la consegna quindi a cinque tipologie di rappresentanti del popolo, dal cardinale Tagle a tre generazioni di una stessa famiglia, a catechiste e diaconi. Poi si trattiene per una serie infinita di abbracci, prima con i cardinali «vecchi» - oggi ce ne sono circa 120 - poi con quelli che ha creato nel concistoro di ieri, poi con sacerdoti e popolo.
Il fulcro della messa, che si celebra nella solennità di Cristo Re, è la riflessione che papa Bergoglio fa sul regno di Dio, che non è come i regni e i poteri del mondo, e sulle conseguenze di questa regalità «paradossale», «senza potere e senza gloria», che fa sembrare Cristo «più un vinto che un vincitore». «Quante volte invece, - osserva il Papa - anche tra noi, si sono ricercate le appaganti sicurezze offerte dal mondo. Quante volte siamo stati tentati di scendere dalla croce: la forza di attrazione del potere e del successo è sembrata una via facile e rapida per diffondere il Vangelo, dimenticando in fretta come opera il regno di Dio. Quest’Anno della misericordia - sottolinea - ci ha invitato a riscoprire il centro, a ritornare all’essenziale». La meditazione sulla regalità di Cristo si gioca analizzando i comportamenti di tre gruppi di persone sotto la croce: «il popolo che guarda, il gruppo nei pressi della croce», che invita Cristo a scendere e dimostrare la sua potenza, e «un malfattore crocifisso accanto a Gesù». Sarà questi a amare fino alla fine, cioè a vivere la misericordia e l’atteggiamento che è di Dio.
«Tanti pellegrini - ha osservato inoltre il Papa - hanno varcato le Porte sante e fuori del fragore delle cronache hanno gustato la grande bontà del Signore. Ringraziamo per questo - ha esortato - e ricordiamoci che siamo stati investiti di misericordia per rivestirci di sentimenti di misericordia, per diventare noi pure strumenti di misericordia. E proseguiamo questo nostro cammino, insieme».
Dopo mezz'ora di abbracci in piazza, papa Francesco sale sulla jeep bianca scoperta e fa un giro tra il popolo del giubileo, che lo acclama a lungo e con affetto. Oggi si fa festa, domani, con la pubblicazione della «Misericordia et misera», potrà cominciare una riflessione sulla eredità del giubileo straordinario, che il Papa ha intitolato alla misericordia per riportare al centro della Chiesa il volto di Cristo povero, e dei poveri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

BOLOGNA

Bimbo di 3 anni in pigiama di notte in piazza Maggiore: "salvato" dai carabinieri 

1commento

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto