19°

34°

lettere

Via Trento e S. Leonardo: ma che strade hanno lasciato...?

Una lettrice denuncia alla Gazzetta la situazione dopo i lavori

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
8

Signor direttore,
vorrei parlare dello stato di via San Leonardo e via Trento dopo il devastante passaggio dei lavori Enìa.
Ci sono dappertutto cartelli di segnalazione lavori abbandonati, a volte anche pericolosi per le auto o per le biciclette. L’asfalto è un susseguirsi di gobbe dove non è già sprofondato. Gli autobloccanti dei marciapiedi non sono stati ripristinati ma sostituiti da ghiaia, che quindi invade poi la pista ciclabile.
La mia domanda è: nessuno controlla come vengono ripristinati i lavori? Non dovrebbe esserci una commissione, un referente che bacchetta Enìa per i lavori fatti male? Siamo veramente in mano a nessuno?
Mi auguro davvero che facciano una bella ripassata sul percorso e rendano di nuovo agibile in sicurezza le nostre strade.
Nostre… vuole dire di tutti, anche dell’Amministrazione Comunale che deve sanzionare che gli rovina la città non solo perché lascia un sacchetto in più per strada ma anche e soprattutto perché la squarta e poi non si preoccupa di curarne le ferite.

Leggi tutte le lettere e segnalazioni al direttore sulla Gazzetta di Parma

SAN LEONARDO-CORTILE SAN MARTINO: tutte le notizie

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    29 Ottobre @ 22.55

    Meglio aspettare un anno con piccoli avallamenti perchè asfaltando la strada il prossimo anno non ci saranno cedimenti, guardate la provincia di parma in via traversetolo cos'ha fatto, ha fatto fare i lavori due anni fa, ha fatto rattoppare quà e la, un anno di polemiche della gente e poi lo scorso anno ha asfaltato completamente la strada e adesso è perfetta. Purtroppo in Italia non facciamo i lavori come si deve, cosa vogliamo fare le asfaltature come in tangenziale? meglio aspettare che si assesti il terreno visto che non è stato schiacciato. E pensare che i primi al mondo a fare strade perfette siamo stati noi romani...

    Rispondi

  • Elena

    29 Ottobre @ 17.55

    Verissimo, dove passa Iren rimane uno sfacelo. Ricordo che la zona in questione la stanno "sbudellando" da almeno tre anni, e a parte via S. Leonardo, anche tutte le vie interne fino a Via Paradigna, per non parlare di Via Venezia, sono in uno stato pietoso. Il buco in via Imperia, che ha creato disagi non da poco non permettendo di collegare via Paradigna a via S. Leonardo se non passando dalla trafficata Via Venezia, l'hanno chiuso l'altro ieri (ricordo che i lavori nella zona sono cominciati in estate). Attendiamo con ansia almeno la segnaletica orizzontale. Mi chiedo, come l'altra lettrice, se davvero chi svolge i lavori per Iren, e Iren stessa, abbiano carta bianca su tutto.

    Rispondi

  • Marco

    29 Ottobre @ 17.47

    L'atteggiamento di IREN verso questa città si può riassumere con pochi ma chiari concetti: limone da spremere, imponendo lavori e servizi appaltati ai prezzi più bassi possibili, a imprese che non hanno certo la qualità nei loro standard e che operano con spregio e disprezzo della città e dei suoi cittadini. Spregio e disprezzo, che di conseguenza, viene da Iren. Spregio e disprezzo che, di fatto, ci meritiamo, accettando tutto, dal termovalorizzatore al teleriscaldamento, dal fatto che si scavi sempre nelle stesse strade un anno dopo l'altro senza una programmazione che potrebbe ridurre i costi sostenuti, ad esempio facendo coincidere gli scavi per interrare condutture elettriche e fibra ottica e condotte idrauliche. Nessuno pensa lontanamente che ci sia un'autorità in grado di esercitare rivalsa verso chi non sa lavorare a regola d'arte. In questo contesto il cittadino brontola e trova odiose anche sanzioni che sarebbero giuste (errori nella raccolta differenziata, passaggi nelle corsie preferenziali, violazioni ztl): tipica reazione verso chi sa essere forte solo con i deboli. Anche i lamenti di chi ha un'attività commerciale non sono considerati, che diamine, pretendono di fare reddito mentre noi stiamo lavorando per voi -pardon- per noi ?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    29 Ottobre @ 17.33

    E VA ANCORA BENE CHE VI HANNO LASCIATO LA MULATTIERA ! State buoni prima che vi tolgano anche quella ! Comunque , tranquilli ! Fra un po' rispaccano di nuovo ! Per quanto riguarda i lavori non sono di ENIA , ma di IREN , che , senza il compiacente permesso del Comune di Parma , non avrebbe potuto toccare neanche un sassolino ! LA PEGGIOR DEVASTAZIONE DELLA CITTA' DOPO I BOMBARDAMENTI DEL 1944 ! Bisognerebbe poi andare a vedere chi ha assegnato appalti e subappalti , a chi li ha assegnati , come li ha assegnati , chi e come ha seguito lo svolgimento dei lavori..........

    Rispondi

    • Asterix

      29 Ottobre @ 18.48

      Il bene stare del Comune si ok ma di quale giunta? per correttezza lo diciamo! Detta come l'hai detta tu sembra che sia l'attuale giunta, ma la rete di teleriscaldamento è parte integrante dell'autorizzazione del 15/10/2008 nr 938 dove sono presenti il SIA che il VIA. Stando a quanto dici tu il comune da il benestare (ribadiamo che non lo ha dato l'attuale giunta) ma con che atto può fermare i lavori che sono già stati autorizzati (cit.)?

      Rispondi

      • Maurizio

        29 Ottobre @ 22.47

        Asterix ma che problema c'è? Tanto la gente dimentica, se pizzarotti o un qualsiasi sindaco blocca i lavori sarà sempre colpa sua, anche se poi dovrà magari pagare milioni di euro di risarcimento danni ad iren perchè i lavori non glieli ha fatti terminare..... Ricapitolando se i lavori si fanno colpa di pizzarotti, se non si fanno colpa sua perchè deve risarcire iren....

        Rispondi

  • sindaco

    29 Ottobre @ 16.45

    come non condividere... però ho visto che nei giorni scorsi è stata data un'altra passata di asfalto perchè lo strato sotto aveva totalmente ceduto... resisterà questo nuovo strato? speriamo...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Sgarbi operato, sta bene

A CATTOLICA

Sgarbi operato, sta bene

1commento

Notte d'estate a Parma: Elena, modella sullo Stradone

Gazzareporter

Notte d'estate a Parma: Elena, modella sullo Stradone

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Delitto di via San Leonardo: Solomon in Procura a Parma incontra il padre

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

5commenti

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

Alimentare

Sciopero e presidio alla Froneri (ex Nestlé)

1commento

Tg Parma

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

2commenti

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

5commenti

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

2commenti

SORAGNA E BUSSETO

I sindaci dicono no ai profughi: "Non ci sono strutture adatte"

5commenti

PARMA

"Insieme", bando della Fondazione Pizzarotti a sostegno delle famiglie fragili

SPETTACOLI

La carica dei 5mila all'Arena Shakespeare

Storie

Ieri e oggi: i maestri gelatai della Valtaro e Valceno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

9commenti

SPORT

Tg Parma

Ritiro di Pinzolo, prime due sedute di allenamento per il Parma

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

natura

Mamme d'Appennino: la volpe allatta i suoi cuccioli Video

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel