13°

31°

Personaggi

Ricordando Armando Marchi, un intellettuale in azienda

Davide Barilli: "A lui si deve l'esperienza innovativa del 'nuovo raccoglitore'". L'economista Giulio Sapelli: "Un uomo rimasto sempre libero. Ci manca molto".

Ricordando Armando Marchi

Ricordando Armando Marchi

0

 

Monica Tiezzi
Un intellettuale che ha saputo stare in azienda coltivando spazi di autonomia e libertà; un aristocratico col tratto dell'understatement, che guardava al prossimo con umiltà, attenzione e rispetto; un uomo fortemente radicato a  Parma, che però della città vedeva - e criticava -  le  tradizioni esauste, l'autorefenzialità, la chiusura al nuovo, il presenzialismo vuoto. In una parola, il provincialismo.
Così, a cinque anni dalla morte,  è stato ricordato ieri sera alla libreria Feltrinelli di via Farini Armando Marchi, saggista e giornalista, traduttore e dirigente d'azienda, una carriera nelle case editrici (Guanda, Bollati Boringhieri, Editori Riuniti e Norma) e, dal 1996,  in Barilla: prima come responsabile delle relazioni esterne e poi nel Barilla Lab.
A parlare di lui e del suo lavoro ieri si sono ritrovati Davide Barilli, scrittore e giornalista della Gazzetta di Parma, collega di Marchi, dal 1983 al 1988, nell'avventura  del «Nuovo Raccoglitore», supplemento quindicinale  del quotidiano; la scrittrice e giornalista Manuela Stefani, amica di Gloria, moglie di Armando Marchi  (all'incontro con i figli Clementina, Filippo e Livia);  l'economista Giulio Sapelli, con Marchi fra le menti   del Barilla lab for  knowledge and innovation.
Barilli ha ripercorso  l'esperienza del Nuovo Raccoglitore, nato sulla scorta del  Raccoglitore degli anni Cinquanta: «Un'idea editoriale innovativa, che anticipava il “Tuttolibri” de La Stampa, con il gusto della dissacrazione, che voleva stare lontano dai best seller, scoprire talenti nuovi e sprovincializzare la stagnante cultura cittadina», dice Barilli. In questo lavoro (in tutto 111 numeri, inviati puntualmente a 500 intellettuali italiani), Marchi mise «il suo aplomb, la sua curiosità intellettuale, la sua ironia, la convinzione dell'eticità della cultura e della necessità di sviluppare una coscienza critica». 
Manuela Stefani   ha parlato dell'Armando   privato, del suo attaccamento agli affetti familiari, della sua storia d'amore ultratrentennale con la moglie: «Siamo qui - ha detto - anche a prendere parte alla dichiarazione d'amore di Gloria per Armando». 
 Di Armando Marchi come «intellettuale  destinato, nel suo impegno di creare un'impresa che facesse profitti e cultura,  a una sconfitta che la morte gli ha impedito di vedere» ha parlato Giulio Sapelli nel suo emozionato intervento. «Nell'impresa, il ruolo dell'intellettuale è stare su un crinale di ghiaccio cercando  di  non perdere il senso della persona. Rispettato, ma non sempre sopportato. Armando è stato essenzialmente un grande moralista, che ha cercato di restare uomo libero, di riempire di contenuti e di senso la grande stupidità che è la managerialità».
Profetici gli aforismi di Armando Marchi, letti dalla figlia Livia e tratti dal volume «Il dragomanno e il dilemma del senso» pubblicato postumo nel 2010 da Guarini e Associati (e al proposito, Barilli ha svelato che uscirà presto un altro libro inedito di Marchi, il racconto filosofico «Le isole invisibili»). Profetici su tante realtà  da lui  intuite, e  oggi arrivate a una deriva eclatante: l'imbarbarimento dei media («Le buone notizie non fanno audience perchè sono banali»); la crisi della  rappresentatività  («viviamo una democrazia referendaria, i cittadini sono chiamati a dire sì o no, non a partecipare alle decisioni. Consenso, non governo, perchè occorre abbassare il senso critico della gente»), lo scollamento fra politica e società («La politica  è arrogante e gerarchica: chi sta in alto considera chi sta in basso ignorante, chi sta in basso considera chi sta in alto incompetente»), l'endemica cortigianeria italiana («cambiano i padroni, ma maggiordomi e lacchè restano»). 
Fino alla profezia più lungimirante, quella   sulla necessità di un umanesimo aziendale che può essere forse l'unico   antidoto alla crisi. Stare nelle aziende, dice Sapelli, «nè “contro” nè “con”, cercando di non fare ciò che non si deve fare». Scrive Marchi:  «L'insoddisfazione è una forza propulsiva. Chi si lamenta è perchè vorrebbe un sistema migliore  in cui autorealizzazione e perseguimento degli obiettivi aziendali siano in equilibrio... L'ottimista nelle organizzazioni aziendali è spietato, passivo e conformista».  
