16°

30°

SPAZIO

Le sonde Voyager compiono 40 anni ed entrano nella leggenda

Lanciate nel 1977 dalla Nasa, hanno raggiunto una distanza record

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Ricevi gratis le news
0

Mai nessun veicolo costruito dall’uomo è arrivato così lontano, ai confini del Sistema Solare e oltre: da lì le due sonde protagoniste del programma Voyager della Nasa spegneranno le loro 40 candeline. L’agenzia spaziale americana si prepara a festeggiarle il 5 settembre a Washington, con una cerimonia presso il più celebre museo del mondo dedicato all’aeronautica e allo spazio: il National Air and Space Museum. Accanto ai tradizionali quotidiani, radio e tv, sono invitati a raccontarla anche i social media. Saranno 40 candeline per festeggiare un programma ormai leggendario, che ha contribuito a tracciare un ritratto del tutto nuovo del Sistema Solare, soprattutto dei suoi pianeti giganti e dei pianeti più esterni, fino ai confini.
Il 20 agosto 1977 il programma Voyager veniva inaugurato con il lancio della sonda Voyager 2 dalla base di Cape Canaveral; 16 giorni più tardi, il 5 settembre 1977, dalla stessa base partiva la sonda gemella, Voyager 1, che nel settembre 2013 è stata la prima a superare le colonne d’Ercole del nostro sistema planetario per addentrarsi nello spazio interstellare. Entrambe le sonde, costruite nel Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, hanno a bordo un disco d’oro con suoni e immagini che raccontano la vita sulla Terra e un messaggio dell’umanità destinato a eventuali civiltà extraterrestri.
Nella sua corsa attraverso il Sistema Solare la Voyager 2 ha toccato traguardi storici: nel 1979 il saluto a Giove e alle sue lune; nel 1981 si è tuffata in un anello di Saturno allora sconosciuto e ha fotografato la luna Febo; nel 1986 ha "annusato" l’atmosfera di Urano, "ascoltato" il campo magnetico del pianeta e scoperto alcune delle sue lune. Ancora oggi i suoi dati continuano a stupire. E’ del 2016, per esempio, la scoperta di altre due lune di Urano, oltre alle 27 già note, possibile grazie ai dati che la Voyager 2 aveva catturato nel 1986, durante il passaggio ravvicinato al pianeta.
In quanto a record, la Voyager 1 non è stata certamente da meno, a partire dalla durata della sua missione, in origine prevista in soli quattro anni con l’osservazione di Giove e Saturno, ma i tecnici della Nasa hanno deciso di estendere la missione sfruttando un raro allineamento di pianeti. Dopo aver studiato anche Urano e Nettuno, la sonda ha attraversato la zona turbolenta in cui il vento solare si scontra con i gas che riempiono lo spazio tra le stelle, sempre continuando a inviare dati.
Se dalle distanze straordinarie che ha raggiunto con una tecnologia nata negli anni '70 le sonde Voyager non hanno mai smesso di inviare dati alla Terra, il merito è del sistema di comunicazione realizzato dalla Nasa per le missioni interplanetarie, il Deep Space Network. Se non ci saranno imprevisti, dovrebbero viaggiare così anche le prime informazioni sulla composizione delle polveri interstellari.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile»

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti