15°

Personaggi

Ricordando Armando Marchi, un intellettuale in azienda

Davide Barilli: "A lui si deve l'esperienza innovativa del 'nuovo raccoglitore'". L'economista Giulio Sapelli: "Un uomo rimasto sempre libero. Ci manca molto".

Ricordando Armando Marchi

Ricordando Armando Marchi

Ricevi gratis le news
0

 

Monica Tiezzi
Un intellettuale che ha saputo stare in azienda coltivando spazi di autonomia e libertà; un aristocratico col tratto dell'understatement, che guardava al prossimo con umiltà, attenzione e rispetto; un uomo fortemente radicato a  Parma, che però della città vedeva - e criticava -  le  tradizioni esauste, l'autorefenzialità, la chiusura al nuovo, il presenzialismo vuoto. In una parola, il provincialismo.
Così, a cinque anni dalla morte,  è stato ricordato ieri sera alla libreria Feltrinelli di via Farini Armando Marchi, saggista e giornalista, traduttore e dirigente d'azienda, una carriera nelle case editrici (Guanda, Bollati Boringhieri, Editori Riuniti e Norma) e, dal 1996,  in Barilla: prima come responsabile delle relazioni esterne e poi nel Barilla Lab.
A parlare di lui e del suo lavoro ieri si sono ritrovati Davide Barilli, scrittore e giornalista della Gazzetta di Parma, collega di Marchi, dal 1983 al 1988, nell'avventura  del «Nuovo Raccoglitore», supplemento quindicinale  del quotidiano; la scrittrice e giornalista Manuela Stefani, amica di Gloria, moglie di Armando Marchi  (all'incontro con i figli Clementina, Filippo e Livia);  l'economista Giulio Sapelli, con Marchi fra le menti   del Barilla lab for  knowledge and innovation.
Barilli ha ripercorso  l'esperienza del Nuovo Raccoglitore, nato sulla scorta del  Raccoglitore degli anni Cinquanta: «Un'idea editoriale innovativa, che anticipava il “Tuttolibri” de La Stampa, con il gusto della dissacrazione, che voleva stare lontano dai best seller, scoprire talenti nuovi e sprovincializzare la stagnante cultura cittadina», dice Barilli. In questo lavoro (in tutto 111 numeri, inviati puntualmente a 500 intellettuali italiani), Marchi mise «il suo aplomb, la sua curiosità intellettuale, la sua ironia, la convinzione dell'eticità della cultura e della necessità di sviluppare una coscienza critica». 
Manuela Stefani   ha parlato dell'Armando   privato, del suo attaccamento agli affetti familiari, della sua storia d'amore ultratrentennale con la moglie: «Siamo qui - ha detto - anche a prendere parte alla dichiarazione d'amore di Gloria per Armando». 
 Di Armando Marchi come «intellettuale  destinato, nel suo impegno di creare un'impresa che facesse profitti e cultura,  a una sconfitta che la morte gli ha impedito di vedere» ha parlato Giulio Sapelli nel suo emozionato intervento. «Nell'impresa, il ruolo dell'intellettuale è stare su un crinale di ghiaccio cercando  di  non perdere il senso della persona. Rispettato, ma non sempre sopportato. Armando è stato essenzialmente un grande moralista, che ha cercato di restare uomo libero, di riempire di contenuti e di senso la grande stupidità che è la managerialità».
Profetici gli aforismi di Armando Marchi, letti dalla figlia Livia e tratti dal volume «Il dragomanno e il dilemma del senso» pubblicato postumo nel 2010 da Guarini e Associati (e al proposito, Barilli ha svelato che uscirà presto un altro libro inedito di Marchi, il racconto filosofico «Le isole invisibili»). Profetici su tante realtà  da lui  intuite, e  oggi arrivate a una deriva eclatante: l'imbarbarimento dei media («Le buone notizie non fanno audience perchè sono banali»); la crisi della  rappresentatività  («viviamo una democrazia referendaria, i cittadini sono chiamati a dire sì o no, non a partecipare alle decisioni. Consenso, non governo, perchè occorre abbassare il senso critico della gente»), lo scollamento fra politica e società («La politica  è arrogante e gerarchica: chi sta in alto considera chi sta in basso ignorante, chi sta in basso considera chi sta in alto incompetente»), l'endemica cortigianeria italiana («cambiano i padroni, ma maggiordomi e lacchè restano»). 
Fino alla profezia più lungimirante, quella   sulla necessità di un umanesimo aziendale che può essere forse l'unico   antidoto alla crisi. Stare nelle aziende, dice Sapelli, «nè “contro” nè “con”, cercando di non fare ciò che non si deve fare». Scrive Marchi:  «L'insoddisfazione è una forza propulsiva. Chi si lamenta è perchè vorrebbe un sistema migliore  in cui autorealizzazione e perseguimento degli obiettivi aziendali siano in equilibrio... L'ottimista nelle organizzazioni aziendali è spietato, passivo e conformista».  
Monica Tiezzi
Un intellettuale che ha saputo stare in azienda coltivando spazi di autonomia e libertà; un aristocratico col tratto dell'understatement, che guardava al prossimo con umiltà, attenzione e rispetto; un uomo fortemente radicato a  Parma, che però della città vedeva - e criticava -  le  tradizioni esauste, l'autorefenzialità, la chiusura al nuovo, il presenzialismo vuoto. In una parola, il provincialismo.Così, a cinque anni dalla morte,  è stato ricordato ieri sera alla libreria Feltrinelli di via Farini Armando Marchi, saggista e giornalista, traduttore e dirigente d'azienda, una carriera nelle case editrici (Guanda, Bollati Boringhieri, Editori Riuniti e Norma) e, dal 1996,  in Barilla: prima come responsabile delle relazioni esterne e poi nel Barilla Lab.A parlare di lui e del suo lavoro ieri si sono ritrovati Davide Barilli, scrittore e giornalista della Gazzetta di Parma, collega di Marchi, dal 1983 al 1988, nell'avventura  del «Nuovo Raccoglitore», supplemento quindicinale  del quotidiano; la scrittrice e giornalista Manuela Stefani, amica di Gloria, moglie di Armando Marchi  (all'incontro con i figli Clementina, Filippo e Livia);  l'economista Giulio Sapelli, con Marchi fra le menti   del Barilla lab for  knowledge and innovation.Barilli ha ripercorso  l'esperienza del Nuovo Raccoglitore, nato sulla scorta del  Raccoglitore degli anni Cinquanta: «Un'idea editoriale innovativa, che anticipava il “Tuttolibri” de La Stampa, con il gusto della dissacrazione, che voleva stare lontano dai best seller, scoprire talenti nuovi e sprovincializzare la stagnante cultura cittadina», dice Barilli. In questo lavoro (in tutto 111 numeri, inviati puntualmente a 500 intellettuali italiani), Marchi mise «il suo aplomb, la sua curiosità intellettuale, la sua ironia, la convinzione dell'eticità della cultura e della necessità di sviluppare una coscienza critica». Manuela Stefani   ha parlato dell'Armando   privato, del suo attaccamento agli affetti familiari, della sua storia d'amore ultratrentennale con la moglie: «Siamo qui - ha detto - anche a prendere parte alla dichiarazione d'amore di Gloria per Armando».  Di Armando Marchi come «intellettuale  destinato, nel suo impegno di creare un'impresa che facesse profitti e cultura,  a una sconfitta che la morte gli ha impedito di vedere» ha parlato Giulio Sapelli nel suo emozionato intervento. «Nell'impresa, il ruolo dell'intellettuale è stare su un crinale di ghiaccio cercando  di  non perdere il senso della persona. Rispettato, ma non sempre sopportato. Armando è stato essenzialmente un grande moralista, che ha cercato di restare uomo libero, di riempire di contenuti e di senso la grande stupidità che è la managerialità».Profetici gli aforismi di Armando Marchi, letti dalla figlia Livia e tratti dal volume «Il dragomanno e il dilemma del senso» pubblicato postumo nel 2010 da Guarini e Associati (e al proposito, Barilli ha svelato che uscirà presto un altro libro inedito di Marchi, il racconto filosofico «Le isole invisibili»). Profetici su tante realtà  da lui  intuite, e  oggi arrivate a una deriva eclatante: l'imbarbarimento dei media («Le buone notizie non fanno audience perchè sono banali»); la crisi della  rappresentatività  («viviamo una democrazia referendaria, i cittadini sono chiamati a dire sì o no, non a partecipare alle decisioni. Consenso, non governo, perchè occorre abbassare il senso critico della gente»), lo scollamento fra politica e società («La politica  è arrogante e gerarchica: chi sta in alto considera chi sta in basso ignorante, chi sta in basso considera chi sta in alto incompetente»), l'endemica cortigianeria italiana («cambiano i padroni, ma maggiordomi e lacchè restano»). Fino alla profezia più lungimirante, quella   sulla necessità di un umanesimo aziendale che può essere forse l'unico   antidoto alla crisi. Stare nelle aziende, dice Sapelli, «nè “contro” nè “con”, cercando di non fare ciò che non si deve fare». Scrive Marchi:  «L'insoddisfazione è una forza propulsiva. Chi si lamenta è perchè vorrebbe un sistema migliore  in cui autorealizzazione e perseguimento degli obiettivi aziendali siano in equilibrio... L'ottimista nelle organizzazioni aziendali è spietato, passivo e conformista».  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

LA MORTE DEL BOSS

Addio a Riina. E c'è chi gli rende omaggio

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

SISSA TRECASALI

Muore sulla pista da ballo

Cinema

Archibugi: «Ma i ragazzi non sono tutti sdraiati»

FORNOVO

Stazione in mano agli sbandati

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica