19°

Lettere al direttore

La stazione mediopadana

Giuliano Molossi risponde ai lettori della Gazzetta di Parma

9

 

Signor direttore,
vado spesso a Roma in treno per lavoro. Prendo il Frecciarossa delle 7.01 e torno, quando non ho altri appuntamenti il giorno dopo che mi costringano a pernottare, con il Frecciarossa delle 19.35 da Roma Termini. Treni comodi, veloci, diretti: niente da dire. Però non ho scelte: quello è l'unico treno diretto che collega Parma con la Capitale. Ben diversa la situazione di Reggio, che ha avuto la fortuna di avere la stazione mediopadana. Reggio ha già 8 collegamenti con Roma. Ho saputo da un'amica di Sant'Ilario che a metà dicembre, da quando, cioè, entrerà in vigore l’orario invernale di Trenitalia, i collegamenti Reggio-Roma saliranno a 18, fra i quali uno diretto, senza fermate intermedie, che impiegherà appena 2 ore e un quarto. Ci sarà poi un nuovo collegamento veloce tutte le sere da Reggio per Parigi. E noi, poveri parmigiani?
Lorenzo Savi
Parma, 5 dicembre

 

Gentile lettore,
lei mette il coltello nella piaga, perché quella della stazione mediopadana è per noi parmigiani una ferita aperta. La stazione toccava a Parma, che è a metà strada fra Milano e Bologna. E' finita a Reggio per varie ragioni, non ultima la miopia dei nostri amministratori dell'epoca che non credevano nell'Alta Velocità. C'è chi dice che poi ci abbia messo lo zampino anche Romano Prodi, ma lui ha sempre negato di aver voluto favorire Reggio.
Tutte le volte che passo in autostrada e vedo la bellissima stazione di Santiago Calatrava, mi deprimo. Però non sono mai partito da Reggio per andare a Roma. Come lei, approfitto dell'unico collegamento diretto delle sette del mattino. Ci si alza presto, ma si parte da Parma. E continuerei a fare così anche se da Reggio ci fosse un treno ogni ora. Quindi i mega programmi della nuova stazione dei cugini d'Oltrenza, non mi toccano proprio. A Parigi, poi, mi piacerebbe andarci da Parma. In aereo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonio

    25 Maggio @ 17.46

    Giorgio Pighi, sindaco di Modena, la città più popolosa dell'Emilia dopo BO e forse la prima a livello industriale dice :Nessuno problema di "campanile" Per necessità di cose doveva essere realzzata in una dimensione intermedia fra Bologna e Piacenza. Reggio è la giusta via di mezzo,se fosse stata a Parma il ruolo dell'economia modenese sarebbe stato trascurabile. Modena sarà sicuramente un bacino d'utenza importante. sic Quindi diamoci una calmata che la stazione farla Reggio non è stato un errore, perchè a Reggio e intorno a Reggio non cè il deserto

    Rispondi

  • Nicola Martini

    07 Dicembre @ 16.26

    La Mediopadana è stata costruita a Reggio Emilia, a questo punto dobbiamo farcene una ragione. Sarebbe il caso di superare, ormai, la questione chiedendoci come si possa correre ai ripari. La scelta di costruire una sola fermata in linea tra Milano e Bologna denota la scarsa cultura che c'è in Italia in tema di trasporto pubblico. Questa scelta è viziata "ab origine" in quanto taglia fuori dall'utilizzo quotidiano del Tav svariate centinaia di migliaia di potenziali utenti ogni giorno, facendo sì che la linea Av sia decisamente sottoutilizzata. Evidentemente i più non si sono resi conto che una fermata per essere al massimo della propria efficienza deve essere di prossimità. Pare il caso di sfatare il falso mito delle interconnessioni, le quali sarebbero comunque state costruite (quella est parmigiana oltretutto è un primo stralcio del raddoppio Ti-Bre), in quanto svolgono funzioni di servizio e sono necessarie per l'alta capacità (trasporto merci). L'utilità per il trasporto passeggeri è pressoché residuale in quanto nessuna azienda con un minimo di senno attuerebbe un servizio assiduo Av, servendo le stazioni storiche, perdendo almeno 20 minuti di tempo "sganciando" dalla rete veloce un convoglio Av. E' necessario sanare l'errore di un'unica fermata intermedia (qui non c'è lo spazio per elencarne i numerosi limiti) prevedendo fermate in linea in ogni città sopra i 40.000 abitanti. Nel tratto tra Milano e Bologna, oltre a Reggio dovrebbero avere fermate anche Modena, Parma, Piacenza e Lodi. Per rendersi conto che ciò è possibile ed auspicabile bisognerebbe guardare i modelli esteri, es. quello nipponico (l'hanno inventata loro l'Alta Velocità). Non posso scendere nei particolari (e sarebbero moltissimi da riportare) in quanto il limite di 2.500 caratteri non permette discorsi particolarmente articolati ed esaustivi. A mio modesto avviso, comunque, continuare a rimuginare sullo spostamento della fermata a Reggio, rischia di divenire un discorso sterile. Bisogna fare il salto di qualità e comprendere la necessarietà e le potenzialità di un servizio Av di prossimità per i vari territori provinciali. Ciò avrebbe una ricaduta enorme sia in termini di sviluppo, sia a livello di riassetto del trasporto locale (comportando notevoli risparmi). Purtroppo, anche questo discorso è troppo ampio per essere esaurito esaustivamente in poche parole sul forum della Gazzetta di Parma. Nicola Martini.

    Rispondi

  • Andrea

    07 Dicembre @ 13.05

    Signor direttore, trovo il ragionamento piuttosto provinciale. La stazione di Reggio è un'opportunità per tutta l'Emilia centrale, ha la valenza strategica di un aeroporto e consente collegamenti in tempi sinora impensabili che sono fondamentali per il tessuto economico della Regione. Credo la pensino in questo i mille passeggeri al giorno che utilizzano la stazione. Presto sarà attivato il collegamento dalla stazione sulla linea storica alla stazione TAV, sarà così possibile sfruttare i treni regionali come una metropolitana e raggiungere in due ore e un quarto il centro di Roma. La aspettiamo a Reggio, a braccia aperte Andrea Reggio E.

    Rispondi

  • gigiprimo

    06 Dicembre @ 19.39

    vignolipierluigi@alice.it

    giusto! sembra quasi che quel 'monumento' diventerà una 'cattedrale' nel deserto. Però non ci piove dentro? e bravi cugini, andranno avanti e indietro da Roma 'ladrona' e in effetti ce la hanno rubata! forse vale la pena passare una nottata a Roma e partire e arrivare in Stazione!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    06 Dicembre @ 18.16

    Giusto per ridere un pò : il "frecciarossa" per Roma che parte da Parma alle 7,01 , ferma anche a Reggio Emilia (vecchia stazione).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Parma

Grave un pedone investito alla Crocetta

Via Imbriani

Vende 1.600 dosi in pochi mesi: condannato a 4 anni

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

2commenti

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

13commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

tg parma

Formaggio contraffatto: 27 indagati, l'inchiesta coinvolge Tizzano e Torrile Video

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

TREVISO

19enne uccide la ex: era incinta di sei mesi

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano