20°

36°

Lettere

Ma c'è chi dice: senza Ghirardi in D otto anni fa...

Ma c'è chi dice: senza Ghirardi in D otto anni fa...
Ricevi gratis le news
39

Signor Molossi,
giustamente adesso ce l'hanno tutti con Ghirardi e Leonardi. Ma io voglio invitare i lettori a una piccola riflessione. Se non ci fosse stato Ghirardi il Parma sarebbe andato in D otto anni fa.
Ci andiamo ora ma almeno Ghirardi per 8 anni ci ha fatto divertire, abbiamo battuto Inter, Milan, Juventus, siamo andati in Europa League....
Certo, se avesse gestito la squadra con un po' più di cervello (e lasciando Leonardi in Ciociaria...) saremmo ancora in serie A e lui avrebbe evitato di fare la figura che ha fatto. Ma gestirà così anche la sua azienda di Carpenedolo?

.....................

Questa la lettera pubblicata oggi dalla Gazzetta di Parma nelle pagine dedicate come sempre agli interventi dei lettori (leggi qui tutte le lettere)   . Un intervento controcorrente, rispetto a chi oggi attribuisce a Ghirardi (e Leonardi) "solo" le colpe del fallimento. Voi come la pensate? Quale dev'essere il giudizio complessivo sugli 8 anni di Ghirardi? Dite la vostra nello spazio commenti sotto questo articolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Eddard

    06 Luglio @ 09.03

    castamerains@gmail.com

    Secondo me la vicenda Parma mostra ancora una volta la vera faccia della Città, basata unicamente sull'apparenza.. Peraltro dalla lettera evince proprio questo modo di pensare da megalomani complessati che è insito nei parmigiani.. meglio otto anni in A nascondendo tutto sotto al tappeto che abbassarsi in serie D mostrando onestà e umiltà... e le vicende degli ultimi anni confermano quanto affermo.. saluti

    Rispondi

  • Daniele

    25 Giugno @ 13.57

    Ok Readazione però mica avete chiesto a Ghirardi e Leonardi il perché avevano messo a contratto 200 giocatori... mica vi querelavano per questa domanda

    Rispondi

    • 25 Giugno @ 15.47

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Ma perchè la gente vuole pontificare sulle cose che non conosce? Legga questo passaggio: è di oltre un anno fa (e non è l'unica volta in cui parlammo con Leonardi o Ghirardi di questo nè sulla carta nè in tv) GAZZETTA DI PARMA - Qualcuno pensa che si sia fatto pagare al Parma un atteggiamento disinvolto sul mercato, con tutti quei giocatori tesserati... LEONARDI - «Io so solo che nella sentenza, questo non era scritto. Ho la mia convinzione, l'ho esternata e condivido quello che dice il presidente, la dietrologia non mi interessa. Se io ho fatto qualcosa di sbagliato perchè non viene nessuno a dirmelo? Noi abbiamo 160 giocatori sotto contratto, non 300. E molte altre squadre ne hanno almeno un centinaio. Però si parla del Parma, abbiamo dato da mangiare a tanti giocatori, non abbiamo fatto del male. Sarà una valutazione che andremo a fare se continuare così o non farlo più». Oppure lei pensava che con una nostra domanda Leonardi avrebbe risposto: "Sapete, stiamo preparando una bancarotta, magari fraudolenta, e quindi ci siamo messi avanti".....? Vede, io non so che mestiere faccia lei, ma so una cosa: non verrò mai nel suo negozio o azienda o non so cosa a spiegarle come si fa una pizza o un'automobile o un mutuo bancario. E sa perchè? Perchè ho sempre tenuto presente un famoso detto milanese: ofelè, fa el to mestè..........

      Rispondi

      • silviococconi

        30 Giugno @ 09.38

        Che risposta da ignoranti ! ...

        Rispondi

      • federicot

        25 Giugno @ 17.23

        federicot

        La gazzetta fa sempre così....aspetta che le notizie arrivino da sole in via Mantova. Se arriva la foto di uno con l'arma del delitto in mano e il cadavere allora si può dire che è assassino. Io faccio il mestiere che sono riuscito a trovare, lo faccio come posso e non vado in giro a dire che lo so fare. E soprattutto se qualcuno mi dice che lo faccio male, prendo su e porto a casa. Magari mi serve per farlo meglio.

        Rispondi

        • 25 Giugno @ 17.41

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - La Gazzetta fa sempre così...aspettando che federicot passi dalle parole (a vanvera) ai fatti, mettendo su un giornale o un sito web con il quale surclassare la concorrenza obsoleta e balorda. Nell'attesa, continua a rispondere ai lettori arroganti come federicot che se la Gazzetta non gli piace può sempre guardare la tv o un buon libro o il cielo. Magari gli serve.

          Rispondi

        • federicot

          25 Giugno @ 21.20

          federicot

          faccio un altro lavoro e accetto critiche da chiunque sul mio operato , specie da chi NON fa il mio lavoro. Non ci vuole un farmacista per capire che un clistere non è una aspirina....se ne accorge anche il cliente. E di norma i giornalisti vengono giudicati dai lettori , non da altri giornalisti.

          Rispondi

        • 25 Giugno @ 21.23

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Non lo dica a noi di accettare le critiche dai lettori: pensi che sul nostro sito ospitiamo da tempo un lettore che non sa fare altro.....

          Rispondi

      • calico

        25 Giugno @ 16.25

        Esattamente un anno dopo l'articolo inglese. E a licenza Uefa sfumata. Ma Leonardi aveva l'abitudine di querelare anche per molto meno.

        Rispondi

        • 25 Giugno @ 16.49

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Lei ha scritto "mica avete chiesto ecc. ecc,", io le ho dimostrato che non era vero che non l'abbiamo chiesto.

          Rispondi

  • Oberto

    25 Giugno @ 13.23

    ma io penso che se la squadra fosse stato un ramo secco che nessuno voleva Bondi la recideva senza tanto pensarci ( non è certo per magnanimità o passione per il calcio che Bondi non l'ha fatta fuori da subito, è una persona sicuramente capace e patica) e proprio grazie a Ghirardi la squadra ha potuto procedere ad un certi livello questo va riconosciuto. Poi per quello che è il mio parere se tutti seguissero il calcio come lo seguo io ( cioè mai ) non ci sarebbero problemi di calciopoli, perché le uniche partite che si giocherebbero sarebbero quelle all'oratorio.

    Rispondi

  • Pino

    25 Giugno @ 13.13

    Vediamo 8 anni Ghirardi prendeva il Parma e tutti contenti...sempre circa 8 anni fa si sbolognava l' aeroporto a una banca austriaca che non si è mai capito cosa sia venuta a fare...è vero forse l' aeroporto sarebbe campato meno ma non si sono risolti i problemi...anche lì si gridava al salvatore privato che avrebbe pagato il servizio alla città non si s bene perché mentre ovunque il pubblico sosteneva ed espandeva tutti gli altri scali. I danni di questa città arrivano da lontano. Finché non capiremo che dobbiamo affrontare concretamente i problemi senza cercare chissà quale cavaliere bianco che ci venga a salvare saremo sempre messi peggio.

    Rispondi

    • silviococconi

      30 Giugno @ 09.43

      Bravo !

      Rispondi

  • calico

    25 Giugno @ 12.32

    A Ghirardi non va riconosciuto proprio un bel niente. Saremmo andati in D 8 anni fa? E allora? Lui ha preso il Parma con zero debito e l'ha fatto fallire. Non ha dilapidato la stima in 2 mesi, ma in tutta la sua gestione. Solo che le cose non saltavano fuori e se saltavano fuori si faceva finta di niente. Questo signore non ha pagato Bojinov e Zaccardo avendoli comprati ben prima del 2014 (e chissà quanti altri che non sappiamo). Nell'estate del 2013, prima dell'Europa League, in Inghilterra parlavano di mercato delle vacche riferendosi al Parma. Ma da noi Leonardi era un genio. Sempre all'epoca si sapeva già che non pagavano gli autobus, ma tutti zitti. Questa gestione ha fatto schifo sempre, con la complicità di tutti : stampa, tifosi, federazione e lega (che ci permattevano l'iscrizione anche se non pagavamo i giocatori presi all'estero).

    Rispondi

    • 25 Giugno @ 13.20

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Egregio (e anonimo...) lettore che fa il professore, se io oggi scrivo che il signor "calico" sta per fallire o pratica irregolarità nella gestione della sua azienda, il signor "calico" mi potrebbe querelare. Perfino se in seguito, e solo inseguiro, risultasse vero quello che ho scritto. Quindi, prima di sentenziare è sempre bene essere sicuri di conoscere la materia. Specie se ad impartire lezioni è un nickname...

      Rispondi

      • calico

        25 Giugno @ 15.18

        Non parlo di fallimento. Ma se non paghi e ci sono le prove, magari qualche domanda te la faccio senza darti del delinquente. Se in Inghilterra si chiedono perchè una squadra abbia 200 giocatori a libro paga, magari anche la stampa locale poteva chiederselo. Senza dare lezioni, ma nel mio piccolo abbonato dal 1987 nel 2013 non ho fatto l'abbonamento quando la grandeur era all'apice. Mi sono fatto una domanda e dato una risposta. Altri non l'hanno fatto? Niente di male, ma sono stufo di sentire che Ghirardi fino ad un anno fa era un santo, no non lo era (e questa non è un opinione).

        Rispondi

        • 25 Giugno @ 15.34

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Provo ad essere ancora più chiaro, anche se continuo a diffidare delle lezioni degli anonimi. 1) Le domande, al di là delle leggende metropolitane, sono state fatte, anche perchè già un anno prima della Uefa (sul campo) si era parlato di possibile cessione da parte di Ghirardi. Se poi Leonardi e Ghirardi ti dicono che tutto è a posto cosa fai: li picchi finchè non confessano i loro misfatti? 2) I 200 giocatori a libro paga non sono una cosa molto diversa dalle famigerate plusvalenze degli anni '90 o dalla cartolarizzazione o da altri mille trucchi con i quali il calcio è sopravvissuto in Italia in questi decenni (per non parlare del contorno di scommesse ecc.) La sensazione - e già la cronaca sta proponendo un caso Sampdoria - è che al di là del caso Parma pochissime società, anche "insospettabili" abbiano oggi un bilancio davvero sano. Ma un conto è parlare di impressioni o parlarne alla macchinetta del caffè o in pizzeria: un conto è scriverlo a rischio querela 3) Un anno fa, fino a prima della vicenda legata alla licenza Uefa, Ghirardi era un santo: o meglio, nel mondo del calcio appariva tale, tanto da essere anche un consigliere di Lega (formalmente temo addirittura lo sia ancora) 4) Guardia di Finanza, Magistratura, Covisoc, Governo del calcio avevano ed hanno gli strumenti per guardar dentro veramente alla situazione di una società. E lo stesso valeva per tutti coloro (dipendenti, fornitori ecc.) che avevano crediti con la società e che hanno taciuto. E che io certo non condanno, perchè evidentemente lo hanno fatto chi sperando di aiutare la società in un momento difficile e chi sperando di portare a casa alla fine i propri crediti. E di fronte a tutti questi silenzi secondo lei un giornale può scrivere che "il Parma è in bancarotta"? Di farlo adesso, ovviamente, siamo capaci tutti. Di dire adesso che andava fatto ieri sono capaci soprattutto i professori e i leoni da tastiera: così professori e leoni da restare anonimi......

