spettacoli

Un flautista parmigiano sulle orme di Marco Polo....

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Ricevi gratis le news
4

Si dice che Marco Polo, dopo aver trascorso nell’antico Catai diciassette anni, al suo ritorno abbia portato in patria, oltre alle gemme preziose, agli ori e alle stoffe, anche l’ antichissimo flauto traverso di bambù, tipico della Cina. Lo strumento poi si è diffuso in Occidente e viene considerato l’antenato del flauto moderno.

Il flautista parmigiano di fama internazionale Claudio Ferrarini, attualmente impegnato in una prestigiosa tournèe in Cina, ci ha inviato queste impressioni di viaggio: 
Per un flautista come me la Cina è dunque la meta di un ritorno alle origini: in Cina il flauto è uno strumento popolarissimo, molto conosciuto e diffuso da millenni. Nei programmi della mia tournée cinese ho voluto offrire tanta musica Italiana, soprattutto Paganini. La scelta è un omaggio al virtuosismo italiano, simboleggiato dal grande violinista che aveva, a sua volta, progettato una tournée in Cina, che tuttavia non andò mai in porto per le distanze considerate insormontabili e forse anche per le condizioni economiche poco favorevoli. Eseguire Paganini in Cina, inoltre, vuole essere anche un omaggio alla mia città, Parma, che conserva ancora tante testimonianze del suo legame con il mitico violinista, sepolto nel Cimitero Monumentale della Villetta.
Se il termine grande suggerisce qualcosa di vasto e ampio, usarlo per parlare della Cina è riduttivo, perchè qui tutto appare ingente, enorme, immenso. Dalla folla di persone che anima le piazze e le stazioni, alle distanze fra le città, ai grattacieli, ai teatri, alle sale da concerto assiepate di giovani, fino al cibo piccante servito nei ristoranti: tutto appare smisurato.
La cosa che più mi ha impressionato in Cina è l'amore per la musica, ci sono oltre un milione di orchestre professionali, cinquanta milioni di pianisti, quaranta milioni di violinisti: il pianoforte e il violino si contendono il primato per concorsi e manifestazioni concertistiche, completa il quadro il numero straordinario di strumentisti della cultura popolare cinese. Questo amore per la musica lo si sente nel pubblico, estremamente attento e giovane che, con la sua massiccia presenza, rende l’esibizione nelle sale cinesi un’esperienza unica. Se oggi, in Europa, la musica classica è relegata ad una piccola fetta di mercato del 3 per cento e avvicina un pubblico essenzialmente adulto, in Cina é il contrario: il mercato della classica è al primo posto per qualità e quantità, ai concerti inoltre si vedono solo giovani. E’ molto emozionante suonare per un pubblico che si sta formando, che non ha pregiudizi estetici e segue attentamente la performance. In Cina vige lo star-system: alla fine del concerto bisogna posare per le foto di rito con il pubblico, firmare cd, si tratta di un secondo lavoro dopo l'esecuzione concertistica. A me fa piacere conoscere chi mi ascolta e mi chiede sorridente di fare la foto, abbracciandomi come un fratello. Certo è stancante, perchè la quantità di persone che ti avvicina è veramente straordinaria, agli eventi non partecipa solo il pubblico della sala, ma anche il personale del teatro e perfino i tassisti fanno il tifo per i musicisti.
I teatri sono tutti modernissimi ed enormi, il più piccolo dove ho suonato è di 2000 posti. I teatri sono molto efficienti e ben tenuti, l’organizzazione è puntualissima: un ritardo anche minimo fa ammonire il direttore di palcoscenico. Viaggiando nelle grandi metropoli, si nota la scarsa presenza di ristoranti italiani, mentre le grandi firme della moda sono sempre presenti e i cinesi ne sono anche molto affascinati. Ma per il cibo è tutta un’altra filosofia: nonostante la grande passione per la pasta e soprattutto per gli spaghetti, i sughi sono senza parmigiano, anzi qui è proprio proibito mettere il formaggio.
Dura la vita del concertista parmigiano in tour in Cina, niente parmigiano, per non parlare di altri prodotti come i salumi o il vino. Certo, in questo immenso continente può essere un grande business esportare i nostri prodotti gastronomici parmigiani,ma per ora mi devo accontentare della cultura musicale e in particolare di quella di due grandi protagonisti della vita musicale della nostra città: Paganini e Verdi!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elena

    30 Ottobre @ 20.35

    Bravissimo Claudio Ferrarini che porta la grande tradizione musicale italiana (e parmigiana) in tutto il mondo. Anche lui è una grande eccellenza del nostro territorio!

    Rispondi

  • Nannnn

    25 Ottobre @ 20.09

    费拉里尼大师不仅是一个好的老师,同时亦是一位成功的演奏家。从他身上我学到了很多东西,祝贺我的恩师中国巡演成功,把他的音乐带到了中国!

    Rispondi

  • Alessandra

    25 Ottobre @ 10.15

    Grazie a Claudio Ferrarini, artista e persona di rara sensibilità, per tenerci informati di cosa accade musicalmente sotto altri cieli. E auguri di un meritatissimo successo (ma quello c'è già, sennò non lo avrebbero chiamato e non gli avrebbero riservato i manifesti giganteschi che si possono vedere in rete). Ale

    Rispondi

  • Gino

    24 Ottobre @ 13.44

    Caro Maestro marco polo a portato il seme tu porti i frutti di un artista che attraverso la sua musica è diventato un grande uomo. Gino Zambelli.

    Rispondi

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260