10°

22°

Mostra

"Idomeni Blues": le foto di Giulio Nori al museo Guatelli

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Ricevi gratis le news
0

Domenica 26 marzo alle 15,30 negli spazi espositivi del Museo Ettore Guatelli di Ozzano Taro sarà inaugurata la mostra fotografica “Idomeni blues – un posto sulla terra” del fotografo parmigiano Giulio Nori, fondatore e presidente dell’associazione “Le Giraffe”. Sabato 25 marzo alle 16, alla Pinacoteca Stuard di Parma (borgo Parmigianino 2), si terrà un evento di presentazione dell’anno guatelliano, incentrato sullo spaesamento e sulla ricerca d’identità, che la direzione apre proprio con questo reportage fotografico, in allestimento fino a Pasqua.

Lo dice un comunicato, che prosegue: 
“Idomeni blues – un posto sulla terra” è l’esito di un lavoro realizzato da Giulio Nori tra il 25 e il 28 marzo 2016 nel campo di Idomeni, ai confini tra la Grecia e la Macedonia, quello che è stato definito da un politico greco “la Dachau dei nostri giorni”. Lungo i binari abbandonati della vecchia stazione del villaggio greco hanno vissuto da marzo a maggio dell’anno scorso - in condizioni precarie ai limiti dell’umano ma con una grande forza di resistenza - oltre diecimila profughi dal Medio Oriente – in maggioranza siriani, afghani e iracheni - arrivati ai confini dell’Europa occidentale con mezzi di fortuna, la maggior parte lasciando i loro risparmi o debiti ai trafficanti di esseri umani.
Il campo è stato meta di organizzazioni umanitarie, giornalisti e fotografi che hanno diffuso in tutto il mondo cronache e immagini dalla frontiera chiusa. Nei giorni in cui Giulio Nori realizzava il suo reportage erano presenti anche i militanti italiani della carovana “Over the fortress” che hanno installato all’interno del campo un punto corrente, luce e una connessione wi fi, essenziale per inoltrare al governo greco le richieste di asilo dei profughi. Tra i volontari anche sei attivisti di Art Lab Occupato di Parma, il collettivo di borgo Tanzi che ha aderito alla carovana.
«Sono partito principalmente per cercare di conoscere le persone presenti al campo di Idomeni – racconta Nori –. Avevo con me 3 leica analogiche e 25 rullini in bianco e nero. Ma ne ho scattati solamente sei, fondamentalmente perché il parlare e l'interagire con le persone del campo ha decisamente preso il sopravvento rispetto al "lavoro" fotografico».
«Ho scattato in analogico, bianco e nero - spiega l’autore - e una volta fatti sviluppare i negativi mi sono reso conto che avrei potuto ottimizzare il materiale dividendolo in tre sequenze, concatenate l'una all'altra: Ombre, Materia e Persone. Le tre sequenze rappresentano anche una sorta di mio personale avvicinamento alla vita all'interno del campo profughi».
Il reportage ha come nota fondamentale il blues, la musica «dell’anima, del fango e del sudore. Del lavoro e della malinconia, quella vera. Del camminare, spesso scalzi, delle code di persone durante la grande depressione. Del cadere sulle ginocchia, del rialzarsi, dell’andare avanti, del sentirsi stanchi, della polvere, delle mani gonfie, e dell’amore. Nonostante tutto».
Spiega Mario Turci, direttore della Fondazione Museo Ettore Guatelli: «Il lavoro fotografico di Giulio Nori parla di una dimensione, seppur drammatica, dello spaesamento e della ricerca d’identità che può essere un desiderio oppure può essere imposta, come nel caso di molti migranti. “Idomeni blues” è un lavoro di indagine sull’uomo là dove vive il dramma del viaggio e della perdita del paesaggio proprio; è uno sguardo sull’umanità profondo che veicola una drammaticità non ostentata. La foto testimonial che diffonderemo sabato alla Pinacoteca Stuard come invito alla mostra è un cancello con filo spinato che ricorda, neanche tanto vagamente, i cancelli di Auschwitz». 

Scopri tutte le novità della sezione Fotografia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

novellara

Si fingeva "sexy girl" su Facebook per raggirare gli uomini: denunciato

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto