13°

23°

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Ricevi gratis le news
4

Tre posti per sostare gratis mezz’ora in viale Giovanni Falcone, innumerevoli posti gratis per 15 minuti nel parcheggio coperto, dodici posti a pagamento per massimo mezz’ora in via Monte Altissimo: ecco l’«offerta» dei posti auto per i parmigiani che vogliono accompagnare o prendere qualcuno in stazione, parcheggiando l’auto senza rischiare di prendere una multa. Solo per far scendere qualcuno, senza parcheggiare, ci sono anche una decina di posti in viale Paolo Borsellino, in una corsia riservata alla «fermata solo per discesa passeggeri». E, naturalmente, senza dimenticare che anche via Monte Altissimo è comoda per far scendere qualcuno con le valigie o per prelevarlo «al volo» appena arrivato alla stazione.

È appena il caso di ricordare che alla stazione, al livello -2, fermano tante linee di autobus. Se, però, si vuole la comodità dell’auto e la si vuole parcheggiare, ci sono delle regole da rispettare. Altrimenti si rischia una sgradita multa della Polizia municipale.

I tre posti di viale Giovanni Falcone devono essere utilizzati con disco orario, dalle 8 alle 23. Per sostare nei dodici posti disponibili in via Monte Altissimo servono 60 centesimi per mezz’ora, tutti i giorni sia feriali sia festivi e in tutte le 24 ore, ed è necessario far attenzione a non occupare i posti riservati ai residenti, ai disabili, al carico e scarico merci, alla ricarica dei veicoli elettrici e al car sharing. Per utilizzare il parcheggio coperto senza pagare non bisogna superare i 15 minuti di sosta: al momento di uscire, bisogna digitare alla cassa automatica – prima di raggiungere l’auto - la targa e così apparirà la scritta «nulla da pagare».

 Nei dintorni della stazione è molto «gettonata» la sosta sulle zebrature in prossimità degli incroci, sulle strisce pedonali e dove ci sono i segnali che vietano la fermata: tanti automobilisti, evidentemente, confidano in una scarsità di controlli e nella brevità della sosta.

Se «all’aperto» la disponibilità dei posti auto per accompagnare o prendere qualcuno in stazione è minima, non si può dire lo stesso per i posti del parcheggio coperto: l’autosilo può contenere 220 auto. Non esistono zone determinate per la sosta breve: tutti i posti sono utilizzabili sia per la sosta breve sia per la sosta di lunga durata. Dopo 15 minuti e fino a un’ora si paga un euro e quaranta centesimi e poi via via fino alla tariffa di 10 euro per un giorno.

A Reggio trenta minuti di sosta gratuita

Nella vicina Reggio Emilia viene «stressato» meno chi accompagna qualcuno che deve prendere il treno. Nel piazzale della stazione c’è un parcheggio coperto che pubblicizza a caratteri cubitali 30 minuti di sosta gratuita. E nelle righe blu della zona della stazione c’è una franchigia di 30 minuti, per cui se si sosta fino a mezz’ora non si deve pagare nulla. Si deve però prendere al parcometro, senza pagare, il tagliando ed esporlo sul cruscotto. Come a Parma, anche alla stazione di Reggio c’è una corsia per far scendere i viaggiatori che devono prendere il treno, però – a differenza di Parma – la corsia può essere utilizzata anche per far salire i viaggiatori, come indicato nel cartello giallo.

Il «malcostume» nel parcheggio coperto della stazione di Parma

Evidentemente non è frequentato solo da gentiluomini (e gentildonne) il parcheggio coperto della stazione di Parma: una pompa antincendio srotolata e ridotta a mal partito sulle scale del parcheggio è segno evidente di una frequentazione da parte di persone che non trovano niente di meglio da fare che danneggiare le cose pubbliche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mcbanny

    17 Agosto @ 20.24

    Se fosse mezz'ora gratuita magari non parcheggerebbero negli spazi riservati ai residenti.

    Rispondi

  • Enzo

    17 Agosto @ 20.17

    Ora che ci siamo sbarazzati di Folli, l'assessore che se avesse potuto si sarebbe messo dietro la colonna per sghignazzare godendo quando ho dovuto pagare per aver spostato 16 minuti, spero che qualcuno rimedi ai suoi errori (ovvero di fatto non fare niente di nuovo e smontare quel poco di buono che ancora funzionava nonostante 5 anni di Vignali e Villani)

    Rispondi

  • siamo messi male

    16 Agosto @ 20.10

    15 minuti sono davvero ridicoli, avrebbero fatto più bella figura se non ci fosse nulla gratis

    Rispondi

  • Enzo

    16 Agosto @ 18.36

    Ho provato ad accompagnare mia madre in stazione usando i 15 minuti. parcheggio, scarico la valigia alla velocità della luce, l'accompagno sul binario, torno, prendo la macchina, ma erano passati 16 minuti e ho dovuto pagare!!! Se si aumentasse a 30 minuti (come è per esempio all'aeroporto di Parma), i visitatori aumenterebbero esponenzialmente e il parcheggio diventerebbe automaticamente più frequentato e quindi anche meno invogliante per i vandali.

    Rispondi

Lealtrenotizie

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

serie B

A Venezia il Parma deve dare segni di vita

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

3commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

droga

San Paolo, arrestato il pusher dei giardinetti

1commento

disperso

Fungaiolo non fa rientro a casa: ricerche da ieri sera tra Bardi e il Piacentino

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

lettere al direttore

Come sardine sul Fornovo-Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

tg parma

La Pilotta svela i suoi spazi segreti Video

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery