10°

20°

chiesa

Madre Teresa proclamata santa: applausi e commozione

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ricevi gratis le news
0

Un lungo applauso ha accolto la proclamazione di Madre Teresa santa con la formula pronunciata solennemente da papa Francesco. E’ stato un momento di forte commozione per 120mila fedeli presenti in piazza S. Pietro.
Tanti i pellegrini provenienti da varie diocesi italiane, ma anche da Spagna, India, Polonia, Albania, Kosovo e altri paesi del mondo. E tante le bandierine sventolate con l’immagine di madre Teresa su un fondo azzurro, il colore di cui è bordato il sari bianco che contraddistingue l’ordine delle suore da lei fondato in India.

«Secondo la mia vocazione appartengo al mondo», disse una volta la suora "albanese di sangue, indiana di cittadinanza». E il mondo si è radunato oggi in piazza San Pietro, - sotto l’arazzo che la ritrae con l’inconfondibile espressione sul viso, il sari bianco e azzurro tessuto dai lebbrosi, le mani tozze e nodose - per la messa con la quale il Papa l’ha proclamata santa.
Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu, nata nel 1910 e morta nel 1997, per Bergoglio è una santa che è "tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda, che spontaneamente continueremo a dirle 'madre Teresà». E’ una «emblematica figura di donna e di consacrata» che il papa latinoamericano ha "consegnato» come «modello di santità», per aprire «orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e tenerezza». Ricordando la capacità della piccola suora di accogliere e difendere la «vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata». «Artigiana della carità e della misericordia», aveva detto ieri il Papa, che oggi ha ricordato il «misericordia voglio, non sacrifici», che da sempre Dio dice ai profeti, e da sempre i profeti ripetono all’umanità dimentica. Ma se ieri papa Francesco aveva insistito sulla tentazione dell’umanità di cadere nella indifferenza, oggi ha messo l’accento sul bisogno di «comprensione e tenerezza» di questa stessa umanità. Madre Teresa di Calcutta, ha anche rimarcato il Papa, «si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perchè riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini, dinanzi ai crimini - ha ripetuto - della povertà creata da loro stessi». «La sua missione nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali - ha aggiunto - permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri».
Oltre centoventimila persone hanno partecipato alla messa in piazza, e quando dopo l’Angelus papa Francesco ha fatto il giro in papamobile anche via della Conciliazione si era riempita di fedeli e persone acclamanti. E, secondo la questura di Roma, «il piano sicurezza ha tenuto molto bene». Hanno partecipato al rito autorità e istituzioni, - da una ventina di Paesi, tra cui India, Albania, Italia, con il ministro per la semplificazione, Marianna Madia, Stati Uniti, Spagna con la regina Sofia, Messico - suore e missionari, ma anche poveri e bisognosi, compresi 1500 assistiti nei dormitori delle suore della Carità di tutta Italia, che poi hanno pranzato con pizza, su invito del Papa, nell’atrio della aula Paolo VI. Tutti loro, sotto il sole ancora caldo di settembre hanno ascoltato la Chiesa e il Papa, ripercorrere la vita di madre Teresa, e la strada che l’ha condotta alla santità. E quando Bergoglio ha letto in latino la formula della canonizzazione, un applauso si è levato dalla piazza.
Il mondo cui la suora si sentiva di appartenere si è visto nelle nazionalità presenti, nelle lingue usate per la celebrazione, compreso il vangelo letto in greco, negli inni, nei canti e nelle preghiere di un rito che per sua natura manifesta la universalità della Chiesa: oggi viene autorizzato il culto di madre Teresa in tutto il mondo.
Il caso, secondo alcuni la provvidenza, ha voluto che la guarigione senza spiegazioni scientifiche, avvenuta nel 2009, dell’ingegnere brasiliano Marcilio Haddad Andrino - che oggi ha portato le offerte all’altare insieme alla moglie e ai due figli - fosse segnalata alla postulazione guidata da padre Brian Kolodiejchuk soltanto nel 2013, così che madre Teresa è arrivata alla santità durante il giubileo della misericordia proclamato da papa Francesco. Quale testimone migliore per l’amore concreto predicato dal Papa, di questa piccola suora che per gran parte della sua vita ha raccolto moribondi e orfani dalla strada, nutrito gli affamati, lavato i poveri togliendo loro i vermi dalle carni, senza pronunciare troppo spesso la parola misericordia e addirittura, - le consorelle e i confratelli lo hanno scoperto soltanto dopo la morte - attraversando anni di una pesante oscurità spirituale? Eppure folle di gente la chiamavano Madre e per tutti è diventata l’incarnazione del samaritano. Senza ideologie e senza sudditanza ai potenti, ha ricordato papa Francesco, con semplicità disarmante, ha incarnato l’amore cristiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: