-2°

10°

Il direttore risponde

Ragazzi ignoranti

Ogni giorno Giuliano Molossi risponde ai lettori

Giuliano Molossi

Giuliano Molossi

Ricevi gratis le news
5

 

Gentile signor Molossi,
sono alla soglia degli ottant'anni. L'altra sera mio nipote, studente liceale, ha ospitato a cena due suoi compagni di scuola con i quali aveva studiato sino a tardi per preparare una interrogazione. A tavola si parlava del più e del meno. A un certo punto il discorso è caduto su Mussolini. A me sono cadute le braccia perché nessuno dei tre ragazzi diciottenni, sapeva che il Duce era stato appeso per i piedi a piazzale Loreto. Ignoravano anche le circostanze della sua morte, e avevano poche e confuse nozioni della sua vita. Scherzando gli ho detto che erano delle capre, e mio nipote mi ha detto: «Dai delle capre a noi? Dovresti sentire i nostri compagni!».
Ettore Martini
Fidenza, 16 dicembre

 

Gentile signor Martini,
per fortuna lei non ha assistito qualche giorno fa alla trasmissione televisiva «L'eredità» condotta da Carlo Conti sulla Rai. Nel corso di questo gioco a quiz, il conduttore a un certo punto fa una domanda molto facile: «In quale anno Adolf Hitler viene nominato cancelliere?». Al concorrente vengono fornite quattro possibili risposte: 1933, 1948, 1964, 1979. La prima concorrente risponde senza esitazione 1948. A quel punto la risposta passa al secondo concorrente, un giovane ventenne, che deve scegliere fra 1933, 1964 e 1979. Più facile di così! Il ragazzo ci pensa un po' su e poi dice: 1964! Ma non è finita perché tocca a Tiziana, la terza e ultima concorrente che deve scegliere fra le due date rimaste, 1933 e 1979. E lei, sicura di sè, risponde 1979.
Nemmeno a «La pupa e il secchione» erano state raggiunte tali vette di ignoranza. Un'ignoranza talmente macroscopica da farmi sospettare, allora come oggi, che non ci sia niente di vero, che in realtà si tratti di un escamotage degli autori televisivi per far parlare del programma. Ho detto sospettare, ma vorrei anche dire sperare che sia stato solo un gioco, che quei tre ragazzi che facevano vivere Hitler nel primo Dopoguerra, in pieno boom economico o addirittura quattro anni dopo la fine della guerra del Vietnam, si siano prestati a una messinscena. Perché se non fosse così, ci sarebbe seriamente da preoccuparsi.
E' ammesso non sapere chi sia l'attuale ministro dell'Economia o il portiere della Sampdoria, ma di Adolf Hitler uno ha sentito parlare fin da bambino, lo ha visto nei film, lo ha letto nei libri.
Dove hanno vissuto sinora questi ragazzi? Su un altro pianeta? No, non possiamo credere che non lo sapessero. Per favore, diteci che è stata tutta una finzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bichouk

    20 Dicembre @ 13.15

    I nostri ragazzi non sono affatto capre,ma come tali vengono trattati dal sistema scolastico. Sono pronti al dibattito e hanno voglia di essere ascoltati purtroppo la scuola spesso recluta insegnanti molto colti ma incapaci di comunicare. Poi c'è il problema degli insegnanti-trottola che cambiano continuamente sede per accumulare punteggio e che spesso non conoscono nemmeno il nome dei propri alunni e nemmeno riescono a strutturare un programma. I giovani sono il nostro futuro e la scuola dovrebbe essere fatta su misura per loro e non per le esigenze lavorative dei prof. Parlo io che sono insegnante precaria

    Rispondi

  • Biffo

    20 Dicembre @ 04.49

    Postista delle 11,40, forse, se invece di insistere sul latino, il greco e la filosofia, su programmi da Riforma Gentile del 1923, in Italia si insistesse maggiormente sulle materie scientifiche, si fornissero informazioni precise sulle vicende storiche, si tornasse a studiare la geografia, in stretto rapporto con la storia di ogni paese, si facesse più formazione ed educazione civica...sempre SE, purtroppo. Ci sono prof che fanno dormire gli alunni, sempre a tenere lezioni tediose di grammatica e sintassi, tra regole, eccezioni, eccezioni delle eccezioni, convinti che solo così si imparano l'italiano e le lingue straniere. In compenso, non stimolano la lettura dei libri, la scrittura libera e la discussione di argomenti. Solo leggendo,e discutendo si impara a scrivere ed a parlare, non mangiando e non digerendo testi di grammatica e sintassi. Franco Bifani

    Rispondi

  • Vercingetorige

    19 Dicembre @ 11.40

    ESIMIO PROFESSOR BIFANI . Qualche tempo fa , conversando con un amico americano , mi ha raccontato che un gruppo di studenti liceali USA è stato accompagnato a far visita agli ospiti di una Casa di Riposo , tra i quali c' era un Veterano della Seconda Guerra Mondiale. Il vecchietto, come tutti i vecchietti , cercò di raccontare ai ragazzi quella sua esperienza di gioventù , e scoprì che i ragazzi non sapevano contro chi avessero combattuto gli Stati Uniti. Si potrebbe dire che mal comune è mezzo gaudio. Non so cosa dirle . La qualità della Scuola italiana , negli ultimi decenni , è decisamente decaduta . Se io sbagliavo a declinare "rosa , rosae , rosae, rosam , rosa , rosa" mi "facevano il mazzo" già in 1° media . Oggi è una domanda da maturità classica. Mi hanno detto che , agli esami di concorso per insegnanti , si leggono e si sentono strafalcioni e sgrammaticature che ,una volta, non si tolleravano neanche alle elementari .

    Rispondi

  • giorgio

    18 Dicembre @ 22.46

    geccorbett@gmail.com

    scusi dottore ma sono le ns scuole ke nn erudiscono...principalmente circa la storia recente...per quanto concerne il sentito....ke deve sentire...il giovane vive in un porcaio

    Rispondi

  • Biffo

    18 Dicembre @ 17.03

    Direttore, in quasi 40 ani di insegnamento di Materie Letterarie, non ho mai notato che qualcuno dei miei colleghi parlasse ai ragazzi di quanto era successo tra il 1918 e il '45, in modo serio ed approfondito; era fare politica! Al Liceo Romagnosi, il nostro insegnante di Storia e Filosofia, anno 1963, arrivò all'inizio della Grande Guerra, poi ci incaricò di terminare, da soli, per l'esame di maturità,il resto del libro, ben sapendo che nessun docente ci avrebbe mai chiesto nulla in merito a quel periodo; politica, puah! A 18 anni suonati, giunto alla Cattolica di Milano, ho dovuto riempire quelle voragini, più che lacune, in campo storico, con anni di studio indefesso. Ho sempre parlato, con abbondanza di particolari, ai miei alunni, della storia ontemporanea e recentissima; anche se poi ero considerato, da parte dei colleghi, come comunista, sobillatore, terrorista, perché parlavo ai ragazzi di politica, mio Dio! Che faccenda sporca, vade retro, Satana! Quindi, può anche darsi che i ragazzi odierni siano ignoranti di riflesso, condizionati dal silenzio o dall'ignotranza , colpevole, dei loro docenti. Franco Bifani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

SPECIALE ORIENTAMENTO

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

Lealtrenotizie

valigia

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

PARMA

Torrini del Battistero danneggiati: la zona è transennata Foto

Controlli dopo il terremoto

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

PARMA

Nominato il nuovo cda della Fondazione Teatro Regio 

Entrano Ilaria Dallatana, Vittorio Gallese, Antonio Giovati e Alberto Nodolini

PARMA

Problemi burocratici: slitta di un giorno il trasferimento della salma di Riina a Corleone

La Procura dà il nulla osta per portare il corpo del boss in Sicilia

VOLANTI

"Colpo" alla concessionaria Reggiani: spariscono due auto e otto pneumatici

Ladri anche in un'azienda di abbigliamento. Due ragazzi cercano di rubare giocattoli ma fuggono a mani vuote

2commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

3commenti

Sant'Ilario d'Enza

Calci e pugni al barista per un bottino di 10 euro: denunciati 3 giovani e una minorenne

tg parma

Infortunio sul lavoro: ferito un 48enne a San Polo di Torrile Video

MOSTRA

"Cielo e Terra": a Lesignano le foto di Luca Radici

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

ELEZIONI

Ostia, trionfo del Movimento 5 Stelle Foto

STATI UNITI

E' morto il serial killer Charles Manson

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

il caso

Protesta degli inni: Trump attacca star di Football americano

SOCIETA'

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

PARMA

"Io non chiudo gli occhi": un video per dire no alla violenza sulle donne Video

MOTORI

NOVITA'

Nuova Bmw X3. Sa fare tutto (da sola)

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq