-2°

"Sport e Civiltà" al Regio, sfilata di campioni

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Ricevi gratis le news
1

Ha preso il via, nella splendida cornice del Teatro Regio, la quarantesima edizione del premio Sport e Civiltà. Riconoscimenti assegnati dalla sezione parmigiana dei Veterani dello Sport. Dieci categorie e dieci fuoriclasse legati dall'eccellenza nello sport. 

Premio Sport e Civiltà, evento organizzato dalla sezione parmigiana dell’Unione Veterani dello Sport, è arrivata alla quarantesima edizione. Durante la premiazione, svoltasi al Teatro Regio di Parma questo pomeriggio, è salito sul palco a ritirare il proprio premio anche Marco Tardelli. "Sono stato scartato dal Milan, dalla Fiorentina, dal Varese, dal Bologna, da tante squadre - ha ricordato l’ex azzurro - Tutti mi scartarono perchè ero un pò magro. Mi chiamavano "gazzellino"... Mi acquistò il Pisa a 70mila lire, quasi come se fossi un pacco. Poi mi hanno rivenduto a 950 milioni di lire alla Juventus. Fu bravo Boniperti a prendermi perchè avevo praticamente firmato con l'Inter. Boniperti mi disse che prima dovevo tagliarmi i capelli e togliermi le catenine e poi sarei potuto tornare. Bearzot? Aiutava sempre i giocatori, non era mai una persona dolce, era un uomo molto severo ma onesto. Era una persona sulla quale potevi contare sempre. E’ stato un esempio per la mia carriera da allenatore, non è che sia stata fantastico il mio percorso, ho avuto qualche vittoria e qualche delusione". l Milan? Ho troppi capelli bianchi... A parte gli scherzi devo solo essere grato a Berlusconi e a Galliani che mi hanno dato la possibilità di indossare quei colori, io che ero anche tifoso rossonero. Ognuno di loro deve fare le sue scelte, non nascondo che ambire ad una grande piazza come il Milan è un sogno per tutti, vedremo cosa ci riserverà il futuro...". Così l’allenatore del Bologna ed ex giocatore del Milan, Roberto Donadoni, sul palco del Teatro Regio di Parma questo pomeriggio, dopo il ritiro del premio Premio Sport e Civiltà, evento organizzato dalla sezione parmigiana dell’Unione Veterani dello Sport, arrivaoa alla quarantesima edizione. Roberto Donadoni, interpellato a margine della quarantesima edizione del Premio Sport e Civiltà, ha parlato del suo passato a Parma e del presente, che per l’allenatore bergamasco si chiama Bologna. "E' chiaro che quando si viene premiati fa sempre piacere - ha sottolineato il tecnico - in più sono di nuovo qui a Parma, città alla quale sono legato per tanti bei ricordi e tante belle situazioni, al di là di come poi è finita dal punto di vista calcistico la mia esperienza qui, ma sono sicuramente più le cose positive che io ricordo di questa città, quindi sono veramente molto felice ed orgoglioso di questo. Credo che abbia una squadra indubbiamente attrezzata per fare un ottimo campionato, quindi confido che riesca a fare un ulteriore passo in avanti perchè sarebbe una cosa bella per tutti. Se in futuro mi chiedessero di tornare? Non potrei dire di no, qui sono stato molto bene ed è anche nata mia figlia". Poi ha parlato dell’attualità e del suo Bologna: "Il nostro obbiettivo è quello di fare qualcosina di meglio dello scorso anno. Questa è una stagione in cui ci dobbiamo un pò stabilizzare. E’ chiaro che è un campionato difficile, con tante insidie, ci sono squadre che dietro stanno faticando, ma poi ci vuole poco a risalire. Basta pensare all’Atalanta, che era partita in difficoltà ed ora fa dei risultati incredibili. Non bisogna mai perdere un colpo ed un’occasione per racimolare punti". Il Premio Sport e Civiltà, evento organizzato dalla sezione parmigiana dell’Unione Veterani dello Sport, è arrivata alla quarantesima edizione. Durante la premiazione, svoltasi al Teatro Regio di Parma questo pomeriggio, sono saliti sul palco a ritirare il proprio premio anche Daniele Lupo e Paolo Nicolai, che la scorsa estate alle Olimpiadi di Rio hanno vinto la medaglia d’argento nel beach volley. "Le emozioni sono ancora fresche - ha detto Nicolai - quella finale era la partita che sogni fin da bambino: giocare a Copacabana contro il Brasile... Poi il sogno continuava con una vittoria, ma siamo molto soddisfatti anche per l’argento". "La coppia l’abbiamo formata nel 2011 - ha raccontato Lupo - Io ero quello piccolino della coppia, ero alle prime armi mentre Paolo era già esperto. Ci siamo allenati negli Stati Uniti ed è stato il nostro allenatore a creare questa coppia" "L'alchimia in campo si crea avendo un obbiettivo comune - ha continuato Nicolai - quello di arrivare ad una medaglia ed avere tanto rispetto per il compagno. Noi abbiamo la fortuna di essere anche amici, e questo ci aiuta fuori dal campo". "Siamo a tutti gli effetti una coppia" ha scherzato invece Lupo, che ha anche ricordato quel tumore diagnosticatogli nel 2015: "Avevo un’infiammazione al ginocchio, sono rimasto un mese e mezzo fermo, e poi per l’operazione legata al tumore sono rimasto fermo altri due mesi. Ma siamo riusciti comunque ad arrivare alle Olimpiadi. Ho anche fatto da portabandiera nella cerimonia di chiusura, pioveva a dirotto e ho pure preso la febbre, ma non importa, è stata una grandissima emozione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • hal

    21 Novembre @ 18.50

    Tardelli come opinionista e juventino ha sempre sparato m....a sul Parma andatevi a rivedere i suoi commenti alla ds qualche tempo fa' complimenti per la scelta

    Rispondi

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande