22°

Lettere al direttore

"Cosa succede all'Avis?"

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
1

Signor direttore,
parafrasando un vaticanista famoso GG Vecchi possiamo dire che «se un’associazione è stanca deve ritrovare le sue radici, perché se perde la memoria è finita».
E’ quello che sta succedendo all’Avis Provinciale e Comunale di Parma che, oltre sovvertire un sistema trasfusionale che negli anni ha portato l’Associazione a risultati notevoli in campo nazionale, dimentica i suoi dirigenti che hanno volontariamente speso tante energie per raggiungere simili traguardi.
Non ci fermeremo a parlare della volontà espressa in questo periodo,a livello dirigenziale locale e regionale,di eliminare diversi Punti di Raccolta Sangue periferici,ubicati in tante sedi Avis nei Comuni della Provincia, perché il discorso si farebbe lungo,ma ci dispiace constatare che le due realtà avisine summenzionate, si dimenticano anche dei dirigenti che ci hanno lasciato. In questi giorni infatti non uno scritto pubblico per ricordare l’amico Alberto Barozzi, deceduto, già dirigente avisino di un gruppo cittadino e della Sezione Comunale di Parma, per poi ricoprire, per un mandato, la carica di Presidente Provinciale. Sotto il suo mandato, dopo quello di Don Felice Cavalli, si sono perfezionate le basi di quel sistema trasfusionale che prevedeva la raccolta sangue gestita dall’Associazione e non più dall’Azienda Ospedaliera, utilizzando i Punti di Raccolta in ogni Comune della Provincia, dove le Sezioni che si erano costituite avevano costruito locali nelle loro sedi, che oltre servire a questo scopo sono diventati anche punti di aggregazione sociale importanti per quei territori. Alberto è stato un appassionato della sua Associazione, e ha lavorato con tanti altri per raggiungere un risultato prestigioso: la realizzazione della piena autosufficienza provinciale in sangue,e tutto questo portando l’Avis Provinciale di Parma a essere una delle prime associazioni in Regione e Italia. Ora purtroppo tutto questo è in pericolo,e gli attuali dirigenti vanno per la loro strada, dimenticando le radici e i dirigenti che negli anni hanno lavorato per far conoscere e consolidare questa pianta della solidarietà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Rob

    07 Novembre @ 13.59

    Donatore Avis da diversi anni in provincia di Bologna , un parmigiano strajè insomma. La chiusura di diversi punti periferici non è dovuta a una volontà dei dirigenti Avis come sembrerebbe dall' articolo , ma a un piano di riorganizzazione sanitario nazionale messo in pratica dalle AUSL regionali , che riduce drasticamente le uscite dei centri mobili . Legato a questo piano , che ha obbligato a chiudere diversi sedi periferiche , c'è anche l' obbligatorietà della prenotazione per la visita di idoneità e di donazione. Posso assicurare che l' Avis provinciale di Bologna si è battuta per mantenere aperte più sedi possibili e più giorni possibili , scontrandosi con la direzione regionale Ausl . Un ricordo commosso a chi non c'è più e un buon lavoro a chiunque operi con e per questa splendida associazione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»