Lettere al direttore

"Cosa succede all'Avis?"

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
1

Signor direttore,
parafrasando un vaticanista famoso GG Vecchi possiamo dire che «se un’associazione è stanca deve ritrovare le sue radici, perché se perde la memoria è finita».
E’ quello che sta succedendo all’Avis Provinciale e Comunale di Parma che, oltre sovvertire un sistema trasfusionale che negli anni ha portato l’Associazione a risultati notevoli in campo nazionale, dimentica i suoi dirigenti che hanno volontariamente speso tante energie per raggiungere simili traguardi.
Non ci fermeremo a parlare della volontà espressa in questo periodo,a livello dirigenziale locale e regionale,di eliminare diversi Punti di Raccolta Sangue periferici,ubicati in tante sedi Avis nei Comuni della Provincia, perché il discorso si farebbe lungo,ma ci dispiace constatare che le due realtà avisine summenzionate, si dimenticano anche dei dirigenti che ci hanno lasciato. In questi giorni infatti non uno scritto pubblico per ricordare l’amico Alberto Barozzi, deceduto, già dirigente avisino di un gruppo cittadino e della Sezione Comunale di Parma, per poi ricoprire, per un mandato, la carica di Presidente Provinciale. Sotto il suo mandato, dopo quello di Don Felice Cavalli, si sono perfezionate le basi di quel sistema trasfusionale che prevedeva la raccolta sangue gestita dall’Associazione e non più dall’Azienda Ospedaliera, utilizzando i Punti di Raccolta in ogni Comune della Provincia, dove le Sezioni che si erano costituite avevano costruito locali nelle loro sedi, che oltre servire a questo scopo sono diventati anche punti di aggregazione sociale importanti per quei territori. Alberto è stato un appassionato della sua Associazione, e ha lavorato con tanti altri per raggiungere un risultato prestigioso: la realizzazione della piena autosufficienza provinciale in sangue,e tutto questo portando l’Avis Provinciale di Parma a essere una delle prime associazioni in Regione e Italia. Ora purtroppo tutto questo è in pericolo,e gli attuali dirigenti vanno per la loro strada, dimenticando le radici e i dirigenti che negli anni hanno lavorato per far conoscere e consolidare questa pianta della solidarietà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Rob

    07 Novembre @ 13.59

    Donatore Avis da diversi anni in provincia di Bologna , un parmigiano strajè insomma. La chiusura di diversi punti periferici non è dovuta a una volontà dei dirigenti Avis come sembrerebbe dall' articolo , ma a un piano di riorganizzazione sanitario nazionale messo in pratica dalle AUSL regionali , che riduce drasticamente le uscite dei centri mobili . Legato a questo piano , che ha obbligato a chiudere diversi sedi periferiche , c'è anche l' obbligatorietà della prenotazione per la visita di idoneità e di donazione. Posso assicurare che l' Avis provinciale di Bologna si è battuta per mantenere aperte più sedi possibili e più giorni possibili , scontrandosi con la direzione regionale Ausl . Un ricordo commosso a chi non c'è più e un buon lavoro a chiunque operi con e per questa splendida associazione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

GAZZAFUN

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

Lealtrenotizie

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

Aveva 41 anni

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale domani alle 14,30

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'ultimo saluto a Giulia

Fedez in piazza per Capodanno. Ancora casi di bullismo. Inchiesta sulla dislessia

la storia

Colorno, i richiedenti asilo al lavoro a fianco dei volontari

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Uccide i figli: indagato il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta le squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260