Monica Tiezzi
Un intellettuale che ha saputo stare in azienda coltivando spazi di autonomia e libertà; un aristocratico col tratto dell'understatement, che guardava al prossimo con umiltà, attenzione e rispetto; un uomo fortemente radicato a  Parma, che però della città vedeva - e criticava -  le  tradizioni esauste, l'autorefenzialità, la chiusura al nuovo, il presenzialismo vuoto. In una parola, il provincialismo.Così, a cinque anni dalla morte,  è stato ricordato ieri sera alla libreria Feltrinelli di via Farini Armando Marchi, saggista e giornalista, traduttore e dirigente d'azienda, una carriera nelle case editrici (Guanda, Bollati Boringhieri, Editori Riuniti e Norma) e, dal 1996,  in Barilla: prima come responsabile delle relazioni esterne e poi nel Barilla Lab.A parlare di lui e del suo lavoro ieri si sono ritrovati Davide Barilli, scrittore e giornalista della Gazzetta di Parma, collega di Marchi, dal 1983 al 1988, nell'avventura  del «Nuovo Raccoglitore», supplemento quindicinale  del quotidiano; la scrittrice e giornalista Manuela Stefani, amica di Gloria, moglie di Armando Marchi  (all'incontro con i figli Clementina, Filippo e Livia);  l'economista Giulio Sapelli, con Marchi fra le menti   del Barilla lab for  knowledge and innovation.Barilli ha ripercorso  l'esperienza del Nuovo Raccoglitore, nato sulla scorta del  Raccoglitore degli anni Cinquanta: «Un'idea editoriale innovativa, che anticipava il “Tuttolibri” de La Stampa, con il gusto della dissacrazione, che voleva stare lontano dai best seller, scoprire talenti nuovi e sprovincializzare la stagnante cultura cittadina», dice Barilli. In questo lavoro (in tutto 111 numeri, inviati puntualmente a 500 intellettuali italiani), Marchi mise «il suo aplomb, la sua curiosità intellettuale, la sua ironia, la convinzione dell'eticità della cultura e della necessità di sviluppare una coscienza critica». Manuela Stefani   ha parlato dell'Armando   privato, del suo attaccamento agli affetti familiari, della sua storia d'amore ultratrentennale con la moglie: «Siamo qui - ha detto - anche a prendere parte alla dichiarazione d'amore di Gloria per Armando».  Di Armando Marchi come «intellettuale  destinato, nel suo impegno di creare un'impresa che facesse profitti e cultura,  a una sconfitta che la morte gli ha impedito di vedere» ha parlato Giulio Sapelli nel suo emozionato intervento. «Nell'impresa, il ruolo dell'intellettuale è stare su un crinale di ghiaccio cercando  di  non perdere il senso della persona. Rispettato, ma non sempre sopportato. Armando è stato essenzialmente un grande moralista, che ha cercato di restare uomo libero, di riempire di contenuti e di senso la grande stupidità che è la managerialità».Profetici gli aforismi di Armando Marchi, letti dalla figlia Livia e tratti dal volume «Il dragomanno e il dilemma del senso» pubblicato postumo nel 2010 da Guarini e Associati (e al proposito, Barilli ha svelato che uscirà presto un altro libro inedito di Marchi, il racconto filosofico «Le isole invisibili»). Profetici su tante realtà  da lui  intuite, e  oggi arrivate a una deriva eclatante: l'imbarbarimento dei media («Le buone notizie non fanno audience perchè sono banali»); la crisi della  rappresentatività  («viviamo una democrazia referendaria, i cittadini sono chiamati a dire sì o no, non a partecipare alle decisioni. Consenso, non governo, perchè occorre abbassare il senso critico della gente»), lo scollamento fra politica e società («La politica  è arrogante e gerarchica: chi sta in alto considera chi sta in basso ignorante, chi sta in basso considera chi sta in alto incompetente»), l'endemica cortigianeria italiana («cambiano i padroni, ma maggiordomi e lacchè restano»). Fino alla profezia più lungimirante, quella   sulla necessità di un umanesimo aziendale che può essere forse l'unico   antidoto alla crisi. Stare nelle aziende, dice Sapelli, «nè “contro” nè “con”, cercando di non fare ciò che non si deve fare». Scrive Marchi:  «L'insoddisfazione è una forza propulsiva. Chi si lamenta è perchè vorrebbe un sistema migliore  in cui autorealizzazione e perseguimento degli obiettivi aziendali siano in equilibrio... L'ottimista nelle organizzazioni aziendali è spietato, passivo e conformista».  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

3commenti

Parma

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Al via l'assemblea di Parmalat, Chersicla rinuncia a presiedere

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover