22°

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Ricevi gratis le news
4

Sono ventenni, trentenni, quarantenni. Popolani della città e contadini della provincia. Le carte di polizia li chiamano comunisti, anarchici o solo antifascisti. Sono i sovversivi di Parma e delle terre circostanti, che tra i 1936 e il 1939, unendosi a quel moto di popolo che fu la guerra di Spagna, si arruolarono come volontari nelle Brigate Internazionali per combattere le forze reazionarie di Francisco Franco. Arrivarono dopo viaggi rischiosi, lasciarono a casa genitori, mogli e anche figli piccoli. Alcuni morirono in battaglia, altri furono feriti o risultarono dispersi. Seguendo le strade che attraverso i Pirenei e la Catalogna conducono al fronte, un libro in uscita in questi giorni ricompone i sentieri personali dei parmensi che sulle trincee antifranchiste misero in gioco se stessi, trovarono spunti di esaltazione o motivi di profondo sconforto affrontando un nemico per sconfiggere il quale, da lì a poco, sarebbe servita una guerra mondiale.
Vincenti per tutta la vita. Antifascisti parmensi nella guerra di Spagna, di Marco Severo (Bfs, 2017, 224 pagine), racconta per la prima volta le storie dei circa cinquanta parmensi che si arruolarono nelle milizie di partito e nell’Esercito popolare durante la guerra civile che – dopo il colpo di stato dei generali reazionari - sconvolse la Repubblica spagnola. Nessuno obbligò quegli uomini a farlo. Fu una scelta di fede e di rivolta, l’istinto per la libertà e la solidarietà che aveva spinto alcuni di essi a partecipare precedentemente alle Barricate del 1922 a Parma, li portò oltre i confini per partecipare a un’esperienza di internazionalismo “per la pace, il pane, la libertà” che ancora oggi appare incredibilmente moderna e all’avanguardia, in un’Europa che stenta a trovare un’identità politica. Opponendosi a un ordine totalitario che di lì a poco sarebbe diventato definitivamente una questione, appunto, internazionale, i cinquanta parmensi possono essere oggi ricordati come i primi resistenti al fascismo, nella consapevolezza che quando le tirannie si impongono, e la violenza si afferma nel torto, solo i tempi lunghi della storia possono certificare che alcuni, per quello che fecero - come ha scritto il poeta Attilio Bertolucci in omaggio alle barricate antifasciste di Parma - furono comunque, e senza alcun dubbio, «vincenti per qualche giorno, vincenti per tutta la vita».
Il libro, edito su iniziativa del Centro studi movimenti di Parma e dell’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna - con il contributo del Comune di Parma e della Regione Emilia-Romagna - verrà presentato sabato  23 settembre  in piazzale Inzani  alle 17,30 (al circolo La Giovane Italia di piazzale Santa Croce in caso di pioggia). Dialogherà con l’autore William Gambetta, ricercatore del Centro studi movimenti. Letture tratte dal libro a cura di Giancarlo Ilari.
Per info: www.csmovimenti.org, centrostudimovimentimail.com, cell: 333.5410221

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rradamess

    21 Settembre @ 11.53

    Ci riprovo: Nella guerra civile spagnola i repubblicani, a cui appartenevano queste brigate internazionali, si distinsero per l' enorme strage di religiosi e per la deportazione di statue Sacre dalle chiese alle piazze per poi essere fucilate in pubblico.

    Rispondi

    • marco

      21 Settembre @ 13.04

      avevano capito tutto...1849!!!

      Rispondi

  • Luca

    21 Settembre @ 08.58

    "Combattenti x la libertà" questa è la patente per i partigiani e, appunto, i 50 anarco_comunisti combattenti in Spagna mentre è stranoto che combattevano per una repubblica popolare di stampo libertario o comunista che con la libertà è la democrazia non avevano nulla a che fare .Il Centro Studi Movimenti, che si occupa di tenere viva la memoria storica di quei movimenti degli anni 70 tipo Lotta continua,Potere operaio,Pdup,Avanqurdia operaia,Servire il popolo ecc.ecc. con la legittimazione dell'assessorato , in nome di un antifascismo da dopoguerra , ci propinano la loro "verità" con i soldi dei contribuenti.

    Rispondi

  • Stefano

    20 Settembre @ 14.27

    reinard.alfa@gmail.com

    I volontari Fascisti sono stati 618. Questo la dice lunga su quanti erano Fascisti e chi no. http://www.parmaelasuastoria.it/ita/Gli%20anni%20del%20Littorio.aspx?idMostra=49&idNode=370

    Rispondi

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»