15°

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

David Vezzali ha notato alcune peculiarità della città romagnola e le differenze rispetto a Parma

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Ricevi gratis le news
3

A Ravenna, che si trova a 175 chilometri da Parma ma pur sempre in Emilia-Romagna, succedono cose strane. O, almeno, se un parmigiano capita lì può notare cose che a Parma non sono proprio esattamente uguali.

Le pattuglie di vigili in bicicletta
Dodici mesi all’anno, nel territorio comunale di Ravenna (che, dopo Roma, è il secondo comune d’Italia per estensione territoriale), ogni giorno almeno una pattuglia composta da due vigili urbani si muove usando le biciclette. «Per poter essere vicini alla gente e per poter presidiare anche le strade più piccole del centro», spiega Alessandra Bagnara, vicecomandante della polizia municipale di Ravenna.
Il pensiero «corre» a Parma: i nostri vigili urbani non seguono l’esempio dei colleghi di Ravenna né tantomeno quello dei tanti parmigiani che utilizzano quotidianamente la bicicletta. È da ricordare, però, che diversi anni fa per alcuni mesi fu organizzato a Parma un servizio di sorveglianza effettuato da vigili urbani che si muovevano in bicicletta.
Curiosamente, il Comune di Ravenna – nonostante l’ampiezza territoriale maggiore rispetto al Comune di Parma – in quanto a vigili in servizio e in organico ha gli stessi numeri: circa 180 vigili in servizio, ma l’organico ne prevede 220.

«Se vuoi il mio posto prenditi la mia disabilità»
A Ravenna, sotto alcuni segnali che indicano i posti auto riservati ai titolari di permessi per disabili, c’è un messaggio molto chiaro: «se vuoi il mio posto prenditi la mia disabilità». L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra varie associazioni di volontariato attive nell’ambito della disabilità e della tutela dell’ambiente, unitamente alla polizia municipale di Ravenna e altri uffici comunali, con lo scopo di sensibilizzare i cittadini sull’importanza di non ostacolare, con i propri comportamenti scorretti, la mobilità dei soggetti più deboli.
A Parma non ci sono cartelli di questo tipo, però il Lions Club Colorno «La Reggia» ha recentemente realizzato dei cartelli «Rispetta il mio diritto» per i segnali di Colorno, Mezzani e Sorbolo che indicano i parcheggi riservati alle persone diversamente abili.

5 minuti di sosta
Fa un certo effetto vedere dei cartelli che permettono di poter parcheggiare l’auto solamente per 5 minuti. In diversi punti «strategici» di Ravenna, davanti a particolari esercizi commerciali (tabaccherie, edicole ecc.), è permessa questa sosta brevissima per garantire la massima rotazione dei veicoli. L’esperimento – spiegano in Comune – sta dando buoni risultati perché, con controlli effettuati saltuariamente e tollerando soste fino a un massimo di 25-30 minuti, si è constatato che la rotazione dei veicoli in sosta è effettivamente assicurata.

Le rotonde intitolate alle donne e alle nazioni
Come in tutte le città, anche a Ravenna ci sono tante rotonde, però c’è una singolarità: tutte le rotatorie hanno un nome, attribuito ufficialmente dall’ufficio toponomastica. E la preferenza è andata alle donne vincitrici del Premio Nobel e alle nazioni. Un’altra particolarità di Ravenna è aver posto l’attenzione, negli ultimi anni, sulla disparità delle intitolazioni di strade e piazze a figure femminili rispetto a quelle maschili. E da diversi anni la Commissione toponomastica si è dotata di un regolamento che pone tra le voci prioritarie l’incremento delle intitolazioni femminili, con riguardo sia a donne famose a livello internazionale sia a donne che, nella realtà cittadina, hanno svolto la loro attività che non è stata dimenticata. Una Commissione toponomastica paritaria e sensibile e un contributo molto attivo della cittadinanza hanno portato a scrivere sulle targhe stradali tanti nomi di donne che hanno operato nei più svariati contesti. Nel libro del 2013 «Strada alle donne», della Biblioteca Classense di Ravenna e del Soroptimist International (club di Ravenna), realizzato in collaborazione con gli assessorati alle Politiche e cultura di genere e ai Servizi demografici, è illustrato l’impegno della città di Ravenna a favore delle intitolazioni a figure femminili.

Le «nostre» vecchie fermate dei bus
Toh, guarda chi si vede! In alcune fermate degli autobus di Ravenna ci sono le «paline» uguali a quelle che c’erano tanti anni fa a Parma, prima della loro sostituzione – oltre una decina di anni fa – con quelle attuali rosse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabe

    23 Ottobre @ 00.23

    Peccato che poi il contrassegno venga utilizzato anche da chi disabile non è (mi riferisco a parenti o amici che non trasportano e non devono raggiungere alcun disabile).

    Rispondi

  • gf

    22 Ottobre @ 21.13

    Federicot, il lettore di targhe non servirebbe a nulla perche' e' ovviamente consentito accompagnare in auto un disabile, che esporra' il suo contrassegno, che riguarda la persona e non il veicolo.

    Rispondi

  • federicot

    22 Ottobre @ 18.29

    federicot

    Ravenna ha circa 20 mila abitanti in meno di Parma, quindi ha qualche vigile in più, ma la differenza non è sostanziale. I vigili in bici sono folcloristici, non è che cambia se pattugliano a piedi a cavallo in bici o in motorino. Sarebbe invece opportuno dotare gli stalli per disabili con un lettore di targa. Se la targa non è legata ad una auto con il contrassegno dei disabili il parcheggio suona all'impazzata ed entro 5 minuti dovrebbe arrivare direttamente il carroattrezzi che la rimuove. Non è difficile da realizzare. I software che riconoscono le targhe ci sono già

    Rispondi

Lealtrenotizie

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

LA MORTE DEL BOSS

Addio a Riina. E c'è chi gli rende omaggio

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

SISSA TRECASALI

Muore sulla pista da ballo

Cinema

Archibugi: «Ma i ragazzi non sono tutti sdraiati»

FORNOVO

Stazione in mano agli sbandati

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica