-6°

Parco del Taro

Traffico di rifiuti: sequestrata cava di ghiaia

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

8

Il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato una cava di ghiaia a ridosso del Parco Regionale fluviale del Taro: effettuate 15 perquisizioni, alla ricerca di documenti ed altre prove relative a un traffico illecito di rifiuti provenienti da tutta Italia. Indaga la Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna.
Lo ha reso noto la Forestale.

L’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo del Corpo Forestale dello Stato di Parma e coordinata dal sostituto procuratore Orsi dell'Antimafia di Bologna, è scaturita da alcune segnalazioni di privati cittadini.
In base agli accertamenti eseguiti finora una ditta di Parma, operante nella gestione e trattamento di rifiuti speciali non pericolosi, avrebbe ritirato negli anni passati notevoli quantitativi di rifiuti pericolosi: ceneri da incenerimento e fanghi di varia natura da parte di aziende terze presenti sul territorio nazionale. 

Altra ipotesi su cui indagano gli inquirenti è l’utilizzo di un’area di cava, che si trova a breve distanza dall’impianto industriale della ditta in questione, da parte di una ditta ricollegabile al medesimo gruppo. In particolare, sembrerebbe che il vuoto di cava ottenuto dall’estrazione di ghiaia sarebbe stato riempito con materiale non idoneo allo scopo, materiale direttamente proveniente dall’attività di gestione e trattamento rifiuti della ditta oggetto di indagine e sul quale dovranno essere eseguite ulteriori analisi circa la pericolosità e l’eventuale contaminazione delle circostanti matrici ambientali. In passato, continua la Forestale nella nota, l'azienda è stata più volte diffidata dal Servizio Ambiente della Provincia per condotte non conformi alle autorizzazioni.
L’area sequestrata, su delega della Procura di Bologna, è di oltre 6 ettari. Si trova in una zona di particolare vulnerabilità per gli acquiferi in prossimità di campi agricoli ed è ubicata a ridosso del Parco Regionale fluviale del Taro. 

Nel corso delle perquisizioni, che hanno interessato una quindicina di obiettivi ed impegnato più di quaranta agenti della Forestale, sono stati sequestrati numerosi documenti ritenuti interessanti e ora al vaglio degli inquirenti e della Procura.
Sono in corso approfondimenti per verificare la correttezza di alcune procedure amministrative connesse all'attività di smaltimento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    15 Gennaio @ 15.10

    Anche gli argini del torrente parma e taro sono pieni di discariche in attesa di bonifica, piene di rifiuti urbani, regalo di qualche ex sindaco o ex assessore all'ambiente

    Rispondi

  • Jack

    14 Gennaio @ 19.07

    Questa cava è stata creata in pochissimi giorni e ancora più veloce è stata la fase di riempimento, si trova nelle prossimità del quartiere industriale di NOCETO, zona dove la falda acquifera è a pochi metri dal sottosuolo.

    Rispondi

  • Bela

    14 Gennaio @ 18.59

    complimenti alla Forestale, ma potreste indicare esattamente la zona dove sorge la cava?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    14 Gennaio @ 18.35

    COSA AVETE CAPITO ? E' PER AFFAMARE L' INCENERITORE !

    Rispondi

    • Mirco

      15 Gennaio @ 10.49

      l'unico a non avere ancora capito è sempre e solo lei...anzi, no, è in buona compagnia di Michele...

      Rispondi

    • Mirco

      15 Gennaio @ 10.49

      è una pietà il suo commento...senza speranza...

      Rispondi

    • Stefania

      14 Gennaio @ 20.08

      Peccato che in questa discarica ci finivano anche le polveri e le ceneri residue degli inceneritori.....Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma........

      Rispondi

      • Vercingetorige

        15 Gennaio @ 11.00

        Quindi tanto varrebbe , secondo lei , seppellire direttamente i rifiuti in discarica, saltando gli inceneritori. Peccato che il cancro dilaghi proprio dove ci sono le discariche !

        Rispondi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video