          Rispondi

        • calico

          25 Giugno @ 16.01

          Cerchiamo di capirci, se le interessa. Concordo con molte cose contenute nela risposta. Mi consenta però di dissentire comunque dalla sostanza (es. Ferrero lo esaltiamo perchè tanto fanno tutti così?) . Ognuno degli attori (come federazione e lega, tifosi, stampa ecc.) da lei e da me citati aveva gli strumenti per farsi un opinione, anche se parziale. Quando è uscito lo scandalo per me non è stato un fulmine a ciel sereno, se per altri lo è stato l'opinione che si erano fatti non collimava con la realtà ma adesso è inutile che continuino a propinarla Alcune considerazioni finali: 1) che fosse consigliere di lega non significa nulla, un mafioso può stare anche al governo ma continua ad essere mafioso (il problema è del governo); 2) esprimere una critica non significa impartire una lezione a qualcuno. Il giornalismo è un lavoro soggetto al giudizio del pubblico, che può apprezzare oppure no. 3) mi chiamo Davide Montani, se questo può cambiare le cose

          Rispondi

        • federicot

          25 Giugno @ 17.15

          federicot

          stai Sereno Davide....in via Mantova non c'è la Gabanelli e se qualcuno telefona in Gazzetta dicendo che c'è puzza di bruciato stai sicuro che han tutti il raffreddore.

          Rispondi

        • 25 Giugno @ 17.42

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Questo, ovviamente, prima che federicot scendesse in terra a insegnarci il mestiere e la vita...

          Rispondi

        • federicot

          25 Giugno @ 18.59

          federicot

          se scrivete sulla gazzetta e non sul NYT ci sarà un motivo....penso che siate consci dei vostri limiti. Io i miei li conosco molto bene.

          Rispondi

        • 25 Giugno @ 19.04

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - L'ultima frase è la più bella battuta che tu ci abbia scritto da quando hai iniziato a inviare i tuoi commenti. Pardon, intendevo dire le tue lezioni....

          Rispondi

        • federicot

          25 Giugno @ 21.27

          federicot

          Già, sono arrogante, antipatico , testardo , spocchioso e saccente. Spesso ripetitivo .... tutti limiti e difetti che mi porto dietro da tempo, Solo che io non vado in giro a negare di averli. Sono così e basta.

          Rispondi

        • 25 Giugno @ 16.59

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Caro Davide, capire i lettori ci interessa sempre, ovviamente. E proprio per capirci: lei cita Ferrero, e allora usiamo proprio questo esempio. Un conto è esaltarlo (però se guardiamo alla stagione sportiva della Samp io come cronista lo loderei), un conto è quello che c'è sotto il tappeto. Ovvero: se domani la Sampdoria rivelasse una situazione non dico tipo Parma ma comunque di difficoltà economica, lei si sorprenderebbe? Immagino di no, e come lei neppure io. Ma un conto è "fiutare" una situazione, che credo sia di tutto il calcio italiano, a parte il caso Parma che si è elevato - purtroppo - all'ennesima potenza. E un conto è scrivere nero su bianco su una pubblica testata che la Samp di Ferrero è ormai fallita o peggio che nella gestione di quella società c'è puzza di irregolarità. La puzza è qualcosa di cui possiamo parlare con gli amici in pizzeria, non una cosa da scrivere (a meno che io non abbia in mano documenti che neppure la Finanza...). Per questo dico che chi giudica un mestiere (e sia chiaro che sono il primo a dire che noi giornalisti a Parma e altrove abiamo mille difetti) deve però conoscerne bene gli aspetti, se non vuol dire cose superficiali o false (anche se dò per certa la sua buona fede). Del resto, ricordo benissimo che un amico esperto di queste cose mi disse alcuni anni fa che la Fiat era tecnicamente fallita: magari aveva anche ragione, ma oggi la Fiat in qualche modo è ancora viva, no? Ecco: noi non chiediamo mai ai lettori di non criticarci (e questo sito, me ne darà atto, ospita critiche come forse pochi altri), ma di rispettare chi fa questo lavoro allo stesso modo in cui io non mi permetterei mai di insegnare il lavoro a un chirurgo o a un tornitore, perchè per quanto sembri facile - un po' come il ct della Nazionale - anche questo è un mestiere con le sue specificità, le sue regole e i suoi limiti, compresi quelli del codice penale. Comunque la ringrazio perchè anche queste sono occasioni - spero - per spiegare ai lettori il perchè di un titolo o di un articolo o di una notizia "non data".... (G.B.)

          Rispondi

        • calico

          25 Giugno @ 17.35

          Grazie anche lei per il tempo dedicatomi.

          Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti