11°

17°

Lettere al direttore

Le «vele» della Ghiaia

Giuliano Molossi

Giuliano Molossi

Ricevi gratis le news
4

 

Signor direttore,
mi hanno molto sorpreso le intenzioni del sindaco Pizzarotti sulla Ghiaia. Ma come si può pensare di spendere 500 mila euro per togliere una tettoia? La copertura voluta dalla giunta Vignali è orribile, siamo d'accordo, ma ormai ce la dobbiamo tenere così com'è.
Il sindaco dice: «E' l'eliminazione di un simbolo della città megalopoli». Vogliamo cancellare i simboli della passata stagione politica? Allora deve spostare e rimontare anche il Ponte Nord, deve togliere tutte le rotatorie e rimettere i semafori...
Andrea Avanzini
Parma, 12 dicembre

 

Gentile lettore,
io preferivo mille volte la Ghiaia di ieri a quella di oggi. La Ghiaia di ieri era viva, brulicante di vita, di colori, di profumi, la Ghiaia di oggi è triste, grigia, spenta e desolatamente semivuota. Non credo però che i problemi della Ghiaia si risolvano con la rimozione delle «vele» (e per metterle dove?). Dopo aver sopportato quattro anni di cantiere, la povera Ghiaia oggi è stremata e non merita altre ruspe che demoliscano quello che si è appena costruito.
Io invece credo che il Comune debba rivitalizzare la Ghiaia portando qui il mercato tutti i giorni com'era un tempo, con i bei banchi di frutta e verdura, di alimentari e di abbigliamento a buon prezzo. Penso che l'amministrazione debba organizzare in Ghiaia, soprattutto nella bella stagione, ma non solo, iniziative originali che richiamino il grande pubblico, spettacoli, concerti, eventi gastronomici... Poi se un giorno il sindaco trovasse qualcuno disposto a smontare e a rimontare la copertura di vetro e cemento a un costo decisamente inferiore rispetto a quello previsto oggi, ben venga anche l'eliminazione delle «vele». Ma non perché «simbolo della città megalopoli». Ma più semplicemente perché sono brutte e fuori posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Margherita

    16 Dicembre @ 10.03

    Se le parole di Pizzarotti sono state riportate con esattezza, questa volta il sindaco ha toppato di grosso. La ghiaia muore non per le vele - concordo....sono orrendamente invasive e nascondono una pittoresca visione delle vecchie case, ora ben ristrutturate, che contornano la piazza - ma perchè cambiano i gusti delle persone, la nostra società è multietnica ed i centri commerciali sorgono come funghi attirando orde di autumuniti che non vorrebbero mai fare due salutari passi a piedi. Ci sono migliaia di impellenti urgenze sulle quali destinare 500.000 euro prima di pensare a destinare una tale risorsa per smantellare una struttura ormai in opera.....e se mai, facciamo un referendum, ma serio questa volta!

    Rispondi

  • Paolo

    16 Dicembre @ 01.15

    Egr. Direttore, forse, prima di chiedersi come si fa a pensare di spendere cinquecentomila euro per togliere una tettoia, ci si deve interrogare su quanto è costata quella tettoia... La verità è che la Ghiaia non è più la Ghiaia. Tutti preferivano la Ghiaia al nulla... Ed io come tutti, anche se può risultare ovvia tale affermazione visto che, la Ghiaia, l'avevo progettata io... Ferita, maltrattata, anche offesa da un uso senza troppe regole forse, nell'ultima stagione della sua vita, prima che la demolissero, mi sono ritrovato spesso a pensare che se avessi dovuto progettarla di nuovo, l'avrei fatta diversa. Ancora più sobria, più asciutta, più essenziale. Ancora più piazza. Certamente non avrei steso un sudario sull'antico luogo del mercato... Credo che quella Ghiaia fosse riuscita, pur nel rispetto delle regole molto restrittive cui doveva sottostare quel tipo di intervento, a rimettere ordine urbanisticamente ad un luogo ormai costipato da baracche rugginose, disordinato ricovero notturno di vagabondi e disperati. Bella? Brutta? Non sta a me dirlo. Però, soprattutto, funzionava. E nonostante le polemiche che ne avevano accompagnato la gestazione , era tornata ad essere 'luogo'; la gente lo frequentava volentieri, perché in quel luogo riconosceva ancora il cuore commerciale del centro storico. Cosa fare del sudario? Lo smaltimento dei rifiuti ha un costo, lo sappiamo; soprattutto quello consapevole, cosciente, etico, necessario e improrogabile oggi. Certo comporta un costo dovuto alla fatica della selezione, al tempo e allo spazio fisico che richiede. Ma è un costo necessario, e come tutti gli investimenti oculati non può che fruttare ricchezza... Paolo Simonetti

    Rispondi

  • Danyel

    14 Dicembre @ 22.08

    Non si puo' che concordare pienamente col direttore! Rivogliamo la "Vecchia Ghiaia", con le bancarelle sempre presenti, e le "rezdore"(quelle poche che sono rimaste) in giro a fare la spesa...e tanti giovani "fogonisti per un giorno", con la ragazzina od il ragazzino, a passeggiare romanticamente tra il casino visivo ed audio! (ma il mio e' solo un bel sogno: e perche' il sindaco Pizzarotti non fa un bel referendum, su come vogliono veramente la Ghiaia i parmigiani?)Basta con tutti questi pseudo-bar stracari!

    Rispondi

  • Biffo

    14 Dicembre @ 17.59

    Direttore, Lei è stato un grande, con questa Sua risposta; io sono del '45, ho fatto i miei tre anni di Liceo Classico al Romagnosi e ricordo che, da Salsomaggiore, mi spostavo, a volte, specie d'estate, a Parma, dove ritrovavo alcuni miei compagni di scuola parmigiani, con i quali facevo qualche piccola compera, tra le care, vecchie bancarelle della Ghiaia degli anni '60. E ho continuato anche dopo, tra mille personaggi pittoreschi, di cui non ricordo più il nome, tra cui uno, vestito da cow-boy, che vendeva uno strano e pittoresco campionario di abbigliamento, country&western, tra cui cinturoni e cappelloni simil-texani. Un caro saluto, dott. Molossi, da Franco Bifani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

9commenti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" della Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va