12°

19°

IL DIRETTORE RISPONDE

La banana antirazzista

Giuliano Molossi e i quesiti dei lettori

Giuliano Molossi

Giuliano Molossi

Ricevi gratis le news
17

Signor direttore,
vado controcorrente. Io penso che la banana lanciata dagli spalti al giocatore del Barcellona sia solo una trovata pubblicitaria, non il gesto stupido e razzista di un tifoso. Se fosse provato quello che dico, che figura farebbero tutti coloro, da Renzi in giù, che tra ieri e oggi si sono fatti immortalare con una banana in mano?
Umberto Talignani
Parma, 29 aprile

Gentile lettore,
io mi auguro che non sia come lei dice. Mi piacerebbe continuare a credere che Dani Alves abbia sbucciato e mangiato la banana spontaneamente, per irridere il comportamento razzista di un tifoso cretino. Lei però non è il solo a pensare che si sia trattato di un gesto studiato a tavolino. Ma non per far vendere più banane, ma piuttosto per rispondere, in modo spiritoso e originale, ai tifosi razzisti di tutto il mondo, a quei deficienti che fanno i «buu» quando tocca il pallone un giocatore con la pelle nera. Il quotidiano sportivo spagnolo «As» sostiene che la banana sbucciata e mangiata direttamente in campo, durante Villarreal-Barcellona, da Dani Alves non sarebbe altro che il frutto di una campagna di marketing, un piano ideato dopo i continui insulti ricevuti quest’anno non solo dal difensore brasiliano del Barcellona, ma anche dal compagno di squadra Neymar. I due - secondo quanto scrive il quotidiano sportivo spagnolo - avrebbero avuto l'idea di farsi lanciare una banana in campo. Se così sono andate le cose bisogna riconoscere che i due giocatori hanno ottenuto il risultato che si prefiggevano: quello di ridicolizzare, in modo spiritoso, gli intolleranti e i razzisti. Anzi, forse nemmeno loro immaginavano la straordinaria risonanza che ha avuto la loro trovata in tutto il mondo.
Il gesto di Dani Alves è diventato il simbolo della lotta al razzismo. Ma io, come le dicevo prima, spero che non ci sia stato nessun piano studiato a tavolino, nessuna ricerca di marketing, nessun suggerimento di maghi della pubblicità, nessun finto razzista sugli spalti incaricato di tirare quella banana al momento più opportuno. Non sarebbe mille volte più bello se la banana sbucciata da Dani Alves fosse stata invece la reazione immediata, imprevedibile, spontanea di un giocatore intelligente e spiritoso a un tifoso idiota?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    05 Maggio @ 12.41

    Enrico, sui blog è molto facile un fraintendimento od un equivoco, perché, scrivendo, certe sfumature si perdono. La saluto caramente; ci sentiremo al prossimo commento!

    Rispondi

  • Enrico

    05 Maggio @ 10.13

    Biffo, evidentemente ho interpretato male le sue parole. Me ne scuso, anche perché guarda caso sono d'accordo con lei!

    Rispondi

  • gigiprimo

    04 Maggio @ 09.06

    vignolipierluigi@alice.it

    penso di aver capito quanto espresso negli innumerevoli post del signor biffo. Siamo tutti originati dalla Eva africana, a noi è cambiato il naso in quanto, essendoci spostati a nord e avendo subito il clima e le malattie catarrali, ci siamo soffiati il naso, restringendo così la base dello stesso! poi anche la mia frase 'che il giocatore in questione (Dani Alves) attraversa un periodo nero dal punto di vista sportivo?', non vorrei fosse ritenuta razzista per quel 'nero' ! ad majora mister Biffo !

    Rispondi

  • Stefano

    03 Maggio @ 18.00

    reinard.alfa@gmail.com

    Credo che non dovrebbe esistere il razzismo inteso come prevaricazione di nessun tipo, lo credo sinceramente. Credo anche però che in un paese come il nostro che cita la libertà di pensiero e di espressione nella propria costituzione non dovrebbe permettersi di denunciare o condannare chi non ama persone diverse da sè. Gli stati uniti che sono molto rigidi con le leggi antirazziali permettono di esprimere il proprio parere liberamente ma non di fare discriminazioni, In italia , paese 50 anni indietro, noi non possiamo nemmeno dire che non ci piace un immigrato ma si può fare il contrario. Credo inoltre che ci sia una ipocrisia dilagante che tende a farceli digerire a forza, cercando di convincerci che si, in mezzo a loro ci sono molti ladri assassini spacciatori stupratori, ma che di fondo sono buoni e lo fanno perchè hanno bisogno e scappano da realtà difficili ( dove peraltro sono i loro stessi compatrioti a farlo ).Forzandoci a questa convivenza forzata e senza regole ( per loro badate bene ) si giungerà a un vero razzismo incontrollato, in quanto la gente poco per volta si sta stancando, sia a destra che sinistra. Basta chiedere in giro.

    Rispondi

  • Biffo

    02 Maggio @ 19.47

    Enrico, Lei ha mal interpretato quanto ho scritto, che voleva essere ironico nei confronti di quei sinistroidi sinistrorsi, per i quali lei sarebbe senz'altro un rassista, fassista, senofobo, anticustitussionale e nimico della Resistensa. Enrico, purtroppo, come ho già scritto altrove, quando due civiltà vengono a contatto, raramente c'è incontro, bensì quasi sempre scontro. I miei riferimenti storiografici lo dimostrano. Lei non è affatto un cattivo soggetto civile e politico, anzi, ha ragione quando denuncia il modo assurdo, caotico e disordinato del nostro governo nel gestire l'immigrazione. Però, e qui credo che non potrà darmi torto, l'UE ha grosse responsabilità. Non ci danno non dico una mano, ma nemmeno una falange, e sono però subito pronti, loro sì, ,a denunciarci come razzisti nel gestire le masse di disperati che sbarcano,quotidianamente, sulle nostre coste. Io, poi, sono sempre del parere, non so Lei, che quella gente dovrebbe essere aiutata, costantemente, nei proprii paesi. Ma in questo modo le multinazionali ed i governi europei ed extraeuropei perderebbero i privilegi infami di cui godono da parte dei governi locali.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

Lunedì

A1, chiusura casello di Parma in entrata per MI e uscita per BO 4 notti Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va